Proposta di legge sul riacquisto della cittadinanza italiana per chi l’ha perduta a seguito di espatrio

Pubblicato il 28 marzo 2015 da redazione

Passaporto italiano

ROMA – Il 25 marzo 2015, la proposta di legge AC 2794, a prima firma FitzGerald Nissoli (deputata del gruppo Per l’Italia, eletta in Nord America e Centro America), sul riacquisto della cittadinanza italiana, è stata assegnata alla I Commissione Affari Costituzionali della Camera dei Deputati, in sede referente. La proposta di legge reca “Modifica all’articolo 17 della legge 5 febbraio 1992, n.91, in materia di riacquisto della cittadinanza da parte dei soggetti nati in Italia da almeno un genitore italiano, che l’hanno perduta a seguito di espatrio”.

La proposta di legge, che è stata sottoscritta da 317 deputati, appartenenti a tutti i gruppi presenti in Parlamento, prevede che “I nati in Italia, figli di almeno un genitore italiano, che hanno perso la cittadinanza in seguito a espatrio, per cause non direttamente imputabili a loro stessi o per motivi di lavoro, riacquistano la cittadinanza italiana facendone espressa richiesta al Consolato italiano che ha giurisdizione nel territorio di residenza estera purché ciò non sia in contrasto con accordi bilaterali internazionali in vigore”.

“Con questa proposta di legge – afferma l’on. Fucsia Nissoli ,che ringrazia tutti i colleghi che hanno sostenuto l’iniziativa – vogliamo venire incontro proprio alle aspettative di quegli italiani che vivono all’ estero e che hanno perso la cittadinanza ma che vogliono riacquistarla in seguito a mutamenti avvenuti nei vari ordinamenti giuridici. Infatti – spiega – il dispositivo per il riacquisto della cittadinanza contenuto nell’ art.17 della legge del 1992 n. 91 ha esaurito la sua funzione e per riacquistare la cittadinanza si deve ricorrere al dettato dell’articolo 13 della stessa legge. Tuttavia, credo che un debito di gratitudine nei confronti di chi, italiano all’estero privo di cittadinanza italiana, ha continuato a conservare nel cuore l’ amore per l’Italia debba portarci a fare in modo di permettere il riacquisto della cittadinanza superando l’art. 13 della legge 91/1992, cioè senza un anno di residenza legale sul territorio nazionale ed iscrivendosi nel registro Aire del Consolato italiano territorialmente competente all’estero”.

“Si tratta – prosegue Nissoli – di una proposta che arriva mentre il Paese è impegnato a discutere sulla cittadinanza agli immigrati e io credo che l’immigrazione e l’emigrazione siano due facce della stessa medaglia; e se è giusto concedere la cittadinanza ai figli degli immigrati nati in Italia ritengo che sia altrettanto giusto permettere a chi è nato in Italia, e magari è stato anche sotto le armi, di riacquistare la cittadinanza dopo averla perduta, non per propria colpa, recandosi all’estero. I movimenti umani che, oggi, sono accentuati rispetto al passato, pur nei cambiamenti dei contesti di vita non possono prescindere – sottolinea la deputata Pi – dalla dimensione della cittadinanza come appartenenza, una cittadinanza che può essere anche plurale, ma mai slegata dalla dimensione umana che caratterizza ogni persona e la sua relazionalità nel contesto socio-culturale di appartenenza in cui definisce la propria identità anche nel rispetto delle proprie radici”.

La deputata ha citato, nella premessa alla proposta di legge, Pasquale Stanislao Mancini, ricordando che “la cittadinanza riflette l’appartenenza dell’individuo alla comunità di persone che costituisce la base sociale dello Stato, ovvero, in sintesi, l’appartenenza dell’individuo a uno Stato, e si carica di intensi significati politici e ideologici, tanto in relazione al modo in cui gli Stati europei regolavano nel secolo scorso l’attribuzione della propria cittadinanza, quanto in relazione al fatto che solo ai cittadini era (ed è) concessa una piena partecipazione alla vita socio-politica della comunità statale. Il concetto di cittadinanza – continua la deputata eletta all’estero – richiama quindi il nucleo più centrale dei valori e del sentire di una comunità nazionale e l’essenza stessa di una appartenenza non solo di esperienze e tradizioni ma anche di tensioni e aspettative verso il futuro”. Un sentirsi comunità che gli italiani all’estero manifestano sotto ogni punto di vista e che ci deve spingere a “riconoscere sul piano giuridico una situazione di fatto, una identità italiana che non è mai venuta meno”, scrive Nissoli sottolineando che in questo abbiamo “una lacuna legislativa da colmare per dare veste giuridica ad una cittadinanza che già è viva nei cuori. Cosa che tenta di fare questa proposta di legge”.

  • raulfattorello

    Sarebbe ora!
    Ed e’ pur passata l’ora di vergognarsi!

    Sappiate, cari politicastri da strapazzo, che i veri eroi della vostra/nostra storia sono appunto gli emigranti che in moltissimi casi avete tagliato fuori basati in stupidi “tecnicismi” da voi creati appunto per discriminare.
    Cosi abbiamo a molte migliaia casi come quello di Donato un mio grande amico di Carbonara/Puglia costretto a nazionalizzarsi ne Venezuela per poter conservare il suo negozio…… passati gli anni si trovo taglato fuori da iscriversi all aire da una data arbitraria…. cosi lui e morto Venezuelano ma ha lasciato figli e nipoti italiani….
    Ne capo ne coda!

    Sappiate, cari paesani, che con gli emigrati L’Italia mantiene, impagati e impagabili. tre grandi debiti tanto veri e tagibili come storici:

    A) Sono partiti quando l’Italia non era in condizioni di provvedere loro ne lavoro ne futuro…. sono partiti liberando posti di lavoro per chi rimaneva a casa. Sono partiti allegerendo percio le spalle dello stato da un enorme carico sociale.
    Sono partiti perche coraggiosi, sono partiti perche piu forti, son partiti perche piu decisi, sono partiti perche,forse, piu italiani…Son partiti!

    B) Sono partiti, si, ma senza mai dimenticare casa, famiglia, paese…. e immediatamente hanno cominciato a mandare soldi a casa…. Soldi per i genitori, per i fratelli, per aggiustare la stalla, per ingrandire la casa, per mandare fratelli e figli a scuola….Sbarcare il lunario….. Tutti soldi che hanno gonfiato e gonfiano ancora le casse forti delle nostre banche e con i quali si e rifatta l’Italia…. oppure credete ancora che sia tutto merito del “Marshall plan?”

    C) Inoltre, cari italiani rimasti in patria, e non cari politicastri, gli emigranti ai quali avete tolto la possibilta di documentare la loro italianita infinitamente superiore a quella di qualsiasi politico, stessi italiani ai quali adesso volete fare l’elemosina di poter riacquistare la loro nazionalita appunto per interesse ai loro voti, si, proprio quelli sono i diretti responsabili di aver creato il grande mercato estero per i prodotti italiani anche per quelle caccavelle che erano le nostre Fiat degli anni cincuanta/sessanta.

    L’Italia, cari italiani e non cari (purtroppo) politicastri italiani, e’ ripartita e si mantiene in movimento grazie sopratutto a coloro ai quali avete negato la nazionalita e adesso, dopo che la maggior parte e morta, parlate di restituirla.

    Dovreste sbrigarvi, per una volta in vita vostra, e restituirla anche a coloro che seppure italianissimi, fervorosamente pattrioti sono gia morti como “stranieri”…..

    Vergogna!

    Soffro di gotta e ho sempre male ai piedi ma mi piacerebbe un mondo prendervi a calci in culo!

  • Paola Prisco

    italiani nel mondo molti vendono solo prodotti italiani perche’ ce’ questa discriminazione?

  • Paola Prisco

    proprio quelli sono i diretti responsabili di aver creato il grande mercato estero per i prodotti italiani

Ultima ora

12:17Calcio: rissa dopo derby Manchester, colpito anche Mourinho

(ANSA) - LONDRA, 11 DIC - Finale di derby burrascoso all'Old Trafford, ieri, dopo la vittoria del City sullo United: a farne le spese Mourinho, innaffiato di latte e colpito alla testa da una bottiglia d'acqua. La maxi-rissa, che ha coinvolto almeno 20 persone tra giocatori e tecnici delle due squadre, è iniziata quando Mourinho è entrato nello spogliatoio del City per chiedere di abbassare la musica dei festeggiamenti. Un modo per dimostrare "maggiore rispetto" verso la 'sua' squadra. Il portoghese è stato subito affrontato dal portiere dei Citizens, Ederson, con il quale è scoppiato un acceso confronto, degenerato nel giro di qualche secondo, quando Mourinho è stato raggiunto da alcuni 'suoi' giocatori. Ne è nata una maxi-rissa. Secondo i media nel parapiglia Mourinho è stato colpito da una battaglia (vuota) d'acqua, e bagnato con schizzi d'acqua e latte. Tra i Citizens, Mikel Arteta, assistente di Guardiola, ha subito le conseguenze peggiori: per lui una ferita alla testa che ha richiesto l'intervento dei sanitari.

12:11Calcio: Borussia Dortmund, via Bosz e al suo posto Stoeger

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La sconfitta subita in casa sabato scorso, nella 15/a giornata della Bundesliga (per 2-1 contro il Werder Brema), sommata all'ottavo posto in classifica (-13 punti dal Bayern Monaco capolista), è stata fatale a Peter Bosz. L'allenatore olandese, infatti, non è più alla guida del Borussia Dortmund, che ha chiamato l'austriaco Peter Stoeger, ex tecnico di Austria Vienna e Colonia. I gialloneri, che sono stati anche eliminati dalla Champions, non vincono dal 30 settembre scorso (2-1 in trasferta all'Augusta) e sono sprofondati in una profonda crisi. Bosz era arrivato in estate per sostituire in panchina Thomas Tuchel. La notizia del cambio di guida tecnica è stata ufficializzata sull'account ufficiale Twitter del club tedesco.

