L’Iran si aprirà al mondo, Rohani annuncia la nuova fase

Pubblicato il 04 aprile 2015 da redazione

IRAN: ROHANI SCRIVE A OBAMA, TROVIAMO L'ACCORDO SUL NUCLEARE

TEHERAN. – Il giorno dopo l’intesa di Losanna, il presidente iraniano Hassan Rohani rassicura il mondo sul fatto che l’Iran rispetterà i suoi impegni, ma avverte che si sentirà le mani libere se la controparte non farà altrettanto. Il messaggio, tuttavia, è rivolto soprattutto agli iraniani. Le sanzioni saranno revocate con l’entrata in vigore dell’accordo finale previsto entro giugno, afferma Rohani, che rilancia le promesse del suo inizio mandato: il Paese si riaprirà al mondo, perchè l’accordo di ieri non riguarda solo il nucleare, ma è il primo passo verso una “costruttiva cooperazione” con gli altri Paesi, anche con quelli con cui vi sono “tensioni e ostilità”. Esattamente quello che vogliono sentire i sostenitori di un compromesso sul nucleare, che anche stasera sono scesi in strada per festeggiare l’intesa di Losanna. Sostenitori che la squadra di negoziatori del ministro Zarif sembra aver trovato anche fra gli imam e gli Ayatollah che, nei sermoni ufficiali del venerdì, hanno oggi ‘benedetto’ l’accordo di Losanna. Forse un segnale che alla Guida suprema Ali Khamenei, ultima istanza su tutto in grado di mettere a tacere qualunque dissenso, l’intesa non è dispiaciuta. Tanto che in un tweet dal suo account Rohani si spinge a ringraziare il suo ministro Zarif anche per conto della Guida. Una svista o un azzardo? Certo è che, in attesa che Khamenei si esprima, i conservatori sono oggi andati a briglia sciolta nel lanciare bordate contro l’intesa di Losanna. Lo ha fatto il direttore del quotidiano Kayhan (nominato dalla Guida) Hossein Shariatmadari, che ha accusato i negoziatori di aver fatto proprio ciò che non dovevano, ossia quell’accordo in due tempi che Khamenei aveva escluso a chiare lettere. E lo ha fatto l’agenzia Fars – vicina al potere militare, economico e politico delle Guardie della rivoluzione – in un puntiglioso commento dell’intesa in cui, mettendo a confronto il testo diffuso negli Usa e quello presentato da Zarif, evidenzia i punti deboli a svantaggio dell’Iran e chiede quale sia il testo vero. Oggi lo stesso Rohani ha sottolineato che il gruppo dei 5+1 ha accettato con l’intesa di ieri che l’Iran svolga attività di arricchimento dell’uranio sul proprio territorio e che, riporta l’Irna, “tutte le sanzioni nei settori finanziario, economico e bancario”, come quelle del Consiglio di sicurezza dell’Onu, “saranno cancellate fin dal primo giorno dell’applicazione dell’accordo”. Un’affermazione in contrasto con la previsione che sarebbe stata concordata a Losanna, e cioè che le misure saranno rimosse solo previa verifica del rispetto dell’accordo da parte di Teheran. E anche con quanto dichiarato oggi dal ministro francese Laurent Fabius, secondo cui la delicata questione “non è ancora assolutamente risolta”. E’ prevedibile che se ne discuterà fino alla nausea nei prossimi tre mesi, con i conservatori pronti a dare battaglia in Parlamento. Ma intanto la gente è tornata in strada anche stasera per inneggiare all’accordo, dopo un passaparola sui social media. Lo stesso Zarif – che stamani era stato salutato da una piccola folla al suo ritorno in aeroporto con slogan come “lunga vita al governo di Rohani” e “ci piaci dottore”, con riferimento al suo Phd – ha provato a frenarla sul suo profilo Facebook, con un messaggio che invitava ad evitare le contrapposizioni. Ma i fan dell’accordo sono scesi in strada lo stesso, a Teheran e anche in altre città come Zahedan e Kermanshah. Forse un’ultima occasione di festa, dato che domani, dopo le vacanze dei Noworuz, tutti torneranno al lavoro. (di Luciana Borsatti/ANSA)

Ultima ora

17:43Traffico rifiuti: ‘I bambini? Che muoiano’

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - "Ci mancavano anche i bambini che vanno all'ospedale, che muoiano". Così uno degli indagati nell'inchiesta della Dda di Firenze per traffico illecito di rifiuti, che oggi ha portato all'arresto di sei persone, parlando dei rischi di stoccare abusivamente rifiuti pericolosi in una discarica situata vicino a una scuola. "Non mi importa nulla dei bambini che si sentono male - prosegue l'uomo senza sapere di essere intercettato -, io li scaricherei in mezzo alla strada i rifiuti".

17:30Etruria: Boschi, non ho mentito, mai pressioni

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto. Chi mi chiede le dimissioni perché avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai". Così Maria Elena Boschi su facebook.

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

17:11Calcio: Schick ci crede, la Roma è da scudetto

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Sono venuto qui perché credo nella strada che ha intrapreso la Roma. Siamo sempre in una posizione di classifica che ci permette di pensare allo scudetto. Possiamo vincerlo già quest'anno". Nonostante i due pareggi consecutivi in trasferta con Genoa e Chievo, Patrik Schick è convinto che la i giallorossi possano puntare al titolo. Il giocatore ceco, intervistato da Sky Sport24, spera di poter dare il proprio contributo: "Sono un attaccate e penso fare gol, quando gioco voglio segnare, questo è il mio obiettivo - sottolinea -. Essere il giocatore più pagato nella storia della Roma non mi pesa, anzi è al 100% una grande motivazione per me, farò tutto il possibile per non deludere nessuno". Schick rivela poi di aver legato in particolar modo con Dzeko nello spogliatoio di Trigoria: "Edin parla molto bene la mia lingua. E penso che anche il feeling in campo vada bene. Potenzialmente forse possiamo formare la coppia di attaccanti più forte della Serie A, ma poi dobbiamo confermarlo sul campo".

17:07Droga: Gdf scopre 26 chili di cocaina a Vipiteno

(ANSA) - BOLZANO, 14 DIC - La Guardia di finanza ha bloccato alla barriera dell'autostrada del Brennero a Vipiteno un cittadino italiano di 43 anni, che stava portando in Italia 26 chili di cocaina. La Citroen Ds5, con targa tedesca, condotta dall'uomo, accompagnato da familiari, non si era fermata all'alt e i finanzieri l'hanno inseguita fino a raggiungerla nei pressi dell'area di servizio Trens Ovest. Il conducente mostrava evidenti segni di nervosismo, che facevano ritenere opportuni alcuni approfondimenti, anche con l'ausilio del cane Escort dell'unità cinofila antidroga della Guardia di Finanza di Bolzano. Infine, in un'officina meccanica, nascosti all'interno dei longheroni dell'autovettura, sono stati trovati 22 panetti per complessivamente 26 chili di cocaina, che sul mercato avrebbero potuto fruttare oltre un milione di euro. Il cittadino italiano è stato tratto in arresto.

Archivio Ultima ora