Renzi ad aprile da Obama. Usa, “Italia valido alleato”

Pubblicato il 17 marzo 2015 da redazione

US President Obama meets Italian Premier Renzi

ROMA. – Matteo Renzi debutta da premier alla Casa Bianca: il 17 aprile volerà a Washington per incontrare il presidente americano Barack Obama che lo ha invitato. Per un colloquio a tutto campo. Dalla Libia – dove l’Italia intende giocare un ruolo di leadership – all’Ucraina, passando per la lotta all’Isis ed al terrorismo, fino alla delicata situazione economica nel Vecchio continente cui, da tempo, l’America che si è rimessa in moto guarda con preoccupazione. Contando su chi, come il premier italiano, punta alla crescita e al lavoro, superando le vecchie politiche di sola austerity. Tutte sfide globali su cui gli Stati Uniti di Obama guardano all’Italia come un “valido alleato della Nato e un valido partner”, ha ricordato la Casa Bianca annunciando l’incontro. Il faccia a faccia “si inserisce – gli fa eco Palazzo Chigi – nel solco dello storico rapporto di amicizia Italia-Usa, partner e alleati, e dei regolari contatti tra i due leader sui temi di comune interesse, sia bilaterali che transatlantici”. A questo incontro, che era atteso da tempo, Roma sta lavorando da mesi: fino ad oggi la data della missione di Renzi Oltreoceano non era stata fissata, malgrado l’invito fosse arrivato dallo stesso Obama quasi un anno fa. “Spero di poter accogliere molte volte Renzi alla Casa Bianca come primo ministro”, aveva detto il presidente Usa nel marzo dello scorso anno a Villa Madama, quando venne in visita nella capitale. Obama aveva ricordato di “aver accolto Renzi alla Casa Bianca quando era sindaco di Firenze in una riunione con un gruppo di sindaci”. Fu quella la prima volta – era il gennaio del 2010 – che Renzi strinse la mano a Obama. A quel presidente americano cui il premier, da sempre, guarda come ad un esempio: “Per me e la mia squadra è fonte di ispirazione”, aveva detto, sottolineando che quello slogan ‘Yes we can’ “oggi vale anche per noi in Italia”. Di certo il colloquio alla Casa Bianca del 17 aprile sarà occasione per ribadirlo. E per ‘spiegare’ a Obama quello che l’Italia ha fatto finora e sta facendo. A cominciare dalle riforme, suo cavallo di battaglia, che il premier illustrerà al presidente Usa e su cui punta per spingere l’Ue verso una sempre maggiore strategia pro-crescita e occupazione. Un tema ‘caro’ agli americani che temono da sempre i rischi che i venti di debolezza dell’Europa attraversino l’oceano. Ne hanno già parlato al G20 di Brisbane, dove la crescita è diventata un must non solo europeo ma dell’intero pianeta, ricorda Palazzo Chigi, rammentando quei colloqui australiani tra Renzi e Obama sull’economia globale “nella prospettiva della condivisa priorità attribuita alla crescita e alla creazione di posti di lavoro”. Ma sul tavolo ci saranno anche e soprattutto le crisi globali. A cominciare dalla Libia, su cui l’Italia intende giocare un ruolo di player principale. Convinta della necessità di raggiungere una riconciliazione nazionale prima di qualsiasi intervento di sostegno sul terreno, Roma sta tessendo una ‘tela’ anche con l’Egitto di al Sisi e la Russia di Putin. Renzi è volato a Mosca solo qualche settimana fa. E probabilmente il colloquio avuto con lo ‘zar’ sarà tra i temi che affronterà nella Studio Ovale in un momento in cui i rapporti Usa-Mosca sono ai minimi storici. Anche in chiave Ucraina. Renzi – è atteso – ribadirà all’alleato d’Oltreoceano la posizione europea e gli sforzi per il rispetto degli accordi di Minsk. Ma anche i motivi per cui da sempre ritiene necessario mantenere al tavolo la Russia, attore protagonista in molte crisi regionali. Come nel caso della lotta al terrorismo e all’Isis, per la quale occorre un fronte compatto delle grandi potenze. L’incontro sarà poi l’occasione anche per affrontare l’accordo di libero scambio Usa-Ue (Ttpi, Transatlantic Trade and Investment Partnership), i cambiamenti climatici e la sicurezza energetica. E la questione mediorientale, anche alla luce di quanto emergerà stanotte dalle urne in Israele. E chissà se Obama ‘controllerà’ anche questa volta i capelli di Renzi. Un anno fa, incontrandolo, aveva scherzato sul fatto che non ne avesse ancora di bianchi mentre lui, dall’arrivo alla Casa Bianca, si era ingrigito. Solo un mese dopo, rivendendolo al G7 di Bruxelles, gli aveva fatto notare: “Vedo che iniziano a spuntare anche a te…”.
(di Marina Perna/ANSA)

Ultima ora

17:30Roma:domenica ecologia slitta a 25/2, 17/12 pedonalizzazioni

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La sindaca di Roma Virginia Raggi ha firmato l'ordinanza per posticipare la domenica ecologica del 17 dicembre 2017 alla nuova data del 25 febbraio 2018. In aggiunta allo spostamento della data si è scelto di valutare la possibilità di pedonalizzare, nella giornata del 17 dicembre, una via in ogni Municipio al fine di creare tante isole pedonali libere dalle auto. Alcune associazioni di commercianti avevano chiesto lo slittamento visto che la domenica ecologica cadeva nel fine settimana di shopping pre-natalizio. Inoltre l'assessorato alla Sostenibilità Ambientale ha deciso di riproporre l'iniziativa di piantumazione di essenze nelle tre "domeniche ecologiche" ancora in programma (21 gennaio; 11 febbraio e 25 febbraio).

17:29Calcio: Spalletti, con Juve Inter non perfetta

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - "Contro la Juventus abbiamo giocato con un'unica anima ma non abbiamo fatto la partita perfetta". L'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti torna così, alla vigilia della Coppa Italia, ad analizzare il pareggio di Torino. Una sfida che a Spalletti non ha dato indicazioni ulteriori: "A me non ha dato niente di nuovo, è stato come riguardare una foto che avevo già sul cellulare. Ha consolidato le certezze e i punti su cui dobbiamo migliorare per crescere ulteriormente. A Torino abbiamo fatto vedere sia le nostre qualità che ciò che è ancora da mettere a posto".

17:27New York: polizia, uomo fermato si chiama Akayed Ullah

(ANSA) - NEW YORK, 11 DIC - Il fermato per l'esplosione di New York ha 27 anni e si chiama Akayed Ullah. Lo afferma il capo della polizia di New York, James O'Neill. L'uomo è attualmente in ospedale.

17:25Gratta e annuncia al bar, “ho vinto due milioni di euro”

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Un gratta e vinci per sfidare la fortuna, come ogni giorno. Ma questa mattina un urlo di gioia ha interrotto il primo caffè di molti avventori del bar "Dal pescatore", a San Giovanni Suergiu, nel Sulcis, una delle zone più povere d'Italia. "Ho vinto due milioni di euro!", ha gridato quell'uomo che da anni frequenta il locale gestito da Angelo Nocco. Erano le 6.30 del mattino. "E' una persona che conosciamo bene - racconta all'ANSA il titolare del bar - è un operaio del polo industriale di Portovesme, avrà una quarantina di anni. Viene ogni giorno da noi, prende un caffè e compra un 'gratta e vinci'. Anche oggi è andata come al solito: ha ordinato e si è seduto al tavolo dopo aver comprato un 'Mega Miliardario' da 10 euro". Pochi istanti per grattare il biglietto e l'urlo improvviso del giocatore che ha colto tutti di sorpresa. "Si è alzato in piedi e ha gridato di aver vinto 2 milioni di euro - racconta ancora Angelo Nocco - si è avvicinato al bancone e mi ha mostrato il biglietto. Io ho cercato di controllare ma a quel punto lui si deve essere spaventato. Mi ha detto: 'se avessi vinto veramente 2 milioni di euro lo direi a te?'. Poi mi ha strappato di mano il tagliando: volevo fare una fotocopia per mostralo a tutti, ma lui deve aver avuto paura. Prima di uscire ha detto che mi avrebbe fatto un regalo". Non c'è quindi la certezza matematica della vincita milionaria, ma il comportamento successivo dell'operaio non lascerebbe spazio ai dubbi. "È salito in tutta fretta in macchina e per ben tre volte ha tentato di allontanarsi, ma l'auto si è bloccata sobbalzando e spegnendosi. Si comportava come se fosse emozionato, euforico. Anche un nostro cliente lo ha notato, pensava fosse ubriaco". Ora bisognerà attendere il momento dell'incasso del biglietto e la segnalazione che l'agenzia farà al bar per capire se effettivamente la dea bendata ha baciato il Sulcis e la Sardegna. Un'isola dove, forse proprio a causa della crisi, in molti tentano la fortuna al gioco. Secondo il report dei Monopoli relativo al 2016, in un solo anno nell'Isola sono stati bruciati 2,1 miliardi di euro nell'azzardo. (ANSA).

17:22Maltempo: tratto passeggiata crolla in mare a Vado Ligure

(ANSA) - SAVONA, 11 DIC - Il maltempo continua a fare danni in provincia di Savona. A Vado Ligure la mareggiata ha fatto crollare un tratto della passeggiata pedonale, fortunatamente non si registrano feriti. Sull'autostrada A10 a causa dell'asfalto viscido un Tir si è parzialmente rovesciato nel tratto tra Albisola e Celle Ligure, bloccando la carreggiata. Il conducente è stato portato in ospedale in codice giallo. La Valbormida continua ad essere isolata dal capoluogo, e i black out interessano ormai gran parte della provincia.

17:20New York: de Blasio, è stato tentato un attacco terroristico

(ANSA) - NEW YORK, 11 DIC - "E' stato un tentato attacco terroristico". Lo afferma il sindaco di New York, Bill de Blasio. "Non c'è nessun'altra minaccia in questo momento nella città di New York", ha aggiunto. "Questa e' New York, la nostra realta', quella con cui dobbiamo fare i conti. Siamo un obiettivo internazionale", ha dichiarato il governatore dello stato di New York, Andrew Cuomo, commentando l'esplosione di stamattina. "Dobbiamo andare avanti tutti insieme".

17:20Atletica: Tortu, concentrato sugli Europei

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Troppa pressione nell'essere accostato a Mennea? Sicuramente a me fa piacere essere paragonato ad un grande atleta come Mennea. Ma questa pressione forse non l'ho mai sentita perché cerco di non darle tanto peso, sia negli aspetti positivi che negativi di questa attenzione che sto ricevendo, per questo non è stato un grosso cambiamento dopo il Golden Gala". Sono le parole del velocista azzurro Filippo Tortu, tra gli 'ambasciatori' Toyota dell'Italia Team, oggi presente alla presentazione della campagna che il gruppo giapponese ha avviato con Coni e Cip. "Sicuramente so che man mano che vado avanti le aspettative sono molto più alte ma sono tranquillo e voglioso di iniziare la nuova stagione", ha aggiunto Tortu a margine dell'evento. "Siamo una generazione che può fare veramente bene - ha aggiunto Tortu - L'appuntamento più importante prossimo è quello degli Europei di Berlino, prima di provare ad arrivare a Tokyo, anche se il 2020 si sta avvicinando sempre di più".

Archivio Ultima ora