L’Iran si aprirà al mondo, Rohani annuncia la nuova fase

Pubblicato il 04 aprile 2015 da redazione

IRAN: ROHANI SCRIVE A OBAMA, TROVIAMO L'ACCORDO SUL NUCLEARE

TEHERAN. – Il giorno dopo l’intesa di Losanna, il presidente iraniano Hassan Rohani rassicura il mondo sul fatto che l’Iran rispetterà i suoi impegni, ma avverte che si sentirà le mani libere se la controparte non farà altrettanto. Il messaggio, tuttavia, è rivolto soprattutto agli iraniani. Le sanzioni saranno revocate con l’entrata in vigore dell’accordo finale previsto entro giugno, afferma Rohani, che rilancia le promesse del suo inizio mandato: il Paese si riaprirà al mondo, perchè l’accordo di ieri non riguarda solo il nucleare, ma è il primo passo verso una “costruttiva cooperazione” con gli altri Paesi, anche con quelli con cui vi sono “tensioni e ostilità”. Esattamente quello che vogliono sentire i sostenitori di un compromesso sul nucleare, che anche stasera sono scesi in strada per festeggiare l’intesa di Losanna. Sostenitori che la squadra di negoziatori del ministro Zarif sembra aver trovato anche fra gli imam e gli Ayatollah che, nei sermoni ufficiali del venerdì, hanno oggi ‘benedetto’ l’accordo di Losanna. Forse un segnale che alla Guida suprema Ali Khamenei, ultima istanza su tutto in grado di mettere a tacere qualunque dissenso, l’intesa non è dispiaciuta. Tanto che in un tweet dal suo account Rohani si spinge a ringraziare il suo ministro Zarif anche per conto della Guida. Una svista o un azzardo? Certo è che, in attesa che Khamenei si esprima, i conservatori sono oggi andati a briglia sciolta nel lanciare bordate contro l’intesa di Losanna. Lo ha fatto il direttore del quotidiano Kayhan (nominato dalla Guida) Hossein Shariatmadari, che ha accusato i negoziatori di aver fatto proprio ciò che non dovevano, ossia quell’accordo in due tempi che Khamenei aveva escluso a chiare lettere. E lo ha fatto l’agenzia Fars – vicina al potere militare, economico e politico delle Guardie della rivoluzione – in un puntiglioso commento dell’intesa in cui, mettendo a confronto il testo diffuso negli Usa e quello presentato da Zarif, evidenzia i punti deboli a svantaggio dell’Iran e chiede quale sia il testo vero. Oggi lo stesso Rohani ha sottolineato che il gruppo dei 5+1 ha accettato con l’intesa di ieri che l’Iran svolga attività di arricchimento dell’uranio sul proprio territorio e che, riporta l’Irna, “tutte le sanzioni nei settori finanziario, economico e bancario”, come quelle del Consiglio di sicurezza dell’Onu, “saranno cancellate fin dal primo giorno dell’applicazione dell’accordo”. Un’affermazione in contrasto con la previsione che sarebbe stata concordata a Losanna, e cioè che le misure saranno rimosse solo previa verifica del rispetto dell’accordo da parte di Teheran. E anche con quanto dichiarato oggi dal ministro francese Laurent Fabius, secondo cui la delicata questione “non è ancora assolutamente risolta”. E’ prevedibile che se ne discuterà fino alla nausea nei prossimi tre mesi, con i conservatori pronti a dare battaglia in Parlamento. Ma intanto la gente è tornata in strada anche stasera per inneggiare all’accordo, dopo un passaparola sui social media. Lo stesso Zarif – che stamani era stato salutato da una piccola folla al suo ritorno in aeroporto con slogan come “lunga vita al governo di Rohani” e “ci piaci dottore”, con riferimento al suo Phd – ha provato a frenarla sul suo profilo Facebook, con un messaggio che invitava ad evitare le contrapposizioni. Ma i fan dell’accordo sono scesi in strada lo stesso, a Teheran e anche in altre città come Zahedan e Kermanshah. Forse un’ultima occasione di festa, dato che domani, dopo le vacanze dei Noworuz, tutti torneranno al lavoro. (di Luciana Borsatti/ANSA)

Ultima ora

07:39Corea del Nord, sottomarino Usa arrivato in Corea del Sud

(ANSA) - PYONGYANG, 25 APR - La Corea del Sud afferma che un sottomarino statunitense a reazione nucleare è arrivato nel porto meridionale di Busan, ma non si prevede che parteciperà alle esercitazioni navali congiunte di Washington e Seul. Un funzionario della Marina sudcoreana ha detto oggi che lo Uss Michigan sta facendo una sosta di routine per far riposare il suo equipaggio e fare rifornimenti. Il sottomarino è arrivato lo stesso giorno in cui la Corea del Nord celebra l'anniversario della fondazione del suo esercito. Pyongyang marca spesso date significative con dimostrazioni di capacità militari e i funzionari sudcoreani ritengono il Nord possa prepararsi a un altro ciclo di test nucleari o missilistici.

01:34Venezuela: nuove proteste, almeno tre dimostranti morti

(ANSA) - CARACAS, 25 APR - Nuove proteste di piazza nel Venezuela contro il governo di Nicolas Maduro, e almeno tre giovani manifestanti uccisi: due colpiti da "paramilitari filo-governativi" a Barinitas, nello stato di Barinas, nell'ovest del Venezuela, secondo quanto rivelato dal deputato dell'opposizione Pedro Luis Castillo, e uno a merida, capoluogo dello stato omonimo, secondo informazioni dell'Ombudsman nazionale, Tarek William Saab. Tutti e tre, secondo le prime informazioni, sarebbero stati raggiunti da colpi d'arma da fuoco.

01:16Terremoti: Cile, scossa 6.9, ma niente allerta tsunami

(ANSA) - SANTIAGO DEL CILE, 25 APR - Una forte e lunga scossa di terremoto è stato avvertito a Santiago del Cile e in un'ampia zona nell'area centrale del Cile. La magnitudo è stata pari a 6.9 con l'epicentro a 25 km da Valparaiso. Lo riporta il centro sismologico dell'Università del Cile. Non si ha ancora notizia di vittime, ma è stato lanciato l'allarme tsunami, che però è stato revocato pochi minuti dopo. Prima della cancellazione dell'allerta, in alcune zone delle regioni di Valparaiso e O'Higgins era già scattata l'evacuazione preventiva della popolazione nelle località costiere. La scossa, avvertita alle 18.39 ora locale a una profondità di 13,2 kilometri, è stata particolarmente intensa, soprattutto nelle regioni di Coquimbo e Biobio. Nella zona di Valparaiso, dove è stato localizzato l'epicentro, dalla notte dello scorso sabato si sono verificate circa 100 scosse. Il terremoto è stato avvertito anche in Argentina, nelle regioni di Mendoza e San Juan, confinanti con il Cile.

01:08Musica: paura per Elton John, ‘ha rischiato di morire’

(ANSA) - LONDRA, 25 APR - Paura per Elton John, leggenda del pop internazionale, che ha rischiato di morire a causa di un'infezione rara e maligna contratta durante un tour in Sudamerica e che lo ha costretto in ospedale fino a sabato. La disavventura, a lieto fine, è stata resa nota stanotte in un comunicato diffuso a Londra, nel quale è stata annunciata fra l'altro la cancellazione di alcuni show negli Usa. Secondo il comunicato, la star britannica, 70 anni, è stata contagiata da un'infezione "potenzialmente mortale", sfociata in "un violento" malessere sul volo di ritorno da Santiago del Cile. Ricoverato in terapia intensiva all'arrivo a Londra, è adesso a casa convalescente e sta meglio. Ma per un po', niente concerti. "Ci dispiace informarvi che, per ragioni mediche, Elton John è costretto a cancellare il suo intero programma di esibizioni previste per aprile-maggio" a Las Vegas, è scritto nella nota. "Elton annulla anche la performance prevista per sabato 6 maggio a Bakersfield, in California".

23:55Le Pen, mi sospendo da presidenza Fn, solo candidata

(ANSA) - PARIGI, 24 APR - "Mi sospendo dalla presidenza del Front National. Da questo momento in poi sono soltanto la candidata alle presidenziali": lo ha annunciato questa sera al tg di France 2 Marine Le Pen.

23:12Calcio: la Roma vince 4-1, Pescara matematicamente in B

(ANSA) - ROMA, 24 APR - La Roma batte 4-1 il Pescara e lo condanna alla serie B con cinque giornate di anticipo sulla fine del campionato. Gli abruzzesi, con 14 punti, non possono più raggiungere l'Empoli, quart'ultimo con 29 e in vantaggio negli scontri diretti. I giallorossi salgono a quota 75 punti, a +4 sul Napoli e a -8 dalla Juventus. Di Strootman e Nainggolan le prime reti degli ospiti, venute entrambe alla fine del primo tempo. Salah segna una doppietta a inizio ripresa. Nel finale la rete della bandiera degli abruzzesi con Benali.

22:22Siria: sanzioni Usa al centro ricerca armi chimiche

(ANSA) - WASHINGTON, 24 APR - Gli Usa hanno emesso oggi sanzioni nei confronti dei dipendenti del Centro di ricerca siriano ritenuto responsabile dello sviluppo di armi chimiche: lo ha annunciato dalla Casa Bianca il segretario al Tesoro Steven Mnuchin, come risposta "all'orribile attacco con armi chimiche contro civili innocenti". Nella 'lista nera' sono finiti 271 dipendenti del centro di ricerche. Si tratta di una delle cifre più alte di persone sottoposte a sanzioni nella storia degli Stati Uniti.

Archivio Ultima ora