La Corte di Strasburgo condanna l’Italia: alla scuola Diaz fu tortura

Pubblicato il 07 aprile 2015 da redazione

G8: PERQUISITA SEDE GSF

ROMA. – La “macelleria messicana” compiuta dalla Polizia nella scuola Diaz la notte del 21 luglio 2001 “deve essere qualificata come tortura”: l’Italia va dunque condannata doppiamente, per il massacro dei manifestanti e per non avere ancora una legge adeguata a punire quel reato. La Corte europea dei diritti dell’uomo, a 15 anni di distanza, mette per la prima volta nero su bianco in un atto giudiziario quel che decine di testimoni hanno visto e raccontato.

La sentenza della Corte di Strasburgo è il risultato del ricorso di Arnaldo Cestaro, oggi 76enne: quella notte era alla Diaz e fu uno degli 87 no global massacrati e feriti – su 93 che furono arrestati – durante quella che la Polizia definì una “perquisizione ad iniziativa autonoma” finalizzata alla ricerca di armi e black bloc dopo le devastazioni avvenute in mezza Genova durante le proteste contro il G8. “Questa sentenza è una cosa molto importante – ha commentato l’uomo – quel che ho visto e subito è una cosa indegna in un sistema democratico”.

“Finalmente – ha aggiunto il papà di Carlo Giuliani – sono state determinate le brutture commesse dallo Stato italiano. E’ una cosa bella e chissà se l’attuale governo troverà il tempo di occuparsi di queste cose che riguardano la dignità del paese”. Resta, aggiunge Giuliano Giuliani, “la rabbia perché l’omicidio di Carlo è ancora impunito”. I colpevoli di quella violenza – che la Cassazione ha definito “sadica e cinica” – sostiene la Corte di Strasburgo avrebbero dovuto essere puniti adeguatamente ma ciò non fu possibile “a causa dell’inadeguatezza delle leggi italiane”.

Chi “ha torturato” l’uomo, “non è mai stato identificato, anche perché entrando alla Diaz aveva il viso coperto, e non indossava un numero di identificazione, come invece richiede la Corte”. Ed inoltre anche chi è stato processato e condannato “non ha scontato alcuna pena” poiché i reati sono caduti in prescrizione”. E questa è una colpa da imputare “alla mancanza in Italia del reato di tortura o di reati altrettanto gravi”. “Quando parlammo di tortura ci presero per pazzi” dice oggi il pm che ha sostenuto l’accusa, Enrico Zucca, sottolineando che la decisione della Corte era “scontata” in quanto “ciò che è accaduto in quella scuola è un concentrato di violazioni dei diritti dell’uomo”.

Violazioni che la Cassazione – con la sentenza con cui ha confermato le condanne ai vertici della Ps che erano a Genova, Gratteri, Luperi e Caldarozzi, per i falsi verbali – aveva già pienamente indicato, pur non potendo parlare di tortura: ci fu un “uso spropositato della violenza” da parte della Polizia, che ha “gettato discredito sulla nazione agli occhi del mondo intero”. I poliziotti, hanno scritto i giudici, “si scagliarono sui presenti, sia che dormissero, sia che stessero immobili con le mani alzate, colpendo tutti con i manganelli e con calci e pugni, sordi alle invocazioni di ‘non violenza’ provenienti dalle vittime, alcune con i documenti in mano, pure insultate al grido di ‘bastardi’”.

Ora tocca all’Italia far vedere che le cose sono cambiate, approvando immediatamente la proposta di legge che introduce il reato, con pene che vanno dai 4 ai 10 anni, approdata alla Camera lo scorso 23 marzo. Un vuoto, sostiene il presidente della Camera Laura Boldrini, “intollerabile”. Giovedì il Parlamento inizierà la votazione e “il via libera definitivo – spiega il presidente della Commissione Giustizia Donatella Ferranti – potrebbe arrivare entro l’estate”.

Sel e Prc tornano intanto a criticare il tempo perso e a chiedere i numeri identificativi sulle divise degli uomini delle forze di polizia. “Questa è una macchia indelebile sul volto del nostro paese e delle classi dirigenti che consentirono un uso arbitrario delle forze dell’ordine” afferma Nichi Vendola. Gli risponde Gianfranco Fini, che all’epoca era vice premier ed era a Genova. “Che ci siano stati eccessi è stato accertato e quindi è giusto che i colpevoli vadano puniti. Ma su di me ci furono speculazioni”. Dal canto suo il M5s annuncia battaglia per modificare l’attuale testo: “è una vergogna che oggi non vi sia il reato di tortura – dicono i membri della commissione giustizia – ma sarebbe ancora più vergognoso concludere con una legge inefficace”.

E il leader radicale Marco Pannella annuncia invece uno sciopero della sete contro “questa infamia”: c’è una situazione in Italia, per quanto riguarda “i diritti e il funzionamento della giustizia, di fronte alla quale i fascisti si metterebbero a sghignazzare”. In attesa che il Parlamento colmi il vuoto, resta una certezza: l’incursione alla Diaz, hanno detto i processi, avrebbe dovuto “riscattare l’immagine della Polizia” dopo le devastazioni, ma la verità è che l’ha compromessa. Anche perché, ancora oggi, nessuno degli autori materiali di quel massacro sta scontando una pena: per i 10 funzionari condannati in appello per lesioni – il comandante del Reparto Mobile di Roma Vincenzo Canterini, il suo vice e i capisquadra – la Cassazione non ha potuto far altro che dichiarare prescritto il reato. E tutti gli altri, decine e decine di poliziotti, che entrarono nella scuola, non sono mai stati identificati.

Ultima ora

15:37Fondi Sardegna: 13 condanne e una assoluzione

(ANSA) - CAGLIARI, 20 FEB - Tredici condanne e una assoluzione: è la sentenza pronunciata dal Tribunale di Cagliari nel primo maxi processo sul presunto uso illecito dei fondi destinati ai gruppi del Consiglio regionale della Sardegna dal 2004 al 2009. Le condanne vanno dai 5 anni e sei mesi ai due anni e due mesi. Per dieci imputati scatta anche l'interdizione perpetua dai pubblici uffici. Assolto l'ex consigliere Idv Giommaria Uggias. Giuseppe Atzeri (Misto) invece è stato condannato per peculato ma assolto dall'accusa di mobbing nei confronti della funzionaria Ornella Piredda, che con le sue rivelazione aveva dato il via all'inchiesta, la prima in Italia. Tra i condannati ci sono anche tre consiglieri regionali attualmente in carica: Mario Floris (Uds), Alberto Randazzo (Fi) e Oscar Cherchi (Fi). Per questi scatterà, in base alla legge Severino, la sospensione per 18 mesi.

15:37Calcio: Dani Alves, questa Juve può giocarsi la Champions

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - "Abbiamo la squadra per giocarci la Champions, ma qui sono tutti superstiziosi e lo dicono a bocca stretta...". Dani Alves, in un'intervista rilasciata al sito web abc.es, svela le ambizioni europee della sua Juventus, a due giorni dalla sfida con il Porto, andata degli ottavi di finale. "Andiamo avanti passo dopo passo - aggiunge il difensore brasiliano - Prima pensiamo al Porto, poi vedremo quel che verrà". Non manca, poi, qualche stoccata alla sua ex squadra, il Barcellona. "La dirigenza del Barça è stata falsa con me - è l'accusa - Mi hanno proposto il rinnovo solo quando è scattata la sanzione Fifa che ha bloccato il mercato. Io amo essere amato: se non si verifica questo, me ne vado. Sono un vincente e anche la Juventus lo è; sono molto felice e ho dei nuovi compagni splendidi in una grande squadra".

15:20Tennis: ranking Wta, Vinci si conferma migliore azzurra

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Roberta Vinci si conferma 25/a, prima delle azzurre, nella classifica mondiale Wta aggiornata oggi. La tarantina, che sabato ha compiuto 34 anni, è stata eliminata al primo turno del torneo di Dubai, battuta ieri per 3-6, 7-5, 6-3, dalla ceca Kristyna Pliskova (sorella di Karolina). Per quanto riguarda le altre italiane, con gli scivoloni all'indietro di Sara Errani (93/a) e Francesca Schiavone (153/a), la seconda miglior piazzata è ora Camila Giorgi, 73/a. Nessuna novità, invece, nella top 10, con Serena Williams tornata al comando dopo gli Australian Open e alla 312/a settimana complessiva da numero 1. Al secondo posto c'è sempre la tedesca Angelique Kerber e al terzo, molto distanziata, la ceca Karolina Pliskova.

15:05Basket:All Star Game Nba,vince Ovest,A.Davis segna 52 punti

(ANSA) - NEW ORLEANS (USA), 20 FEB - Quello del 2017 sarà ricordato come l'All Star Game Nba del record di segnature: l'idolo di casa Anthony Davis, star dei Pelicans, ha segnato 52 punti, diventando il miglior marcatore di sempre in questa partita. Il precedente record era del grande Wilt Chamberlain con i 42 punti segnati nel match del 1962. Inutile dire che Davis è stato anche premiato come 'Mvp', miglior giocatore della sfida di ieri notte, e ha alzato il trofeo davanti ai suoi tifosi, come successe a Kobe Bryant nel 2011 a Los Angeles. In questa sfida in cui le stelle che si sono avvicendate sul parquet non hanno praticamente mai difeso, la selezione dell'Ovest ha battuto quella dell'Est per 192-182. "La prossima volta di punti ne segnerà 100 - ha scherzato Davis dopo il match -. Intanto è stato tutto assolutamente fantastico. Era proprio quello che mi ero messo in testa di fare, e i compagni sono stati straordinari e mi hanno aiutato tantissimo. Volevo il premio Mvp per i tifosi, per questa città e questa franchigia".

14:54Incendio palme: testimone, ho cercato di fermare il vandalo

(ANSA) - MILANO, 20 FEB - "Una testimone si è fatta avanti raccontando di aver visto sabato notte un giovane italiano ben vestito, con indosso un montgomery, che stava dando fuoco alle palme. Lo avrebbe rincorso e gli avrebbe chiesto conto di quanto stava facendo. La ringraziamo per il senso civico che ha dimostrato intervenendo prontamente e raccontando tutto alla Polizia locale". Lo rende noto l'assessore alla Sicurezza Carmela Rozza. "Stiamo analizzando anche i video forniti dai privati delle telecamere rivolte verso piazza Duomo - aggiunge il comandante della Polizia locale Antonio Barbato -, per cercare di avere una chiara immagine del volto del giovane che, dopo aver acceso il fuoco, sembra si sia diretto verso la Galleria". "Fossi in lui - conclude l'assessore - eviterei di farmi rintracciare dalla Polizia locale e mi presenterei chiedendo scusa per il danno fatto, sia reale sia di immagine alla città di Milano".

14:41Università: Bologna, protesta studenti prosegue a oltranza

(ANSA) - BOLOGNA, 20 FEB - Prosegue a Bologna la protesta di 'Quelli del 36', gli studenti guidati dal Collettivo universitario autonomo, contro lo sgombero e la chiusura della biblioteca di Discipline umanistiche. Oggi in cinquanta si sono ritrovati davanti all'ingresso della biblioteca per una pacifica dimostrazione. 'Armati' di libri, appunti e dispense (Flaubert, Gramsci, Brecht e Garcia Marquez alcuni degli autori esposti) e con lo striscione 'Vogliamo il 36 libero', hanno ribadito la loro conditio sine qua non: la riapertura della biblioteca senza tornelli. I collettivi infatti contestano la decisione dell'Università di filtrare con dei tornelli gli accessi alla biblioteca di lettere, in via Zamboni 36. Sulla questione domani si riunirà il Senato accademico: 'Quelli del '36' hanno annunciato alle 13 un presidio in attesa delle decisioni dell'organo accademico, confermando inoltre la terza assemblea degli studenti per le 19 di mercoledì. (ANSA).

14:41San Severo, ‘città in ginocchio per rapine’

(ANSA) - BARI, 20 FEB - "Le rapine mettono in ginocchio la città" di San Severo (Foggia): per questo, il sindaco, Francesco Miglio, ha scritto una lettera al Ministro dell'Interno, Marco Minniti, chiedendo l'istituzione di "un dipartimento della Dia (Direzione investigativa antimafia) nella provincia di Foggia". Nella lettera, firmata anche dall'assessore alla sicurezza, Raffaele Fanelli, il sindaco ha evidenziato "il continuo perpetrarsi di rapine ai danni di esercizi commerciali - supermercati, tabaccherie e negli ultimi giorni anche farmacie - che hanno creato uno stato di estremo disagio e grande sofferenza nella popolazione sanseverese". Secondo il sindaco, "l'insicurezza si sta diffondendo a macchia d'olio fra i cittadini con la relativa paura talora di poter svolgere i più elementari servizi necessari alla sopravvivenza".

Archivio Ultima ora