Tornano i nazionali a Napoli, pronta la sfida alla Roma

Soccer: Europa League; Napoli-Dinamo Mosca

NAPOLI. – Rafa Benitez tira un sopiro di sollievo. Oggi si giocano le partite internazionali nelle quali sono impegnati ben sette giocatori del Napoli (Ghoulam, dopo la doppia sfida tra Algeria-Oman, svoltasi a Doha è tornato in Italia) i quali saranno di nuovo a Castel Volturno tra domani e giovedì. L’ultimo ad arrivare sarà Gonzalo Higuain, impegnato la prossima notte con l’Argentina nella partita amichevole con l’Ecuador che si disputerà in New Jersey. Il Pipita si aggregherà alla squadra nella giornata di giovedì. Quello di Higuain è probabilmente il nodo più difficile da sciogliere per Benitez. L’attaccante argentino avrà infatti soltanto 48 ore di tempo per smaltire la stanchezza del lungo viaggio intercontinentale, per riprendersi dal jet lag e per ritrovare le forze prima di scende in campo con la Roma. All’Olimpico si gioca sabato in lunch-match, alle 12.30. Se Higuain fosse costretto a rinunciare a scendere in campo dall’inizio (il Pipita, se dipenderà da lui, difficilmente sceglierà di farsi da parte) è probabile che Benitez, che raramente o quasi mai sceglie di modificare l’assetto tattico della sua squadra, faccia ricorso a Duvan Zapata da schierare come prima punta al centro dell’ attacco. Per il resto, a parte Michu, di cui ormai si sono praticamente perse le tracce, sono tutti disponibili e, sotto questo punto di vista, il tecnico spagnolo non avrà che l’imbarazzo della scelta. Sono pronti infatti i due ex infortunati storici, Insigne e Zuniga ed anche Gargano e Strinic, assenti nell’ultimo mese per problemi di natura muscolare, sono tornati a disposizione di Benitez. L’utilizzazione di Insigne dal primo minuto è improbabile mentre Zuniga che ha già un paio di spezzoni di partita nelle gambe potrebbe trovare posto sia sul lato destro del campo, al posto di Maggio, sia su quello sinistro, venendo eventualmente preferito a Ghoulam e Strinic. Oggi la squadra si è allenata a Castel Volturno, svolgendo riscaldamento con esercizi in palestra e successivamente lavoro sul campo finalizzato al possesso palla. Chiusura con partitella 9 contro 9 con innesti di alcuni Primavera. Domani allenamento pomeridiano. Per decidere la formazione anti Roma Benitez dovrà parlare con i calciatori impegnati nelle rispettive Nazionali e capire quali siano le loro condizioni. Molto dipenderà dall’utilizzazione, più o meno a tempo pieno, che ne faranno i rispettivi commissari tecnici. Dei sette di cui si attende il rientro, Benitez potrà utilizzarne con la Roma soltanto sei perché Inler è squalificato in campionato ed all’Olimpico non ci sarà.