L’Iran si aprirà al mondo, Rohani annuncia la nuova fase

Pubblicato il 04 aprile 2015 da redazione

IRAN: ROHANI SCRIVE A OBAMA, TROVIAMO L'ACCORDO SUL NUCLEARE

TEHERAN. – Il giorno dopo l’intesa di Losanna, il presidente iraniano Hassan Rohani rassicura il mondo sul fatto che l’Iran rispetterà i suoi impegni, ma avverte che si sentirà le mani libere se la controparte non farà altrettanto. Il messaggio, tuttavia, è rivolto soprattutto agli iraniani. Le sanzioni saranno revocate con l’entrata in vigore dell’accordo finale previsto entro giugno, afferma Rohani, che rilancia le promesse del suo inizio mandato: il Paese si riaprirà al mondo, perchè l’accordo di ieri non riguarda solo il nucleare, ma è il primo passo verso una “costruttiva cooperazione” con gli altri Paesi, anche con quelli con cui vi sono “tensioni e ostilità”. Esattamente quello che vogliono sentire i sostenitori di un compromesso sul nucleare, che anche stasera sono scesi in strada per festeggiare l’intesa di Losanna. Sostenitori che la squadra di negoziatori del ministro Zarif sembra aver trovato anche fra gli imam e gli Ayatollah che, nei sermoni ufficiali del venerdì, hanno oggi ‘benedetto’ l’accordo di Losanna. Forse un segnale che alla Guida suprema Ali Khamenei, ultima istanza su tutto in grado di mettere a tacere qualunque dissenso, l’intesa non è dispiaciuta. Tanto che in un tweet dal suo account Rohani si spinge a ringraziare il suo ministro Zarif anche per conto della Guida. Una svista o un azzardo? Certo è che, in attesa che Khamenei si esprima, i conservatori sono oggi andati a briglia sciolta nel lanciare bordate contro l’intesa di Losanna. Lo ha fatto il direttore del quotidiano Kayhan (nominato dalla Guida) Hossein Shariatmadari, che ha accusato i negoziatori di aver fatto proprio ciò che non dovevano, ossia quell’accordo in due tempi che Khamenei aveva escluso a chiare lettere. E lo ha fatto l’agenzia Fars – vicina al potere militare, economico e politico delle Guardie della rivoluzione – in un puntiglioso commento dell’intesa in cui, mettendo a confronto il testo diffuso negli Usa e quello presentato da Zarif, evidenzia i punti deboli a svantaggio dell’Iran e chiede quale sia il testo vero. Oggi lo stesso Rohani ha sottolineato che il gruppo dei 5+1 ha accettato con l’intesa di ieri che l’Iran svolga attività di arricchimento dell’uranio sul proprio territorio e che, riporta l’Irna, “tutte le sanzioni nei settori finanziario, economico e bancario”, come quelle del Consiglio di sicurezza dell’Onu, “saranno cancellate fin dal primo giorno dell’applicazione dell’accordo”. Un’affermazione in contrasto con la previsione che sarebbe stata concordata a Losanna, e cioè che le misure saranno rimosse solo previa verifica del rispetto dell’accordo da parte di Teheran. E anche con quanto dichiarato oggi dal ministro francese Laurent Fabius, secondo cui la delicata questione “non è ancora assolutamente risolta”. E’ prevedibile che se ne discuterà fino alla nausea nei prossimi tre mesi, con i conservatori pronti a dare battaglia in Parlamento. Ma intanto la gente è tornata in strada anche stasera per inneggiare all’accordo, dopo un passaparola sui social media. Lo stesso Zarif – che stamani era stato salutato da una piccola folla al suo ritorno in aeroporto con slogan come “lunga vita al governo di Rohani” e “ci piaci dottore”, con riferimento al suo Phd – ha provato a frenarla sul suo profilo Facebook, con un messaggio che invitava ad evitare le contrapposizioni. Ma i fan dell’accordo sono scesi in strada lo stesso, a Teheran e anche in altre città come Zahedan e Kermanshah. Forse un’ultima occasione di festa, dato che domani, dopo le vacanze dei Noworuz, tutti torneranno al lavoro. (di Luciana Borsatti/ANSA)

Ultima ora

16:19Regeni: Marcon, commissioni convocate 4/09? E’ una vergogna

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - "Le commissioni esteri di Camera e Senato convocate solo il 4 settembre per discutere del caso Regeni e delle responsabilità di omissione del governo italiano. Ieri il gruppo di Sinistra Italiana Possibile aveva chiesto un'informativa urgente del governo: questa ci sarà, ma il governo verrà a riferire solo tra 20 giorni". Lo afferma il capogruppo dei deputati di Sinistra Italiana-Possibile Giulio Marcon. "Nel 2014 - prosegue il capogruppo della sinistra - per mandare armi in Iraq le commissioni esteri furono riunite il 20 agosto. Regeni deve aspettare il 4 settembre. Contano più le armi che le vite dei cittadini italiani assassinati da un regime autoritario. In questo modo Alfano ed il Pd evidentemente - conclude Marcon - cercano di far dimenticare e di insabbiare le loro responsabilità e di allontanare sempre di più la verità. Un rinvio inaccettabile e vergognoso a favore del regime autoritario di Al Sisi".

16:19Terremoto: sindaco Norcia, si innalzi ancora ‘tetto’ per Sia

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 17 AGO - "Sull'esenzione per due anni delle tasse per le aziende del cratere sismico che hanno subito un calo del fatturato preferirei esprimermi solo quando il provvedimento sarà ufficialmente licenziato dal Governo": così il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno che, invece, si dice "moderatamente soddisfatto" per l'innalzamento a 6.000 euro del tetto Isee per richiedere il Sia (Sostegno per l'inclusione attiva) da parte delle famiglie colpite dal sisma. "Il Sia è uno strumento molto utile e importante - sottolinea - ma il tetto a 6.000 euro non è ancora sufficiente perché abbraccia solo una platea troppo piccola rispetto alle reali esigenze e sarebbe da innalzare ulteriormente, almeno a 19 mila euro". Alemanno ricorda, inoltre, che "già la Regione Umbria, prima del provvedimento emesso dal Governo, aveva raddoppiato la soglia Isee a 6 mila euro". "Al tempo stesso - conclude il sindaco di Norcia - tutti questi sono segnali positivi che raccontano di una macchina istituzionale ancora in movimento e capace di intervenire laddove serve per far ripartire i nostri territori". (ANSA).

16:11M5s: blog Grillo, attacchi hacker e leak per manipolare voto

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - I recenti attacchi hacker e i leak al M5s e anche allo Stato italiano "portano a pensare che possano essere utilizzati per spostare decisamente l'esito delle prossime elezioni, come successo in USA e quasi in Francia". Lo sostiene sul blog di Beppe Grillo l'esperto di sicurezza informatica iscritto al Movimento Rufo Guerreschi, secondo il quale sono "le tempistiche e modalità di tali leak, hack e articoli" a far presagire questo rischio. "Se immaginiamo una semplice applicazione in Italia le dinamiche di hacking e leak delle recenti elezioni in USA e Francia, vediamo come Rousseau e il M5S può esser visto come l'equivalente dell'improvvido mail server della Clinton che costarono elezioni alla Clinton" afferma Guerreschi che individua anche in Italia una "strategia di forze politiche e mediatiche avverse al M5S" coadiuvata "ancorché indipendentemente e con fini diversi, da hacker di ogni tipo".

16:10Sicilia: Si-Mdp chiudono ad alleanza con Ap

(ANSA) - PALERMO, 17 AGO - "Abbiamo ribadito a Leoluca Orlando la nostra disponibilità a un progetto politico che abbia il centro nel civismo democratico con un programma di rottura netta con l'esperienza del governo Crocetta. La Sicilia non può e non deve diventare una cavia per alchimie politiche fondate su un patto di potere asservito a logiche nazionali. Siamo invece interessati alla costruzione di un''anomalia' politica che, partendo dall'esperienza palermitana, si assuma la responsabilità di offrire una visione e una prospettiva di governo che restituisca ai Siciliani una speranza di cambiamento". Lo affermano Mdp e Sinistra italiana dopo l'incontro con il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, dicendo no a un'alleanza con Ap ma aprendo a un confronto sul rettore dell'università di Palermo, Fabrizio Micari, quale candidato a governatore. "In questo contesto, non riteniamo compatibile con questo progetto l'adesione di Alternativa popolare sia sul piano culturale, sia sul piano dei valori e dei programmi", spiegano.

16:09Zimbabwe: Sudafrica vieta espatrio a moglie Mugabe

(ANSA) - JOHANNESBURG, 17 AGO - Le autorità sudafricane hanno vietato alla moglie del presidente dello Zimbabwe, Grace Mugabe, di lasciare il Paese. La signora Mugabe è stata accusata di aggressione da una donna che soggiornava nel suo stesso hotel a Johannesburg. Grace Mugabe, già apparsa davanti al giudice dopo essersi consegnata alla polizia, aveva chiesto l'immunità diplomatica.

16:08Trump, assurda la rimozione di statue dei confederati

(ANSA) - NEW YORK, 17 AGO - "Assurdo": così Donald Trump in un nuovo tweet commenta la rimozione delle statue di alcuni dei personaggi della guerra civile americana. "Triste vedere la storia e la cultura del nostro Paese fatta a pezzi con la rimozione delle nostre bellissime statue e monumenti. Non potete cambiare la storia - aggiunge Trump - ma potete imparare da essa. Robert Lee, Stonewall Jackson, chi sarà il prossimo, Washington o Jefferson? Così assurdo...".

16:01Ucraina: distrutte tutte le statue di Lenin, erano 1320

(ANSA) - MOSCA, 17 AGO - L'Ucraina ha vinto la sua personale battaglia contro Lenin. Nell'anno che marca il centesimo anniversario della rivoluzione d'Ottobre, infatti, il direttore dell'Istituto per la Memoria Nazionale, Vladimir Vyatrovich, ha detto che nel territorio controllato da Kiev sono state distrutte "tutte le statue" erette in epoca comunista in onore del leader della rivoluzione. In totale i monumenti distrutti sono 1320. Lo riporta RBK.

Archivio Ultima ora