CGIE: la nuova tabella di ripartizione tra aree geografiche e singoli Paesi

cgie

ROMA – Nella relazione svolta alla Farnesina ai componenti del Comitato di presidenza del Consiglio generale degli Italiani all’estero, il sottosegretario Mario Giro ha annunciato che i consiglieri eletti del CGIE si ridurranno nell’ormai prossima “consigliatura” da 65 a 43 ed ha presentato la nuova tabella di ripartizione tra aree geografiche e singoli Paesi.

In Europa i consiglieri sono il 55,81 del totale: in Germania erano 5 e diventano 7; in Svizzera erano 5 e diventano 6; in Francia erano 7 e diventano 4; in Belgio erano 4 e diventano 3;nel Regno Unito erano 3 e diventano 2; nei Paesi Bassi ne resta 1; in Spagna erano 1 (assieme a Grecia e Turchia), rimangono 1 (solo in Spagna); in Lussemburgo erano 1, non ci sarà più nessun eletto; idem in Svezia (assieme a Danimarca e Norvegia).

In Sud America sono il 32,56% del totale: in Argentina erano 8 e diventano 7; in Brasile erano 4 e diventano 3; in Venezuela: erano 3 e ne resta 1; lo stesso accade in Uruguay, deve erano 2 e in Cile dove erano 2, in Perù ne resta 1.

In Nord e Centro America sono il 6,98% del totale: negli USA erano 5, diventano 2; in Canada erano 5, diventano 1; in Messico (con Caraibi e Centro America) erano 1, non ce sarà più nessuno.

Nel resto del mondo (Africa e Australia) sono il 4,65% del totale: in Australia, di 4 ne resta solo 1; in Sud Africa erano 2, diventano 1; in Algeria (insieme a Etiopia, Marocco e Kenya): ce n’era 1, non ci sarà più nessun consigliere eletto.

Condividi: