Scontro totale sull’Italicum. Renzi: “Chiederò la fiducia”

Pubblicato il 30 marzo 2015 da redazione

Renzi, l.elettorale decisiva per dignità governo ++

ROMA.- Nessuna mediazione, nessuna intenzione di piegarsi al “ricatto” della minoranza: Matteo Renzi traccia una linea retta sulla strada della legge elettorale. “Entro il 27 aprile – scandisce – la legge elettorale deve essere in Aula e a maggio dobbiamo mettere la parola fine: è giunto il momento di decidere, sono contrario a ritoccare il testo”. E così la riunione della direzione del Partito democratico si trasforma in un ring. Da un lato la minoranza, che annusa aria di elezioni anticipate e, per una volta compatta, va avanti sulla sua battaglia per ottenere alcune modifiche all’Italicum. Dall’altra i renziani, stanchi di essere descritti come “nordcoreani” obbedienti. Alla fine il voto sulla linea del premier è unanime (120 sì), ma solo perché la sinistra dem non vota. E Roberto Speranza avverte che sulla via delle riforme Renzi “rischia di perdere un pezzo di Pd”. Uno dei passaggi più delicati della vita del partito renziano viene segnato da una lunga relazione (“In stile cubano”, dice polemico Alfredo D’Attorre) in cui il segretario difende le ragioni del testo attuale della legge elettorale e più in generale delle riforme del governo. Anche da chi vorrebbe avere “il monopolio della parola sinistra” solo perché “la usa con più frequenza”. E’ un attacco rivolto a Bersani e Cuperlo, ma anche a chi incombe dall’esterno: la coalizione sociale di Maurizio Landini. Con il leader della Fiom Renzi è durissimo, lo paragona a Matteo Salvini e dipinge entrambi come “soprammobili da talk show che perdono il contatto con la realtà”. Sarà la “realtà”, è lo schiaffo a Landini, a respingere le “Unions”, perché, dice il leader Pd, “la coalizione sociale è una grande sfida culturale, ma non rappresenta il futuro della sinistra e neanche il suo passato. Non mi toglie il sonno”. “Io i soprammobili li tratto con cura, comunque detto da uno che tende a controllare la tv e che usa le slide per fare comunicazione…”, ha replicato il segretario generale della FIOM in tarda serata all’accusa mossa dal Premier nei suoi confronti. A chi come Pier Luigi Bersani gli chiede di “fare sintesi” e non proporre “aut aut” sull’Italicum, il premier risponde è arrivato il momento di smetterla di “ritoccare” il testo e approvare in via definitiva la legge elettorale, perché è in gioco “la dignità e qualità del governo” e la “credibilità dell’Italia”. “Decidere non è una parola fascista”, dichiara. E dopo il porcellum che consegnava ai cittadini parlamentari ‘a sorpresa’, “come con la Mistery box di Masterchef”, spiega che mentre il Mattarellum “non dà la certezza di un vincitore”, l’Italicum “realizza vocazione maggioritaria”. E assegna con le preferenze “almeno il 50%” dei seggi. Cambiare la legge alla Camera e rimandarla al Senato non solo sarebbe come “un gioco dell’oca”, aggiunge Renzi, ma sarebbe anche “un clamoroso errore e un azzardo” visti i numeri risicati. Anche perché Berlusconi, inseguendo Salvini, si è sfilato e i 5 Stelle, guidati da un Grillo “diventato uno sciacallo” dice “no a prescindere”. Dunque non si permettano alcuni deputati della minoranza Pd di minacciare di far saltare l’Italicum grazie al voto segreto: “Questo ricatto non lo considero neanche”, alza la voce Renzi. “Metto la fiducia nel Pd su questa legge – conclude – E valuteremo se metterla in Parlamento, anche se qualcuno ha detto che non si può”. Ma la minoranza non molla. Pippo Civati non riesce a convincere i colleghi a fare un intervento unitario, ma ottiene che nessun esponente della sinistra dem partecipi al voto in direzione. Il “dialogante” Roberto Speranza, mettendo “a disposizione” anche il suo “ruolo”, fa un ultimo appello a “utilizzare ogni margine” per non “perdere un pezzo di Pd”. Anche Gianni Cuperlo avverte che solo con qualche ritocco il Pd resta unito. Tra i più decisi a votare contro il testo proposto da Renzi c’è anche un pezzo di Area riformista guidata da Speranza, incluso Bersani. Il bersaniano Alfredo D’Attorre, protagonista di uno scontro con Renzi, parla della fiducia come di un “ricatto” alle Camere e accusa il premier di voler andare al voto anticipato, senza più curarsi della riforma del Senato ma puntando solo a incassare la legge elettorale. Mentre Stefano Fassina dà il via a uno scontro tra renziani e minoranza senza esclusione di colpi. Accusa la maggioranza del Pd di un “conformismo” come nel Partito comunista della Corea del Nord. E i renziani si infuriano. Accusano a loro volta la minoranza di minacciare le riforme per i loro interessi. E Roberto Giachetti sbotta: “Bersani oggi vuole il Mattarellum ma quando poteva ha votato contro: faccio fatica a non incazzarmi…”. (di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

07:33New York: governo Bangladesh condanna attentato

DACCA (BANGLADESH) - Il governo del Bangladesh ha condannato l'attentato fallito a New York, il cui autore e' un immigrato di 27 anni dal paese del sud-est asiatico. ''Il Bangladesh e' impegnato nella sua conclamata politica di 'tolleranza zero' contro il terrorismo, e condanna il terrorismo stesso e l'estremismo violento in ogni forma o manifestazione ovunque nel mondo, compreso l'incidente di lunedi' mattina a New York'', ha comunicato il governo in una nota.

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

Archivio Ultima ora