In Iran attesa di un accordo che non tutti vogliono

Pubblicato il 30 marzo 2015 da redazione

Nucleare: Iran, Kerry annulla rientro in Usa per colloqui

TEHERAN. – Se entro domani un accordo sarà preso a Losanna, la notizia arriverà in un Iran ancora distratto dalle vacanze del Nowrouz, il nuovo anno persiano, che ferma le attività lavorative e il traffico asfissiante della capitale. Eppure la gente ne parla, augurandosi che arrivi la fine delle sanzioni e di un’inflazione reale che ha raggiunto anche il 40%. La linea ufficiale in queste ultime ore di negoziati è quella espressa all’agenzia governativa Irna da una “fonte informata”, che assicura che l’Iran non cederà sui propri principi e non ha cambiato posizione, come invece farebbero intendere “media occidentali”. E fra questi principi vi è quello che “le misure irreversibili” accettate da una delle parti devono essere bilanciate da azioni ugualmente irreversibili dall’altra, mentre gli accordi già presi nel negoziato devono restare. Ma la politica estera iraniana è un affare delicato, se si considera che l’ultima parola deve giungere dalla Guida suprema. Ali Khamenei, cui guarda il fronte conservatore. Il quale ha ribadito la sua fiducia nella squadra di negoziatori del governo del moderato Hassan Rohani, ma ha anche sottolineato che la rimozione delle sanzioni deve essere parte integrante dell’accordo, cioè contestuale e non successiva alla messa in opera delle misure concordate. Ali Akbar Velayati, consigliere della Guida e autorevole voce del fronte conservatore, ha detto oggi, secondo l’agenzia Fars, che “se noi facciamo un passo indietro, gli americani parleranno di altre questioni come i missili, i diritti umani e la libertà per i Bahai (la minoranza religiosa bandita in Iran, ndr)”. Ancora più dettagliate le obiezioni di Hossein Shariatmadari, il direttore del quotidiano conservatore Kayhan, nominato da Khamenei. Se sono vere le indiscrezioni sull’accordo, scrive, sarebbero ben sei i casi in cui le ‘linee rosse’ di Teheran non sono state rispettate, e che lui enumera puntigliosamente. Primo, solo una parte delle sanzioni sarebbe rimosse. Secondo, le sanzioni del Consiglio di sicurezza dell’Onu resterebbero. Terzo, le sanzioni sospese lo sarebbero per un semestre o per un anno, e poi condizionate alla situazione futura. Quarto, la risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’Onu a garanzia dell’accordo farebbe riferimento al capitolo VII dello statuto delle Nazioni unite, che si riferisce alla minacce alla pace. Accettarlo, fa notare Shariatmadari, vorrebbe dire che l’Iran riconosce che il suo programma nucleare è una minaccia alla pace mondiale. Quinto, l’accordo sarebbe in due o tre fasi, e non completo di tutti i dettagli in una sola fase come Khamenei aveva imposto con chiarezza. “Sesto, gli impegni dell’Iran sarebbero reversibili, quelli dei 5+1 reversibili”. Ma il punto critico più significativo è quello che, rileva ancora Shariatmadari, “l’Iran dovrebbe cominciare un nuovo ciclo di cooperazione con l’Aiea nell’ambito del cosiddetto Pmd”, ossia la ‘Possibile dimensione militare’ del suo programma nucleare. “Se lo accettiamo, significa che dovremmo lasciare che gli ispettori dell’Aiea ispezionino la nostra industria missilistica, e con il pretesto che i nostri missili balistici possono portare testate nucleari, potrebbero chiederci di non produrne più o di eliminarli”. “Questa – conclude – sarebbe una catastrofe e l’Iran diventerebbe un Paese incapace non solo di sostenere il fronte della resistenza (contro Israele, ndr), ma anche di difendersi da Paesi anche piccoli della regione, e questo è il vero scopo degli Usa”.
(di Luciana Borsatti/ANSA)

Ultima ora

16:54Calcio: Mourinho, City diversamente educato

(ANSA) - LONDRA, 12 DIC - "Una diversa educazione", così José Mourinho spiega il comportamento del Manchester City al termine del derby di domenica, da cui è scaturita la rissa negli tunnel dell'Old Trafford. In precedenza il suo collega Pep Guardiola aveva escluso che i suoi giocatori avessero mancato di rispetto agli avversari appena battuti. "Pep dice quello che vuole e io non intendo commentare le sue parole - la replica stizzita del portoghese -. L'unica cosa che posso dire è che per me è tutta una questione di diversa educazione, niente più che questo". Secondo la stampa britannica gli animi si erano surriscaldati in seguito alla richiesta, rivolta dallo stesso Mourinho ai giocatori del City, di contenere i festeggiamenti e mostrare maggior rispetto allo United.

16:53Clima: Macron posa con cartello Make our planet Great Again

(ANSA) - BOULOGNE-BILLANCOURT (FRANCIA), 12 DIC - ''Make Our Planet Great Again": nel giorno del summit informale sul clima all'Ile Séguin di Boulogne-Billancourt, alle porte di Parigi, il presidente francese e padrone di casa, Emmanuel Macron, ha posato davanti ai fotografi con il suo celebre slogan in risposta a Donald Trump. A inizio giugno, in seguito all'annuncio shock del presidente Usa di uscire dall'accordo di Parigi, il leader trentanovenne deformò la frase cult di Trump 'Make America great again' rilanciandola in chiave ecologica - 'Make our planet great again' - e invitò studiosi e ricercatori Usa a lasciare la madre patria per lavorare in Francia. Oggi, il governo di Parigi ha annunciato il nome dei primi 18 progetti di studiosi e ricercatori soprattutto americani, selezionati dalla Francia.

16:50Calcio: Guardiola, giusto festeggiare dopo derby

(ANSA) - LONDRA, 12 DIC - Pep Guardiola respinge l'accusa rivolta ai suoi giocatori da José Mourinho di aver mancato di rispetto al Manchester United al termine del derby di domenica, vinto 2-1 dal City e proseguito con una sorta di rissa tra giocatori e membri dello staff tecnico. "Quando perdi devi accettare la sconfitta, ma quando vinci è giusto festeggiare - le parole del tecnico catalano -. Sono stato io ad incoraggiare i miei giocatori a festeggiare. Ma non abbiamo mancato di rispetto a nessuno. Eravamo felici per aver vinto un derby. Tutte le squadre del mondo quando vincono un derby sono felici. E festeggiano dentro il proprio spogliatoio". Marca scrive oggi che all'origine della rissa, nella quale sarebbero stati coinvolti una ventina tra giocatori e membri degli staff, ci sarebbe una battuta di Guardiola a Ibra: "Parli molto ma ti muovi poco in campo". Il tecnico catalano si è però rifiutato di entrare nei dettagli di quanto successo "Quello che dovevo dire l'ho già detto a chi sta svolgendo un'indagine per conto della Fa".

16:34Grenfell Tower: consiglieri Tory non graditi alla messa

(ANSA) - LONDRA, 12 DIC - Aria di polemica in vista della messa di suffragio in programma giovedì 14 nella cattedrale londinese di St Paul, a sei mesi esatti dalla tragedia, in memoria delle vittime del rogo della Grenfell Tower, edificio popolare in cui persero la vita ben 71 persone. Lo scrive il giornale filo-conservatore Daily Telegraph, sostenendo che il rito - a cui è annunciata fra gli altri la partecipazione dei principi Carlo e William con consorti, nonché del principe Harry - è stato dichiarato off limits, per volere di familiari dei morti e superstiti, per tutti i consiglieri Tory del Municipio di Kensington and Chelsea. La decisione è stata formalizzata dal vescovo anglicano di Kensington - che co-celebrerà la liturgia - il quale invece ha confermato l'invito ai consiglieri laburisti, graditi agli ex inquilini e ai loro familiari. "A tutti i consiglieri conservatori è stato chiesto di stare alla larga", ha confermato un portavoce del Municipio, sul cui territorio si consumò la strage.

16:32Calcio: Coppa Italia, in 4.000 partiti da Pordenone

(ANSA) - PORDENONE, 12 DIC - È iniziato l'esodo dei quattromila tifosi del Pordenone verso San Siro, dov'è questa sera la formazione neroverde affronterà l'Inter negli ottavi di finale di Coppa Italia. Alla volta di Milano è partita, attorno alle 14.00, una quarantina di pullman che hanno dato vita ad un festoso serpentone. A bordo dei bus anche tanti tifosi nerazzurri, che hanno colto l'occasione per ammirare dal vivo la capolista della serie A nel confronto con la squadra della loro città, unica di serie C rimasta in lizza nel torneo. Da Tricesimo (Udine), località di cui è originario, è partito un pullman di supporter personali di Michele De Agostini, figlio di Gigi, gloria della Juventus e della Nazionale, oltre che della stessa Inter anche se solo per una stagione, nel 1992-93.

16:31Brexit: Weber, primo accordo è vincolante, Londra chiarisca

(ANSA) - STRASBURGO, 12 DIC - La premier britannica "Theresa May deve intervenire e chiarire che quanto sarà scritto giovedì al Vertice europeo sarà vincolante dal punto di vista giuridico". Lo ha detto il capogruppo del Ppe al Parlamento europeo, Manfred Weber, chiedendo "chiarezza" a Londra in merito all'accordo preliminare siglato nei giorni scorsi sulla prima fase della Brexit da Regno Unito e Ue. "Se ora David Davis mette in dubbio la prima fase - attacca Weber -, ad esempio proponendo un congelamento dei pagamenti finché il processo non sarà concluso, tutto viene di nuovo messo in dubbio. Quanto sentito da Londra contrasta con l'idea di un rapporto di fiducia".

16:28Russia: 007, sventato piano attentati kamikaze durante feste

(ANSA) - MOSCA, 12 DIC - I servizi di sicurezza russi (FSB) hanno sgominato un gruppo terroristico composto da persone originarie dell'Asia centrale che pianificava attacchi suicida, nel corso del periodo festivo e nelle settimane precedenti alle elezioni presidenziali. Lo ha detto il direttore dell'FSB Alexander Bortnikov citato dalle agenzie russe.

Archivio Ultima ora