Dal Picasso al dio Mitra romano, recuperati capolavori che stavano per essere esportati

Pubblicato il 27 marzo 2015 da redazione

Carabinieri Tpc recuperano statua romana IIIsec d.C ++

ROMA. – Il muso del toro è sbucato fuori tra le piante, con quel grido furioso e dolorante che lascia scoperti i denti bianchissimi. Il Picasso invece spiccava da Sotheby’s per quel prezzo davvero troppo d’occasione: appena un milione e 400 mila euro. E poi la veduta di S. Marco, trafugata vent’anni fa e fotografata in casa di un mediatore. Sono gli ultimi tre capolavori recuperati dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale prima che sparissero venduti all’estero, per un valore complessivo stimato intorno 30 milioni di euro. Svelati oggi insieme al Ministro dei beni culturali e del turismo Dario Franceschini, sono il bellissimo Mitra Tauroctono, scolpito tra il II e il III secolo d.C.; l’olio su tela ”Violin e bouteille de bass” (cm. 54 x 45) datato 1912 di Pablo Picasso; e l’olio con la ”Veduta di Piazza S. Marco dall’attracco delle gondole” (cm. 122 x 59) attribuito all’artista seicentesco Luca Carlevarijs. ”Sono ritrovamenti eccezionali che dimostrano come dobbiamo ancora difenderci dall’opera di scavo clandestino”, commenta il ministro annunciando che il Mitra “è stato già chiesto per un’esposizione temporanea ai Musei Vaticani”. Scolpito nell’atto in cui il dio colpisce a morte il toro sacro, con lo scorpione tipico dell’iconografia dei templi romani, il Mitra in marmo è stato recuperato a Fiumicino, crocevia del traffico illegale di beni alle porte di Roma. Ad attirare l’attenzione dei carabinieri, racconta il generale Mariano Mossa, un furgone che viaggiava accompagnato da una strana staffetta, con una moto e un’auto a scortarlo. Al controllo, la sorpresa: tra le piante e sotto un telone da giardino, ecco il Mitra ”di un valore stimato di 10 milioni di euro” accompagnato da ”una serie di mappe e indirizzi in Svizzera” che ne testimoniavano la destinazione. Caso più unico che raro, con un lavoro coordinato con la Soprintendenza dell’Etruria meridionale, si è riusciti anche a individuare che la statua arrivava da Tarquinia, anzi, da una precisa area con 9 ambienti saccheggiati, uno dei quali con funzioni sacre. Proprio qui gli archeologi hanno ritrovato poi un piccolo cane, la testa di un serpente e frammenti floreali che combaciavano perfettamente con la scultura, alla quale sono stati ora ricongiunti con un lavoro all’avanguardia dell’Istituto Superiore di Conservazione e Restauro. E proprio a Tarquinia, a luglio, tornerà il Mitra ”in nome di quel principio – spiega Franceschini – per cui le opere, con il buonsenso e le dovute garanzie scientifiche, devono essere restituite ai luoghi di origine, in modo che anche i piccoli musei siano valorizzati dalla loro presenza”. Altrettanto da romanzo la storia del Picasso: una tela sui toni del marrone, ”datata 1912”, quindi in pieno periodo cubista, e ”dal valore stimato di 15 milioni di euro”. Spuntava nella casa d’aste Sotheby’s di Venezia in attesa di attestato di libera circolazione e con un prezzo da vero ‘affare’ di un milione e 400 mila euro. ”Il primo, errato, sospetto è che fosse un falso”, dice Mossa. Il proprietario, un corniciaio romano in pensione, racconta di averlo avuto in dono nel 1978 da un cliente, in ringraziamento di una sostituzione gratuita di un vetro sulla foto della moglie defunta. Lo avrebbe conservato per 36 anni, senza particolari cautele, sino alla recente scoperta di chi fosse l’autore. L’indagine è ancora aperta, così come l’inchiesta nata invece dal ritrovamento del Carlevarijs. Rubato il 28 aprile 1984 in casa di un privato romano, è riapparso tra le 190 foto di dipinti sequestrate a un mediatore d’arte, già indiziato per ricettazione ed esportazione di un altro dipinto negli Usa. Il quadro, ha raccontato l’uomo, gli era stato affidato da un collezionista per venderlo e ha permesso di sgominare un vasto traffico di opere d’arte con la Svizzera, destinate agli Stati Uniti. (di Daniela Giammusso/ANSA)

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora