La Roma ritrova la vittoria all’Olimpico, per il Napoli miraggio Champions

Pubblicato il 04 aprile 2015 da redazione

Soccer: serie A, Roma-Napoli
ROMA. – La Roma torna a vincere all’Olimpico – e per di più con due successi di seguito in campionato, contata Cesena – cosa che non succedeva dal novembre scorso, e mantiene il secondo posto a prescindere dagli altri risultati che verranno nel corso di questa giornata calcistica. Il Napoli invece perde la quarta partita consecutiva in trasferta e vede sfumare quasi definitivamente le sue ambizioni di agganciare il secondo posto, con il -9 dai giallorossi. Garcia e i suoi potranno quindi trascorrere una Pasqua tranquilla, dopo aver battuto il Napoli in quello che avrebbe dovuto essere il big-match di questo 29/o turno e che invece la follia di certe frange del tifo ha trasformato in uno spettacolo triste sugli spalti: stadio semivuoto, appena 34mila spettatori, e soltanto una trentina di sostenitori ospiti, isolati nel deserto dei distinti nord in mezzo a un gruppo di steward che erano tanti quasi quanto i napoletani. A corollario, i cori anti napoletani e due striscioni offensivi della curva giallorossa contro la madre di Ciro Esposito. Le due squadre, comunque, hanno cercato di onorare l’impegno, giocando una discreta partita in cui però il Napoli non ha potuto disporre del miglior Higuain, oggi ombra di se stesso dopo essere rientrato due giorni fa dagli impegni con la nazionale argentina, e in cui il solo Mertens ha giocato ai suoi livelli. La Roma, da parte sua, ha sfruttato al massimo l’occasione pur continuando a essere inconsistente in avanti priva com’è di un vero attaccante. Hanno cercato di farne la veci un Ljajic intestarditosi troppo nel dribbling e un Iturbe che centravanti non è, come si è visto bene nel finale, al 43′ st, quando ha calciato sull’esterno della rete dopo aver ricevuto un assist penetrante da Ibarbo e aver ‘scartato’ il portiere avversario. Il gol-partita lo ha segnato Pjanic nel primo tempo, con un ‘piazzato’ su assist di Florenzi. Poi il bosniaco si è lasciato andare ad un’esultanza polemica nei confronti di curva e giornalisti. Calo finale a parte, quando ha sofferto la pressione del Napoli, la Roma ha comunque evidenziato progressi fisici e tattici, dimostrando che la vittoria di Cesena potrebbe davvero essere stata il primo segnale di ripresa. Ma non va dimenticato che sono risultati decisivi per il successo di oggi gli interventi di Manolas in difesa e dell’ex De Sanctis tra i pali. In particolare il portiere romanista ha salvato i suoi su un tiro di sinistro di Mertens all’8′ st e un altro sempre del belga al 12′ st, e soprattutto al 22′ st sulla conclusione ravvicinata di Gabbiadini, il cui ingresso è sembrato tardivo segno che Benitez ha qualcosa da rimproverarsi. Il Napoli si era reso pericoloso in due occasioni anche nel primo tempo, al 39′ quando Manolas si era ‘immolato’ su De Guzman, nell’unica azione pericolosa dell’olandese, e al 42′ quando la conclusione ‘a giro’ di Higuain era finita a fil di traversa. Per il resto il possesso di palla è stato spesso della Roma, riuscita alla fine a interrompere anche in casa la serie dei pareggi: 6, più una sconfitta, tutto ciò che aveva raccolto all’Olimpico dal 30 novembre scorso. In attesa del recupero degli infortunati, di Totti, Keita e del miglior Gervinho che a questa squadra farebbe molto comodo, Garcia riprende fiato e registra i progressi della sua squadra, nel prossimo turno attesa da un impegno ricco di insidie sul campo del Torino. Il Napoli, al quarto Ko consecutivo in trasferta, avrà invece l’immediata occasione per una rivincita, anche se in chiave di Coppa Italia, visto che nell’impegno di metà settimana avrà la semifinale di ritorno contro la Lazio. Poi, il 16 aprile, ci sarà anche l’impegno continentale in quella Europa League a cui Benitez tiene molto. Ma servirà il migliore Higuain, quello che oggi proprio non si è visto. (di Alessandro Castellani/ANSA)

Ultima ora

22:44Donna dell’Agrigentino festeggia 106 anni con sorella di 112

(ANSA) - CANICATTI' (AGRIGENTO), 12 DIC - Altro compleanno ultracentenario a Canicattì (Ag) in casa Cammalleri. Attorniata dai familiari, tra cui la sorella Diega "Deddè" di 112 anni e la cognata di 94, ha festeggiato le sue 106 primavere Fifì Cammalleri, nata il 12 dicembre 1911. Le due sorelle vivono nella stessa casa. Nell'ottobre dello scorso anno, per i suoi 111 anni, Diega, che è stata a lungo insegnante, ricevette una medaglia d'oro dall'allora ministro dell'Istruzione Stefania Giannini. In quell'occasione l'interessata disse di non aver mai punito i suoi alunni "ma se necessario li ho solo corretti". Ai festeggiamenti di oggi erano presenti i numerosi nipoti delle due sorelle, anche loro avanti in età. (ANSA).

22:39Tap: Emiliano, Governo incosciente, presenteremo esposto

(ANSA) - BARI, 12 DIC - "I fatti accaduti in Austria hanno dimostrato che le preoccupazioni della Regione Puglia hanno un fondamento evidente che ci obbligherà nei prossimi giorni a sottoporre alla Procura della Repubblica competente un esposto che mira a salvaguardare l'incolumità pubblica dalla incosciente decisione del Governo di ritenere non assoggettabile alle direttive Seveso l'impianto Tap". In una nota, il presidente della Puglia, Michele Emiliano, replica al ministro dello Sviluppo Carlo Calenda, che aveva criticato le rimostranze della regione sul gasdotto Tap. Per Emiliano, "di incoscienza collettiva evidentemente si tratta se è vero che il Ministro Calenda dalle notizie della vittima e dei 21 feriti in Austria trae lo spunto solo per ribadire che il TAP è necessario proprio per sopperire alla temporanea carenza di gas distribuita nel Nord Europa ove dovessero ripetersi incidenti analoghi a quello accaduto oggi". "Si tratta con ogni evidenza - rimarca Emiliano - di un caso di strabismo politico".

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

21:52Ap: direzione vota documento separazione consensuale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il documento per la separazione consensuale di Ap, che mantiene al momento invariati i gruppi parlamentari, è stato votato all'unanimità dalla Direzione Nazionale.

21:51Migranti: domani vertice a Parigi Macron-Gentiloni-Merkel

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sarà domani, mercoledì 13 dicembre, a Parigi, per il vertice con il presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel e i capi di Stato e di governo del G5 Sahel Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger. L'incontro, presso il castello di La Celle-Saint-Cloud, avrà inizio alle ore 12. Al termine è prevista una conferenza stampa congiunta. E' quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi.

21:48Usa: Roy Moore va a votare a cavallo

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - Il candidato senatore per il partito repubblicano Roy Moore si è recato a votare in Alabama a cavallo. Lo riportano i media americani. Roy Moore è favorito nonostente le accuse di molestie sessuali nei confronti di minorenni. A sostenerlo si è schierato con decisione anche il presidente americano Donald Trump.

Archivio Ultima ora