Tangenti: Storace, problema non solo Lupi ma tutto governo

Pubblicato il 19 marzo 2015 da ansa

(ANSA) – ROMA, 19 MAR – “Etica pubblica impone che le responsabilità di guida istituzionale non debbano riguardare persone – a torto o a ragione – coinvolte in inchieste. Specie se si parla di mazzette, come nel caso del Ministero di Maurizio Lupi. Lupi che pensa di cavarsela dicendo che in casa non hanno bisogno di orologi quasi spingendoci a domandare se ci sia altro di cui si abbisogna in casa sua. Il problema, però, non riguarda il solo Ministro ma tutto il Governo che dovrebbe andare a casa”. Lo afferma Francesco Storace, segretario nazionale de La Destra e vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio. “In una semiseria cronaca da un possibile Consiglio dei Ministri – prosegue Storace – avremmo il ministro Lupi col figlio, la ministra Boschi col padre, la ministra Madia col marito e il premier con l’augusto genitore. Tutti interessati e lambiti da scandali che, se non sono illeciti, cosa di cui eventualmente si occuperà la magistratura, sono certamente inopportuni politicamente. Da ministro della Salute, coinvolto in un’inchiesta di cartone da cui poi andai pienamente assolto, non attesi l’arrivo di un avviso di garanzia ma mi dimisi subito. I proclami di Renzi sulla questione morale, invece, cozzano con i fatti acclarati – aggiunge Storace su Il Giornale d’Italia – e non basta più il santino di Cantone per pararsi la poltrona. Non basta sopportare i salvagente per i sottosegretari e i parentami dei Ministri, ora dobbiamo tollerare che ad un De Luca si tenti di offrire una scialuppa per la regione Campania nonostante la legge Severino. A parente di Ministro – conclude Storace – si somma parente di altro Ministro in uno scandalo senza fine al quale si può solo rispondere: andatevene tutti a casa’”. (ANSA).

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

16:47Calcio: Cellino, col Genoa non me la sono sentita

(ANSA) - BRESCIA, 18 AGO - "Certo che voglio andare Serie A, ma bisogna avere pazienza" ha detto Massimo Cellino nel corso della presentazione come nuovo patron del Brescia calcio. "Non mettetemi fretta perché conosco il calcio" ha aggiunto Cellino. "Faccio calcio da professionista e non per hobby perché sarebbe troppo caro per me. Ho parlato con Preziosi per il Genoa e con lui mi lega una profonda amicizia, ma ho valutato e non me la sono sentita perché sarebbe stato un impegno economico troppo importante".

16:47Uno bianca: permesso premio. Familiari, ma che giustizia è?

(ANSA) - BOLOGNA, 18 AGO - "Rimango allibita. Non mi aspettavo una cosa di questo genere. Non è giusto, che giustizia è?". Così all'ANSA Rosanna Zecchi, presidente Associazione familiari vittime della Uno bianca, commentando il permesso a Marino Occhipinti, condannato all'ergastolo per uno degli omicidi della banda, di trascorrere una settimana in un albergo in Valle d'Aosta. Proprio dei permessi ai killer della uno bianca, Zecchi - che ha spiegato come quello in corso non sarebbe il primo di questo tipo per Occhipinti - ha detto di averne parlato anche al ministro della Giustizia Andrea Orlando, ospite, due mesi fa a una Festa dell'Unità a Bologna: "Era alla Festa del'Unità delle Due Madonne e sono andata a parlarci. Lui ci ha detto di stare calmi perché dopo 20 anni possono avere permessi. Ma un permesso come questo di una settimana mi sembra eccessivo... Occhipinti Sarà cambiato? Io spero solo che non faccia altri atti violenti. Tutelare la società civile non interessa a nessuno".

16:44Calcio: Cellino, il Brescia mi dà garanzie

(ANSA) - BRESCIA, 18 AGO - "So che ci sono grandi aspettative su di me. Brescia è una cittá meravigliosa": sono le prime parole di Massimo Cellino nel corso della sua presentazione come nuovo proprietario del Brescia. "Ci tengo tanto a far bene e se ho comprato il Brescia é perche il club mi da garanzie perché é pulito e non ci sono erbacce e questo é un vantaggio immenso", ha detto Cellino che prima della conferenza stampa aveva visitato la sede societaria.

16:32Donna fatta a pezzi: convalidato il fermo per il fratello

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Il Gip di Roma ha convalidato il fermo e contestualmente emesso un'ordinanza di custodia in carcere per Maurizio Diotallevi, l'uomo che ha ucciso e fatto a pezzi la sorella Nicoletta il 14 agosto scorso. E' quanto disposto dal giudice Anna Maria Fattori al termine dell' interrogatorio di convalida svolto nel carcere di Regina Coeli. L'arrestato, difeso dall'avvocato Gaetano Scalise, è accusato di omicidio volontario aggravato dalla parentela con la vittima e occultamento di cadavere.

16:20Barcellona: fidanzata Russo, frattura piede e gomito

(ANSA) - BASSANO DEL GRAPPA (VICENZA), 18 AGO - Marta Scomazzon, la fidanzata bassanese di Luca Russo, la seconda vittima italiana dell'attentato di Barcellona, si trova in un ospedale della città spagnola con un piede e un gomito fratturati. Lo riferiscono fonti vicine alla famiglia. I genitori di Marta sono già partiti stamane per Barcellona. Luca Russo viene descritto come un giovane bello, molto semplice, che aveva conseguito la laurea triennale in ingegneria, ed aveva trovato subito impiego in un'azienda di refrigerazione del padovano.

16:07Calcio: Roma, Iturbe ceduto al Club Tijuana

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Juan Manuel Iturbe si trasferisce in Messico. L'attaccante della Roma, reduce dalla parentesi al Torino nella scorsa stagione, è stato ceduto in prestito con obbligo di riscatto (legato alle presenze) a 5 milioni di euro al Club Tijuana, formazione che milita nella Primera Division messicana. Iturbe firmerà un contratto quadriennale con gli 'Xolos' ed è atteso domani in Messico per sottoporsi alle visite mediche.

16:03Barcellona: Rajoy, terrorismo primo problema Europa

(ANSA) - MADRID, 18 AGO - La lotta contro il terrorismo "è il primo problema dell'Europa", ha detto il premier spagnolo Mariano Rajoy dopo un vertice di crisi a Barcellona con il presidente catalano Carles Puigdemont, all'indomani della strage della Rambla.

Archivio Ultima ora