Il Torino fuori dall’Europa League tra gli applausi

Pubblicato il 19 marzo 2015 da redazione

Soccer: Europa League; Torino-Zenit San Pietroburgo

TORINO. – La rimonta granata non è riuscita. Il Torino è uscito dall’Europa League agli ottavi e l’eliminazione, benché messa in preventivo, brucia all’indomani della magica serata della Juventus, piombata invece come una furia nei quarti della Champions. Per i granata è la serata dell’arrivederci all’Europa: l’1-0 sullo Zenit è troppo poco per rimediare allo 0-2 dell’andata a San Pietroburgo. Ma è finita comunque tra gli applausi, con il pubblico in piedi a ringraziare Ventura ed i giocatori per la bella stagione in Coppa, iniziata a luglio nei preliminari e finita questa sera con onore contro la capolista del campionato russo. Troppo tardi il gol granata, un’altra zuccata vincente di Glik. Era già il 90′, il Toro ed i suoi tifosi si erano forse già rassegnati a passare all’eliminazione dopo almeno tre grandi parate di Lodygin, una doppia, ravvicinata, su Martinez e Glik. Glik ha ravvivato la brace della passione e della speranza granata con un altro stacco imperioso di testa, su calcio d’angolo. I 6′ di recupero segnalati dal quarto uomo hanno riacceso il finale ed il Toro, con il 4-2-4 ultima chance provata da Ventura (Maxi Lopez, Quagliarella, Martinez ed Amauri tutti insieme) ha avuto il pallone del 2-0 e dei supplementari, ma l’appena entrato Lombaerts ha respinto sulla linea un tiro di Maxi Lopez. Poi Rondon ha tenuto i due palloni decisivi, ridando ossigeno allo Zenit. Il Toro ha giocato una discreta partita, ma non è riuscito a trovare il furore che ne hanno fatto la leggenda. Gli esterni poche volte hanno trovato la la misura nei cross, Maxi Lopez e Quagliarella sono stati quasi sempre fermati da Garay e Luis Neto, impalpabile El Kaddouri e Farnerud. All’inizio il Toro ha cercato di dosare gli sforzi, senza fare un pressing esagerato, ma avrebbe meritato di chiudere il primo tempo sull’1-0. Quando hanno innestato il turbo, i granata sono riusciti a spingere indietro lo Zenit. Troppi errori di misura dalla fascia sinistra di Molinaro e Moretti, mentre Darmian non riusciva a bucare sulla corsia opposta. Una punizione di Farnerud , con pallone a sfiorare il palo (17′) è stato il primo vero sussulto, dopo un palo colpito ma con l’azione fermata per fuorigioco. Proteste granata e fischi di tutto lo stadio su un fallo di mano di Tymoshchuk, proprio sulla linea dell’area di rigore. L’arbitro Jug – molti ammoniti, ma anche tanti errori e troppo permissivismo sulle rimesse dal fondo ritardate ad arte da Lodygin – ha concesso la punizione dal limite: Quagliarella è andato vicinissimo al gol (36′). Il Toro ha fallito il colpo in una successiva mischia in area e Quagliarella ha poi schiacciato troppo debolmente di testa sul cross di Farnerud. Lo Zenit ha avuto campo libero per due contropiede, senza esito. Nella ripresa ha sbagliato un’uscita Lodygin, ma Darmian non è riuscito a sfruttare l’occasione, poi una girata di Maxi Lopez, e un brivido sul tiro di Witsel. Infine, i fuochi d’artificio tardivi del Toro a 4 punte. (di Renato Botto/ANSA)

Ultima ora

13:52Usa: California, in fiamme una zona più vasta di NY e Boston

(ANSA) - LOS ANGELES, 11 DIC - I violenti incendi che ormai da oltre una settimana divampano nel sud della California sono purtroppo, affermano i vigili del fuoco, destinati ad aumentare, alimentati da forti raffiche di vento, mancanza di pioggia e boschi secchi a causa di una perdurante siccità. Nuovi ordini di evacuazione sono stati emessi per abitazioni nei pressi delle città di Montecito e Carpinteria, nella contea di Santa Monica. Nelle contee di Los Angeles, San Diego e Riverside sono stati mandati rinforzi per cercare di contenere diversi fronti di fuoco, che vengono globalmente denominati Thomas Fire e che complessivamente coprono un'area, scrive la Cnn online, maggiore di New York City e Boston messe insieme. Si tratta di risorse mobilitate verso la zona di Santa Barbara, per combattere l'incendio che ormai copre circa 700 chilometri quadrati e che è iniziato il 4 dicembre nella vicina contea di Ventura. Secondo un conteggio aggiornato a ieri sera, le fiamme hanno finora distrutto 790 strutture e danneggiate altre 191.

13:51Maltempo: troppa neve, chiusi mercatini Natale Aosta

(ANSA) - AOSTA, 11 DIC - "A causa del maltempo" sono chiusi i mercatini di Natale di Aosta. La scritta su un foglio A4 fuori dall'area del Teatro romano getta nello sconforto tanti turisti arrivati per fare compere nel noto Marché Vert Noel, in grado di attirare migliaia di visitatori ogni anno, dall'Italia e dall'estero. La perturbazione che da ieri sta interessando la regione non dà tregua neanche ad Aosta, dove si registrano tra i 60 e i 70 centimetri di neve. "Stiamo facendo una pulizia straordinaria, penso che nel pomeriggio riapriremo", spiega, contattato dall'ANSA, il sindaco Fulvio Centoz.(ANSA).

13:50Gerusalemme: Usa, un peccato che Anp non veda Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 11 DIC - "E' un peccato che l'Autorità nazionale palestinese prenda le distanze da una possibilità di discutere il futuro della regione". Così la Casa Bianca sul fatto che il presidente palestinese Abu Mazen, dopo la decisione Usa su Gerusalemme, non vedrà il 19 dicembre il vicepresidente Mike Pence. "Ma l'amministrazione Usa - ha detto la portavoce di Pence, citata dai media - resta determinata nei suoi sforzi di aiutare a raggiungere la pace tra israeliani e palestinesi e il nostro team di pace rimane al lavoro nel preparare un piano".

13:49Erdogan, Usa hanno mani sporche di sangue come Israele

(ANSA) - ISTANBUL, 11 DIC - "Con la loro decisione di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele, gli Stati Uniti sono diventati un partner negli spargimenti di sangue" di Israele. Così il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. "Quelli che rendono la vita difficile a Gerusalemme per i musulmani e altre fedi, non potranno lavare via il sangue dalle loro mani", ha aggiunto, ribadendo che "la dichiarazione del presidente Usa Donald Trump non vincola noi, né Gerusalemme".

13:40Calcio: Kepa e Odriozola, rinforzi spagnoli per Real Madrid

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Real Madrid è ad Abu Dhabi, dove mercoledì giocherà la seconda semifinale del Mondiale per club, contro l'Al Jazira che nei quarti ha battuto i campioni d'Asia, gli Urawa Red Diamonds giapponesi. La prima semifinale è invece quella domani tra i brasiliani del Gremio e i messicani del Pachuca. Ma a tenere banco in casa merengue è il mercato di gennaio, durante il quale la dirigenza dei campioni d'Europa vorrebbe mettere a segno un paio di colpi. L'orientamento è di puntare su giovani spagnoli, così è già stato raggiunto un accordo con il 23enne portiere dell'Athletic Bilbao, e della nazionale, Kepa Arrizabalaga. Kepa, che non rinnoverà il contratto con l'Athletic avrebbe già raggiunto, secondo quanto scrive 'Marca', un accordo della durata di 6 anni per 2,5 milioni netti a stagione. L'altro obiettivo del Real proviene anch'egli dai Paesi Baschi: si tratta del 21enne laterale destro della Real Sociedad Alvaro Odriozola, che si trasferirebbe nella capitale per giocarsi il posto con Carvajal.

13:33Orlando, Liberi e Uguali non sia bersaglio campagna Pd

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un incontro "non era previsto, ma sicuramente non considero Rossi un avversario politico. O, come dire, non riesco ancora a considerarlo un avversario politico. Quindi, sicuramente sono interessato a capire cosa sta succedendo in quell'ambito, che credo non dovrebbe essere bersaglio della nostra campagna elettorale". Lo ha detto il ministro della Giustizia Andrea Orlando, oggi a Firenze nella sede della Regione Toscana, parlando con i giornalisti che gli chiedevano se nell'occasione avrà un colloquio 'politico' con il governatore toscano Enrico Rossi (Liberi e Uguali).

13:33Sicurezza: Milano, al via nuove misure a Palazzo Marino

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Al via le nuove misure di sicurezza a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano. A partire da oggi tutte le persone che entreranno in Comune saranno controllate dai vigili della Polizia locale, che presidiano l'ingresso, con un metal detector portatile. Inoltre saranno controllate borse e bagagli e i documenti di identità. La misura era stata annunciata dal sindaco, Giuseppe Sala, dopo il blitz di CasaPound del 29 giugno scorso nell'aula del Consiglio comunale. (ANSA).

Archivio Ultima ora