Papa: il mondo non sia inerte su persecuzione cristiani

(ANSA) – ROMA, 6 APR – Il Papa ha chiesto protezione per i “perseguitati, esiliati, uccisi, decapitati per il solo fatto di essere cristiani. Auspico – ha detto – che la Comunità Internazionale non assista muta e inerte di fronte a tale inaccettabile crimine”, “preoccupante deriva dei diritti umani”, e non “giri lo sguardo dall’altra parte”. “Sono i nostri martiri di oggi e sono tanti – ha aggiunto Papa Francesco – possiamo dire che siano più numerosi che i primi secoli”.

Condividi: