Terrorismo: aggravante se reati compiuti via Web

(ANSA) – ROMA, 25 MAR – L’uso del Web e di strumenti informatici per perpetrare reati di terrorismo (arruolamento di foreign fighters, propaganda, ecc) diventa un’aggravante che comporta l’obbligo di arresto in flagranza. E’ una delle novità del decreto antiterrorismo approvate dalla Commissione e ora all’esame dell’Aula della Camera. Inoltre la polizia potrà usare programmi per acquisire “da remoto” i dati presenti in un sistema informatico. Viene pure autorizzata l’intercettazione preventiva su reti informatiche.

Condividi: