La diplomazia del “microfono” e i nuovi prestiti della Cina al Venezuela

Pubblicato il 24 marzo 2015 da redazione

Accordi-Venezuela-Cina

CARACAS. – Non stilettate ma vere e proprie sciabolate. Non è il discreto linguaggio del diplomatico che accusa, senza accusare; che dice, senza dire; che afferma, senza affermare. La cautela negoziatrice di chi sa che lo scontro frontale è poche volte il cammino adeguato, è ormai parte del passato. Il confronto, nella scacchiera internazionale, si svolge non solo con accuse urlate ma anche con espressioni dispregiative. Non è più il passo ovattato e aggraziato del felino ma quello tosco e goffo dell’elefante.

La “Casa Amarilla” ha una lunga tradizione. Non è necessario ricondurci al lontano 1811, anno in cui Juan Germàn Roscio, di origini italiane, fu nominato primo ministro degli Esteri del Venezuela. Sono sufficienti solo alcuni dei nomi che si sono alternati in questi anni di governi democratici; nomi di illustri intellettuali oggi ricordati con ammirazione: Andrés Eloy Blanco; Oscar García Vellutini, René Oscar De Sola, Aristide Calvani; Ramón Escobar Salom, Simón Alberto Consalvi, Germán Navas Carrillo, Enrique Tejera París, Angel Burelli Rivas. Alla loro diplomazia accorta, elegante, prudente ma concreta oggi si contrappone quella del “microfono”. Sembrerebbe che la diplomazia del presidente Maduro sia più attenta agli effetti propagandistici che a risolvere i conflitti sullo scacchiere internazionale o a mantenere i delicati equilibri regionali.

E’ in questo contesto che necessariamente dobbiamo collocare il “botta e risposta” tra Venezuela e Stati Uniti, dopo l’annuncio del presidente Obama di applicare severe sanzioni contro sette funzionari ed ex funzionari del Governo Maduro.

La decisione del presidente Obama ha permesso al capo dello Stato, la cui popolarità è ancora ai minimi storici, di ricompattare le file del “chavismo”, anch’esso duramente provato dalla crisi economica. Le manifestazioni “antimperialiste” che si susseguono, gli appelli incendiari del presidente Maduro, le parole aggressive del presidente dell’Assemblea nazionale sono tutte orientate a risvegliare il nazionalismo e a far leva su di esso per distrarre l’attenzione da altri problemi. Ad esempio, quelli semplici legati alla quotidianità.

Il duro confronto tra il ministro degli Esteri venezuelano, Delsy Rodriguez, che ha accusato gli Stati Uniti di ordire progetti egemonici e di tessere trame per creare un clima di instabilità politica e di impoverimento economico; e la risposta altrettanto dura dell’Ambasciatore americano Michael J. Fitzpatric, il quale ha assicurato che il suo paese “non sta preparando una invasione del Venezuela, non pretende destabilizzare il governo del presidente Maduro e non fa parte di una cospirazione internazionale per causare danni all’economia o al popolo venezuelano”, è parte di questa strategia che in passato ha dato ottimi risultati. La “diplomazia del microfono” è andata avanti durante tutta la settimana, con alti e bassi. E la decisione del governo Maduro di pubblicare una lettera aperta sul New York Times solo illustra, qualora ce ne fosse ancora bisogno, come nelle alte sfere governative stiano molto attenti all’“effetto propaganda”. Nella “Lettera Aperta” si sostiene che il Venezuela non rappresenta una “minaccia” per gli Stati Uniti. Al contrario, si afferma che il Paese crede nella pace, nel rispetto del diritto internazionale e in una società̀ aperta. E quindi esige che il presidente Obama faccia un passo indietro e revochi le sanzioni contro sette funzionari ed ex funzionari del governo, annunciate nei giorni scorsi. Dal canto suo, il governo Obama ha spiegato a chiare lettere al Congresso nordamericano che non desidera la “caduta” del governo Maduro e ha invitato gli alleati latinoamericani ad aiutare a trovare una soluzione alla grave crisi che vive il Venezuela; crisi che, sottolineano da Washington, non dipende ne è stata causata dagli Stati Uniti.

Mentre i riflettori sono tutti puntati sulla polemica tra Stati Uniti e Venezuela, l’Opposizione si prepara ad affrontare le “primarie”. Sarà questo un appuntamento molto delicato. L’Opposizione è ormai abituata a farsi male, specialmente quando è alle porte di un processo elettorale. Il pericolo di divisioni, in seno ad un movimento assai eterogeneo mantenuto assieme non più solo da sentimenti “antichavistas” ma anche dalla convinzione della necessità di un cambio di direzione nel governo del Paese, è sempre presente. Ma l’Opposizione è maturata. Le battaglie per le liste e per un posto in Parlamento sicuramente accentueranno le differenze tra gli integranti della “Mesa de la Unidad”. E la scelta dei candidati fuori dalle primarie, poi, rischia di riscaldare gli animi. Ma la vera forza dell’Opposizione risiede proprio nella diversità; nelle differenze di vedute e nella capacità di esporle, nel dialogo aperto e democratico, nel dibattito nel rispetto.

Candidature e campagna elettorale. Le primarie saranno un “antipasto”, un primo assaggio. E avranno il compito di proiettare l’immagine rassicurante di un’Opposizione unita. Se si andasse alle urne oggi, stando ai sondaggi, vincerebbe comodamente. Probabilmente solo otterrebbe una comoda maggioranza relativa; maggioranza che comunque permetterebbe alla coalizione di opposizione di approvare nuove leggi e modificare e migliorare quelle già esistenti. Ma le elezioni non sono oggi e i sondaggi riflettono umori e stati d’animo; umori e stati d’animo mutevoli. E poi c’è sempre l’imponderabile che potrebbe rimescolare lo spettro politico. Chi non ricorda “l’effetto voto” che ebbero le “misiones” annunciate dall’estinto presidente Chàvez?.

Debito estero e valuta. Polemica e provocazione. Se nell’ambito politico il clima è sempre assai arroventato, in quello economico non è certo meno teso. Gli economisti attendono con interesse, ed una buona dose di timore, le prossime scadenze. E cioè il momento in cui il governo del presidente Maduro dovrà sborsare ingenti somme di denaro ai proprietari di Buoni di Pdvsa e dello Stato. La Repubblica, stando alle cifre rese note dalle agenzie specializzate e dagli organismi multilaterali, dovrà pagare ben 52 mila 136 milioni di dollari tra il 2015 e il 2019. A tanto equivale il suo debito, dollaro più, dollaro meno.

Tra l’incudine e il martello. Restando sempre a quanto affermano gli esperti in materia, il governo del presidente Maduro dovrà prendere prossimamente una difficile decisione: evitare il default o investire nel Paese; rispettare gli impegni presi a livello internazionale o orientare la valuta, oggi assai scarsa dopo la vertiginosa caduta del prezzo del greggio, a soddisfare le esigenze dei venezolani. Il prestito che, come hanno informato le agenzie stampa, starebbe negoziando il governo del presidente Maduro con la Cina, risponderebbe alla necessità di soddisfare ambedue le esigenze. Ed infatti, da un lato permetterebbe di rispettare le prossime scadenze nel mercato finanziario internazionale e, dall’altro, consentirebbe d’importare beni, generi alimentari e medicine di cui hanno bisogno i consumatori e di assegnare valuta, alle poche industrie che ancora producono, per l’acquisto della materia prima all’estero. Il prestito della Cina, poi, si potrebbe trasformare in quell’”imponderabile” capace di trasformare lo scenario elettorale.

Stando a quanto pubblicato da agenzie di stampa, l’accordo tra Cina e Venezuela contempla un prestito di circa 10 miliardi di dollari nei prossimi mesi. Sarebbe la boccata di ossigeno di cui ha bisogno l’esecutivo. I 10 miliardi, infatti, potrebbero essere un “tappo” temporaneo alla recessione; un “tappo” che permetterebbe di affrontare il prossimo appuntamento elettorale in migliori condizioni.

 (Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

12:37M5S: sindaca Dorgali annuncia su Fb, sono indagata

(ANSA) - NUORO, 15 DIC - La sindaca di Dorgali (Nuoro) Maria Itria Fancello, del Movimento 5 stelle, è indagata dalla Procura di Nuoro per turbativa d'asta. Lo ha annunciato lei stessa su Facebook, in nome di quella trasparenza richiesta dal suo partito. "Volevo informare i cittadini di Dorgali che mi è stata notificata una richiesta di proroga delle indagini da parte della procura di Nuoro - spiega - a quanto pare, insieme a mio marito, ex dipendente della cooperativa Ghivine, e all'assessore Fabrizio Corrias sono indagata per turbativa d'asta. Per quanto sono riuscita a ricostruire, non ho ricevuto avvisi di garanzia, né ero a conoscenza dell'attività, si tratterebbe della gara di aggiudicazione della gestione dei siti archeologici. Un bando che è stato pubblicato il giorno successivo all'insediamento del nuovo consiglio comunale. Per cui né io, né altri componenti della giunta abbiamo avuto nulla a che fare con la gara, assegnata da un'apposita commissione". "Ho fiducia nella giustizia - prosegue la prima cittadina di Dorgali - e mi sento confortata dal fatto di aver sempre agito per il bene dei cittadini. Ve lo dovevo per quella trasparenza che contraddistingue il MoVimento 5 Stelle. Vi terrò aggiornati." (ANSA).

12:32Brexit: Gentiloni, seconda fase non più facile della prima

(ANSA) - BRUXELLES, 15 DIC - "La seconda fase (dei negoziati sulla Brexit, ndr) non sarà più facile della prima": lo ha detto il premier Paolo Gentiloni, spiegando che ieri il Consiglio Ue ha "accolto con grande cortesia" la disponibilità espressa dalla premier britannica Theresa May nel suo intervento. Il summit Ue discuterà di Brexit questa mattina, senza la May. Ieri la premier ha "rivendicato la linea con la quale siamo riusciti ad arrivare all'intesa con la Commissione qualche giorno fa", ha spiegato Gentiloni, ribadendo che i leader Ue restano "consapevoli" delle difficoltà della seconda fase.

12:30Francia: scontro treno-scuolabus, bilancio sale 6 morti

(ANSA) - PARIGI, 15 DIC - Il bilancio della collisione tra un treno regionale e uno scuolabus a Milau, nel sud-ovest della Francia, sale a 6 morti. E' quanto rivela France Info precisando che altri due ragazzi oltre ai quattro annunciati ieri non ce l'hanno fatta. Entrambi avevano 11 anni.

12:06Terrorismo: espulso francese, ha mimato spari contro Cc

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Con un provvedimento firmato dal ministro dell'interno, Marco Minniti, è stato espulso un cittadino francese 23enne, convertito all'Islam radicale, che era stato arrestato per reati comuni il 29 agosto scorso dai Carabinieri in provincia di Cuneo. Già segnalato dalle autorità transalpine quale simpatizzante jihadista, informa il Viminale, durante le procedure di identificazione aveva mimato il gesto di "sparare" contro i Carabinieri e di "far detonare" un ordigno esplosivo, citando Allah. Con quella di oggi sono 101 le espulsioni eseguite con accompagnamento nel proprio Paese, nel corso del 2017 e 233 quelle eseguite dall'1 gennaio 2015 ad oggi, riguardanti soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso.

11:36Litiga per 2 euro con gestore pompa benzina e appicca fuoco

(ANSA) - VITTORIA (RAGUSA), 15 DIC - Un 40enne di Vittoria ha appiccato le fiamme alla colonnina di un distributore di carburanti nella periferia della cittadina, non lontano dall'ospedale. L'allarme è stato dato al commissariato dai vigili del fuoco. Dietro al gesto ci sarebbe la lite avuta la sera prima col gestore del rifornimento per due euro. L'uomo, che è stato arrestato, aveva inserito soldi per comprare le sigarette, ma parte del denaro era rimasta bloccata e, nonostante il proprietario volesse ridargli i soldi, se ne era andato furibondo meditando la vendetta. Gli agenti sono risaliti all'autore dell'incendio esaminando le immagini registrate dall'impianto interno di videosorveglianza. Nelle riprese si vede il 40enne introdurre una banconota nel distributore, selezionare la pompa da utilizzare, estrarre la pistola e "irrorare" l'area circostante con la benzina, poi allontanarsi e appiccare il fuoco. Nella casa dell'arrestato, in lavatrice, sono stati trovati gli indumenti indossati dall'uomo nelle immagini. (ANSA).

11:28Sci: cdm, cancellata anche 2/a prova libera val d’Isere

(ANSA) - Val d'Isère (Francia), 15 dic - Come previsto anche la seconda prova cronometrata per la discesa di cdm donne di val D'Isere e' stata annullata per le abbondanti nevicate. Nella localita' francese domani e domenica erano in programma una discesa e un superG. Dopo l'annullamento delle due prove il programma prevede per domani un superG valido come recupero di quello non disputato per il maltempo una settimana a fa a St. Morizt. Poi la giuria decidera' le mosse successive. Tenendo conto che non si puo' disputare una discesa senza aver prima fatto almeno una prova cronometrata, e' probabile cosi' che domenica venga disputato almeno il superg originariamente previsto in Val d'Isère.

11:25Pedofilia: premier Australia,emersa tragedia nazionale

(ANSA) - CANBERRA, 15 DIC - Il rapporto della Commissione australiana d'inchiesta sulle risposte istituzionali sulla pedofilia "ha rivelato una tragedia nazionale. Ringrazio i membri della commissione e coloro che hanno avuto il coraggio di raccontare le loro storie". Così il premier australiano, Malcolm Turnbull, ha commentato i risultati dell'inchiesta che ha raccolto le deposizioni di oltre 15 mila persone e udito a porte chiuse oltre 8.000 vittime di abusi sessuali, in gran parte subiti in istituzioni religiose.

Archivio Ultima ora