La Corte di Strasburgo condanna l’Italia: alla scuola Diaz fu tortura

Pubblicato il 07 aprile 2015 da redazione

G8: PERQUISITA SEDE GSF

ROMA. – La “macelleria messicana” compiuta dalla Polizia nella scuola Diaz la notte del 21 luglio 2001 “deve essere qualificata come tortura”: l’Italia va dunque condannata doppiamente, per il massacro dei manifestanti e per non avere ancora una legge adeguata a punire quel reato. La Corte europea dei diritti dell’uomo, a 15 anni di distanza, mette per la prima volta nero su bianco in un atto giudiziario quel che decine di testimoni hanno visto e raccontato.

La sentenza della Corte di Strasburgo è il risultato del ricorso di Arnaldo Cestaro, oggi 76enne: quella notte era alla Diaz e fu uno degli 87 no global massacrati e feriti – su 93 che furono arrestati – durante quella che la Polizia definì una “perquisizione ad iniziativa autonoma” finalizzata alla ricerca di armi e black bloc dopo le devastazioni avvenute in mezza Genova durante le proteste contro il G8. “Questa sentenza è una cosa molto importante – ha commentato l’uomo – quel che ho visto e subito è una cosa indegna in un sistema democratico”.

“Finalmente – ha aggiunto il papà di Carlo Giuliani – sono state determinate le brutture commesse dallo Stato italiano. E’ una cosa bella e chissà se l’attuale governo troverà il tempo di occuparsi di queste cose che riguardano la dignità del paese”. Resta, aggiunge Giuliano Giuliani, “la rabbia perché l’omicidio di Carlo è ancora impunito”. I colpevoli di quella violenza – che la Cassazione ha definito “sadica e cinica” – sostiene la Corte di Strasburgo avrebbero dovuto essere puniti adeguatamente ma ciò non fu possibile “a causa dell’inadeguatezza delle leggi italiane”.

Chi “ha torturato” l’uomo, “non è mai stato identificato, anche perché entrando alla Diaz aveva il viso coperto, e non indossava un numero di identificazione, come invece richiede la Corte”. Ed inoltre anche chi è stato processato e condannato “non ha scontato alcuna pena” poiché i reati sono caduti in prescrizione”. E questa è una colpa da imputare “alla mancanza in Italia del reato di tortura o di reati altrettanto gravi”. “Quando parlammo di tortura ci presero per pazzi” dice oggi il pm che ha sostenuto l’accusa, Enrico Zucca, sottolineando che la decisione della Corte era “scontata” in quanto “ciò che è accaduto in quella scuola è un concentrato di violazioni dei diritti dell’uomo”.

Violazioni che la Cassazione – con la sentenza con cui ha confermato le condanne ai vertici della Ps che erano a Genova, Gratteri, Luperi e Caldarozzi, per i falsi verbali – aveva già pienamente indicato, pur non potendo parlare di tortura: ci fu un “uso spropositato della violenza” da parte della Polizia, che ha “gettato discredito sulla nazione agli occhi del mondo intero”. I poliziotti, hanno scritto i giudici, “si scagliarono sui presenti, sia che dormissero, sia che stessero immobili con le mani alzate, colpendo tutti con i manganelli e con calci e pugni, sordi alle invocazioni di ‘non violenza’ provenienti dalle vittime, alcune con i documenti in mano, pure insultate al grido di ‘bastardi’”.

Ora tocca all’Italia far vedere che le cose sono cambiate, approvando immediatamente la proposta di legge che introduce il reato, con pene che vanno dai 4 ai 10 anni, approdata alla Camera lo scorso 23 marzo. Un vuoto, sostiene il presidente della Camera Laura Boldrini, “intollerabile”. Giovedì il Parlamento inizierà la votazione e “il via libera definitivo – spiega il presidente della Commissione Giustizia Donatella Ferranti – potrebbe arrivare entro l’estate”.

Sel e Prc tornano intanto a criticare il tempo perso e a chiedere i numeri identificativi sulle divise degli uomini delle forze di polizia. “Questa è una macchia indelebile sul volto del nostro paese e delle classi dirigenti che consentirono un uso arbitrario delle forze dell’ordine” afferma Nichi Vendola. Gli risponde Gianfranco Fini, che all’epoca era vice premier ed era a Genova. “Che ci siano stati eccessi è stato accertato e quindi è giusto che i colpevoli vadano puniti. Ma su di me ci furono speculazioni”. Dal canto suo il M5s annuncia battaglia per modificare l’attuale testo: “è una vergogna che oggi non vi sia il reato di tortura – dicono i membri della commissione giustizia – ma sarebbe ancora più vergognoso concludere con una legge inefficace”.

E il leader radicale Marco Pannella annuncia invece uno sciopero della sete contro “questa infamia”: c’è una situazione in Italia, per quanto riguarda “i diritti e il funzionamento della giustizia, di fronte alla quale i fascisti si metterebbero a sghignazzare”. In attesa che il Parlamento colmi il vuoto, resta una certezza: l’incursione alla Diaz, hanno detto i processi, avrebbe dovuto “riscattare l’immagine della Polizia” dopo le devastazioni, ma la verità è che l’ha compromessa. Anche perché, ancora oggi, nessuno degli autori materiali di quel massacro sta scontando una pena: per i 10 funzionari condannati in appello per lesioni – il comandante del Reparto Mobile di Roma Vincenzo Canterini, il suo vice e i capisquadra – la Cassazione non ha potuto far altro che dichiarare prescritto il reato. E tutti gli altri, decine e decine di poliziotti, che entrarono nella scuola, non sono mai stati identificati.

Ultima ora

11:03Calcio: Spagna, per Nzonzi c’è il Barca su strada della Juve

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Su Steven N'Zonzi non c'è solo la Juve, ma anche il Barcellona. Secondo quanto scrive El mundo deportivo, il centrocampista del Siviglia, da sempre è un obiettivo di Robert Fernandez, uomo-mercato del Barcellona. Dal canto suo, la Juventus punta all'ingaggio 'immediato' del centrocampista: si è mossa, infatti, per assicurarsi il suo cartellino già nel prossimo mercato di gennaio. In quel caso, il giocatore rimarrebbe a Siviglia fino alla fine della stagione e solo in un secondo momento si trasferirebbe a Torino. L'obiettivo del Barcellona è di ingaggiare un mediano di ruolo, una valida alternativa al metronomo Sergio Busquets, uno dei pochi giocatori blaugrana a non avere un sostituto ideale. Al Barcellona piace anche Julian Weigl, 21 anni, del Borussia Dortmund, ma il prezzo del suo cartellino non rientra nei parametri della società catalana. Inoltre, il Dortmund si sarebbe già accordato con il Real Madrid per la cessione del giocatore. Stesso discorso per Pierre André Aubameyang e Ousmane Dembele.

10:58Droga:su gommone 1 tonnellata e mezzo marijuana, tre arresti

(ANSA) - BARI, 10 DIC - Oltre una tonnellata e mezzo di marijuana è stata sequestrata e tre presunti trafficanti albanesi sono stati arrestati nel corso di un'operazione condotta dai finanzieri del Roan di Bari, il reparto operativo aeronavale della Guardia di Finanza, al largo di Mola di Bari dove é stato intercettato un potente gommone oceanico che procedeva a forte velocità verso le coste baresi. Al termine dell'inseguimento, bloccato il gommone, lungo 10 metri con due motori fuoribordo da 350 cavalli ciascuno, sono stati rinvenuti 78 involucri di varie dimensioni, contenenti un quantitativo complessivo di oltre una tonnellata e mezzo di marijuana. Rinvenuta anche una pistola con 5 proiettili. Per i tre scafisti a bordo, di 26, 34 e 42 anni, tutti di nazionalità albanese, è scattato l'arresto. Secondo gli investigatori, la droga sequestrata avrebbe fruttato all'organizzazione criminale, al dettaglio, oltre 15 milioni di euro.

10:46Terremoti: 45 mila sfollati dopo sisma a Sumatra

(ANSA) - GIACARTA, 10 DIC - Almeno 45 mila persone sono state sfollate dal terremoto di magnitudo 6,5 che mercoledì scorso ha colpito la provincia indonesiana di Aceh, nell'isola di Sumatra, hanno reso noto oggi le autorità, mentre il governo e le agenzie di soccorsi moltiplicano i loro sforzi per far fronte alle necessità di base delle comunità locali. Le stime sul numero dei senzatetto continuano a salire, mentre le squadre di soccorso raggiungono i punti più remoti dei tre distretti più vicini all'epicentro del sisma, ha affermato il portavoce dell'Agenzia per i disastri naturali, Sutopo Nugroho.

10:36Omicidio piazzale Loreto, arrestato è un dominicano 26enne

(ANSA) - MILANO, 10 DIC - È un dominicano di 26 anni l'uomo fermato dalla polizia per l'omicidio di Antonio Rafael Ramirez, il 37enne di Santo Domingo ferito a morte con coltellate e con un colpo di pistola la sera del 12 novembre scorso in piazzale Loreto, a Milano. Le indagini, coordinate dal pm Piero Basilone, hanno consentito di accertare che dopo l'omicidio del connazionale si è rifugiato in una villetta di Bettolle (Siena), dove è stato catturato dagli agenti della Squadra mobile milanese, assieme ai colleghi di Siena. Ulteriori dettagli saranno forniti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 11 in questura.

10:07Funzionari comunali e vigili arrestati a Quartu

(ANSA) - CAGLIARI, 10 DIC - Dalle prime ore del mattino gli uomini della Squadra Mobile della Questura di Cagliari, con l'ausilio del Reparto Prevenzione Crimine Sardegna, hanno eseguito un'operazione nei confronti di agenti della Polizia Locale di Quartu Sant'Elena - la terza città della Sardegna a pochi chilometri da Cagliari - di impiegati comunali e di un noto imprenditore edile. Sono accusati di corruzione e falsità ideologica. Sono in tutto 5 le persone arrestate, ma non si conoscono al momento altri particolari di questa nuova bufera che investe il Comune di Quartu, già finito di recente al centro delle cronache per la vicenda giudiziaria dello stadio Is Arenas che portò all'arresto dell'allora sindaco Mauro Contini e di alcuni assessori, oltre che dell'ex presidente del Cagliari, Massimo Cellino.

08:43Shalabayeva: libero Ablyazov, Francia rifiuta estradizione

(ANSA-AP) - PARIGI, 10 DIC - Un alto tribunale francese ha rifiutato di consegnare alla Russia Mukhtar Ablyazov, banchiere kazako dissidente accusato di essersi appropriato indebitamente di grandi somme di denaro, sostenendo di considerare la richiesta ispirata da "motivi politici". Poco dopo, Mukhtar Ablyazov ha lasciato la prigione francese in cui era detenuto. Ad attenderlo suo figlio, suo fratello e il suo avvocato. La sua liberazione ha rappresentato una svolta in una vicenda giudiziaria durata anni e che ha coinvolto diversi Paesi, tra cui l'Italia. La moglie di Ablyazov, Alma Shalabayeva, venne espulsa dall'Italia nel maggio del 2013 insieme alla figlia di sei anni dopo un blitz avvenuto con modalità tuttora oggetto di indagini, e vi ha poi fatto ritorno. Ablyazov, che sfuggì allora alla cattura, era detenuto in Francia dal 31 luglio 2013, dopo il suo arresto in una villa in Costa Azzurra.

08:39Trump respinge accuse Cia, “è ora di guardare avanti”

(ANSA) - WASHINGTON, 10 DIC - Il team di transizione di Donald Trump ha respinto le accuse contenute in un rapporto della Cia rivelato dal Washington Post secondo il quale la Russia sarebbe intervenuta per favorire la sua elezione. Della Cia - si afferma in una nota del team - "fanno parte le stesse persone che dicevano che Saddam Hussein aveva armi di distruzione di massa". "Le elezioni si sono concluse molto tempo fa - aggiunge la nota - ...è ora di guardare avanti e 'Rifare grande l'America'", conclude citando il motto della campagna elettorale".

Archivio Ultima ora