Prescrizione più lunga per corruzione e pedofilia

++ Prescrizione: Orlando, in Senato possibili modifiche ++
ROMA. – Si allungano i tempi di prescrizione per i reati di corruzione e di pedofilia: la Camera ha infatti approvato un ddl con 274 sì (quelli di Pd, Sc, Pi), 26 no (FI) e 121 astenuti (Lega, Ap, M5s e Psi) che ora passa al Senato, dove però la maggioranza ha numeri più incerti. Il ministro Andrea Orlando ha detto che in Senato “alcune valutazioni di Ap potranno essere prese in considerazione” anche se l’impianto della legge non verrà toccato. Ecco una sintesi del provvedimento.

CORRUZIONE – Il termine-base di prescrizione dei reati di corruzione propria e impropria e di corruzione in atti giudiziari aumenta della metà. Per esempio, per la cosiddetta corruzione impropria (art. 319 del codice penale), punita a legislazione vigente fino a 8 anni, il processo dovrà intervenire entro 12 anni, pena l’estinzione del reato.

SOSPENSIONE DOPO LA CONDANNA – La prescrizione è sospesa per due anni dopo la sentenza di condanna in primo grado e per un anno dopo la condanna in appello. La sospensione però non vale in caso di assoluzione e ha comunque effetto limitatamente agli imputati contro cui si procede.

ALTRI CASI DI SOSPENSIONE – Oltre alle ipotesi già previste dal codice, la prescrizione sarà sospesa anche nel caso di rogatorie all’estero (6 mesi), perizie complesse chieste dall’ imputato (3 mesi) e istanze di ricusazione. Questo per scoraggiare eventuali tattiche dilatorie da parte dell’avvocato difensore.

PRESCRIZIONE DIFFERITA PER MINORI – Per i reati gravi contro i minori (violenza sessuale, stalking, prostituzione, pornografia etc.) la prescrizione decorre dal compimento del diciottesimo anno. Questo perché la maggior parte delle volte il bambino vittima non ha coraggio di rendere noto il reato subito neanche in famiglia.

ENTRATA IN VIGORE – Le nuove norme, dato che la prescrizione ha valore sostanziale e non procedurale, si applicano ai reati commessi dopo l’entrata in vigore della legge. (di Giovanni Innamorati/ANSA)

Condividi: