L’Iran festeggia la fine dell’isolamento, gente in strada

Pubblicato il 03 aprile 2015 da redazione

Iranians celebrate after nuclear talks in the street of Tehran

TEHERAN. – Gente in strada ieri sera a Teheran per festeggiare l’annuncio dell’intesa di Losanna, giunto proprio nel giorno che tutti gli iraniani trascorrono fuori casa. Il 2 aprile è il tredicesimo giorno dal Capodanno iraniano, quando tutti per tradizione escono per far uscire anche il male dalle proprio famiglie. Giornata di escursioni e pic-nic, dunque, con Teheran ancora semi-deserta e le località balneari sul Mar Caspio affollate all’inverosimile. Dopo l’annuncio in televisione, molti sono usciti a festeggiare con una girandola di automobili soprattutto tra il viale Vali Asr e Piazza Tajrish, nella zona nord e più benestante della capitale. Altri invece si sono raccolti vicino al ministero degli Esteri, per festeggiare il ministro Javad Zarif che ha portato in porto l’operazione. Un’operazione che, se andrà a buon fine, segnerà la fine dell’isolamento economico e internazionale dell’Iran. “Se le sanzioni che impediscono le transazioni finanziarie internazionali vengono rimosse – osserva Kamshad Kooshan, regista cinematografico e imprenditore – ci sarebbe una maggiore circolazione monetaria, con il ritorno delle somme bloccate all’estero, e più denaro nelle tasche della gente, che farebbero ripartire i consumi e gli investimenti. Si venderebbero più automobili e più case, ponendo fine ad una recessione che riguarda diversi settori dell’economia”. “Finora infatti – spiega – anche chi poteva disporre di liquidità non spendeva per l’incertezza sul futuro”. Certo, per questo risultato ci vuole tempo, ma in un anno, prevede, si potrebbe passare dall’attuale 4% di crescita dell’economia al 6%. E anche in campo artistico e culturale, dove pesano censure e divieti, la situazione a suo avviso potrebbe migliorare. Con una maggiore apertura verso l’estero “ci sarebbe più movimento di artisti internazionali”, e l’Iran sarebbe portato a mostrare il meglio di sè nel campo. Ma se i contenuti di questa intesa nel dettaglio lasciassero troppe questioni ancora aperte, osserva, i prossimi mesi fino alla firma dell’accordo definitivo sarebbero molto duri per il governo di Hassan Rohani, controllato a vista dai conservatori ostili ad un accordo con l’Occidente. E l’accordo finale sarebbe a rischio. “Tutti vogliono un accordo – conclude – ma non vogliono che l’Iran ne esca perdente. Se così fosse, scatterebbe per tutti l’orgoglio nazionale”. In parte diversa l’opinione di Babak Karimi, attore italo-iraniano che figurava tra gli interpreti del film da Oscar “Una separazione” di Asghar Farhadi. Per gli artisti non cambierà molto, osserva, limitazioni e censure sono “una questione interna”. “Mi attendo effetti solo in campo economico, con uno stop all’inflazione, il ritorno degli investitori stranieri, la ripresa del commercio”. Un recente studio per il Congresso americano rileva che, a causa delle sanzioni, il Pil dell’Iran è inferiore del 20% alle sue potenzialità. Ottimista su tutti i fronti Omid Cominjani, attivo nel commercio dei tappeti. “Le cose miglioreranno sul piano economico ma anche in quello delle libertà – afferma convinto – la modernità è già entrata in Iran e continuerà a farlo. Tutto il mondo entrerà nel paese, e saranno più forti le pressioni per maggiori libertà”. (di Luciana Borsatti/ANSA)

Ultima ora

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

Archivio Ultima ora