12:06Travolge passanti con auto: Procura, accusa è strage

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Michele Bordoni, il 27enne che sabato scorso in auto ha travolto e ferito alcuni visitatori del mercatino di Natale a Sondrio, è accusato di strage. Con questa ipotesi a cui si aggiungono resistenza e lesioni aggravate nei confronti di un agente, il procuratore di Sondrio Claudio Gittardi e il pm Stefano Latorre, chiederanno al gip la convalida dell'arresto del giovane e il carcere. L'ipotesi di strage è stata riformulata dopo la ricostruzione dell'accaduto da cui è emerso che il giovane avrebbe voluto uccidere "indifferentemente una pluralità di persone". "Ne dovevo ammazzare di più" sono infatti le parole che Michele Bordoni ha pronunciato sabato al momento del suo arresto.

11:51Maltempo:disagi circolazione e treni soppressi in V. d’Aosta

(ANSA) - AOSTA, 11 DIC - La forte nevicata delle ultime 24 ore ha concesso una tregua in Valle d'Aosta, dove tuttavia si registrano alcuni disagi alla circolazione. I treni della mattina sulla linea Aosta-Ivrea sono stati soppressi. Una slavina ha invaso la strada statale 26 a La Saxe (Courmayeur): nessuna auto è stata coinvolta, ma la circolazione è interrotta su quel tratto. La stessa strada statale 26 è chiusa nella parte che porta a La Thuile (località Balme) per la caduta di due piante. Stop alla circolazione per pericolo valanghe anche su alcune arterie regionali: a Rhemes-Saint-Georges, a Valsavarenche (tra Tsan d'Oula a Pont) e a Courmayeur (Val Ferret e Val Veny). Criticità anche ad Aosta sia agli accessi della città che nelle vie centrali ancora innevate.(ANSA).

11:47Maltempo: Veneto, in pianura piove,nevica ancora in montagna

(ANSA) - VENEZIA, 11 DIC - Dopo la nevicata di ieri che ha raggiunto anche le località di pianura, oggi in Veneto l'innalzarsi delle temperature ha portato la pioggia nelle principali città, mentre in montagna nelle ultime ore si è consolidato con nuove imbiancate il manto di neve fresca. Tra sabato e stamane si sono accumulati, secondo le rilevazioni dell'Arpav, 22 centimetri di neve a Malga Losch, a 1.735 metri di quota nelle Dolomiti meridionali, 9 a Cortina, 8 a Sappada, 12 ad Arabba e 16 ad Agordo. Immagine tipicamente invernale anche per l'Altopiano di Asiago, imbiancata da 17 centimetri di neve fresca, ed Enego (20).

11:47Fondi Piemonte: il processo d’appello slitta al 2018

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - E' slittato ai primi mesi del 2018 il processo d'appello per la cosiddetta 'Rimborsopoli degli ex consiglieri regionali del Piemonte. Lo ha comunicato oggi la Corte agli avvocati nel corso dell'udienza di apertura. In primo grado c'erano state dieci condanne e quindici assoluzioni, tra cui quella dell'governatore Roberto Cota. La Regione rimane costituita parte civile per il gruppo di imputati che non hanno indennizzato l'ente. A sostenere l'accusa è il pg Giancarlo Avenati Bassi, che in queste settimane svolge incarichi di consulenza alla Commissione di inchiesta sul sistema bancario.(ANSA).

11:43Milan: Fassone, preoccupati da classifica non da Uefa

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Mi aspetto che dicembre sia un mese complicato. I cambi di allenatore non producono risultati a breve. A fine campionato sapremo se è stata fatta la scelta giusta". Così Marco Fassone, ad del Milan. "Siamo preoccupati dal ritardo in classifica - fa notare -. La situazione con l'Uefa? Stiamo facendo un tentativo per arrivare al patteggiamento volontario, per saldare le violazioni degli anni precedenti. Il nostro sarebbe il primo 'voluntary agreement', ma è difficile rispettare i parametri, perché un paio di richieste sono impossibili. Se il verdetto è basato sull'impossibilità di soddisfare queste richieste sarebbe inquietante". "La squadra - sottolinea Fassone - ha un bel rapporto con Gattuso e non credo che i cinesi abbiano intenzione di lasciare il Milan:ßhanno fatto un investimento mostruoso, di oltre un miliardo. Gli acquisti dell'estate? Li rifarei tutti, ma possiamo aver commesso un paio di errori". "La società ha un debito di 120 milioni, relativamente basso, lo possiamo restituire a ottobre", conclude.

Archivio Ultima ora