La Corte di Strasburgo condanna l’Italia: alla scuola Diaz fu tortura

Pubblicato il 07 aprile 2015 da redazione

G8: PERQUISITA SEDE GSF

ROMA. – La “macelleria messicana” compiuta dalla Polizia nella scuola Diaz la notte del 21 luglio 2001 “deve essere qualificata come tortura”: l’Italia va dunque condannata doppiamente, per il massacro dei manifestanti e per non avere ancora una legge adeguata a punire quel reato. La Corte europea dei diritti dell’uomo, a 15 anni di distanza, mette per la prima volta nero su bianco in un atto giudiziario quel che decine di testimoni hanno visto e raccontato.

La sentenza della Corte di Strasburgo è il risultato del ricorso di Arnaldo Cestaro, oggi 76enne: quella notte era alla Diaz e fu uno degli 87 no global massacrati e feriti – su 93 che furono arrestati – durante quella che la Polizia definì una “perquisizione ad iniziativa autonoma” finalizzata alla ricerca di armi e black bloc dopo le devastazioni avvenute in mezza Genova durante le proteste contro il G8. “Questa sentenza è una cosa molto importante – ha commentato l’uomo – quel che ho visto e subito è una cosa indegna in un sistema democratico”.

“Finalmente – ha aggiunto il papà di Carlo Giuliani – sono state determinate le brutture commesse dallo Stato italiano. E’ una cosa bella e chissà se l’attuale governo troverà il tempo di occuparsi di queste cose che riguardano la dignità del paese”. Resta, aggiunge Giuliano Giuliani, “la rabbia perché l’omicidio di Carlo è ancora impunito”. I colpevoli di quella violenza – che la Cassazione ha definito “sadica e cinica” – sostiene la Corte di Strasburgo avrebbero dovuto essere puniti adeguatamente ma ciò non fu possibile “a causa dell’inadeguatezza delle leggi italiane”.

Chi “ha torturato” l’uomo, “non è mai stato identificato, anche perché entrando alla Diaz aveva il viso coperto, e non indossava un numero di identificazione, come invece richiede la Corte”. Ed inoltre anche chi è stato processato e condannato “non ha scontato alcuna pena” poiché i reati sono caduti in prescrizione”. E questa è una colpa da imputare “alla mancanza in Italia del reato di tortura o di reati altrettanto gravi”. “Quando parlammo di tortura ci presero per pazzi” dice oggi il pm che ha sostenuto l’accusa, Enrico Zucca, sottolineando che la decisione della Corte era “scontata” in quanto “ciò che è accaduto in quella scuola è un concentrato di violazioni dei diritti dell’uomo”.

Violazioni che la Cassazione – con la sentenza con cui ha confermato le condanne ai vertici della Ps che erano a Genova, Gratteri, Luperi e Caldarozzi, per i falsi verbali – aveva già pienamente indicato, pur non potendo parlare di tortura: ci fu un “uso spropositato della violenza” da parte della Polizia, che ha “gettato discredito sulla nazione agli occhi del mondo intero”. I poliziotti, hanno scritto i giudici, “si scagliarono sui presenti, sia che dormissero, sia che stessero immobili con le mani alzate, colpendo tutti con i manganelli e con calci e pugni, sordi alle invocazioni di ‘non violenza’ provenienti dalle vittime, alcune con i documenti in mano, pure insultate al grido di ‘bastardi’”.

Ora tocca all’Italia far vedere che le cose sono cambiate, approvando immediatamente la proposta di legge che introduce il reato, con pene che vanno dai 4 ai 10 anni, approdata alla Camera lo scorso 23 marzo. Un vuoto, sostiene il presidente della Camera Laura Boldrini, “intollerabile”. Giovedì il Parlamento inizierà la votazione e “il via libera definitivo – spiega il presidente della Commissione Giustizia Donatella Ferranti – potrebbe arrivare entro l’estate”.

Sel e Prc tornano intanto a criticare il tempo perso e a chiedere i numeri identificativi sulle divise degli uomini delle forze di polizia. “Questa è una macchia indelebile sul volto del nostro paese e delle classi dirigenti che consentirono un uso arbitrario delle forze dell’ordine” afferma Nichi Vendola. Gli risponde Gianfranco Fini, che all’epoca era vice premier ed era a Genova. “Che ci siano stati eccessi è stato accertato e quindi è giusto che i colpevoli vadano puniti. Ma su di me ci furono speculazioni”. Dal canto suo il M5s annuncia battaglia per modificare l’attuale testo: “è una vergogna che oggi non vi sia il reato di tortura – dicono i membri della commissione giustizia – ma sarebbe ancora più vergognoso concludere con una legge inefficace”.

E il leader radicale Marco Pannella annuncia invece uno sciopero della sete contro “questa infamia”: c’è una situazione in Italia, per quanto riguarda “i diritti e il funzionamento della giustizia, di fronte alla quale i fascisti si metterebbero a sghignazzare”. In attesa che il Parlamento colmi il vuoto, resta una certezza: l’incursione alla Diaz, hanno detto i processi, avrebbe dovuto “riscattare l’immagine della Polizia” dopo le devastazioni, ma la verità è che l’ha compromessa. Anche perché, ancora oggi, nessuno degli autori materiali di quel massacro sta scontando una pena: per i 10 funzionari condannati in appello per lesioni – il comandante del Reparto Mobile di Roma Vincenzo Canterini, il suo vice e i capisquadra – la Cassazione non ha potuto far altro che dichiarare prescritto il reato. E tutti gli altri, decine e decine di poliziotti, che entrarono nella scuola, non sono mai stati identificati.

Ultima ora

17:37Calcio: fischi sul Milan dopo 0-0 con Genoa

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Fischi sul Milan e soprattutto su Vincenzo Montella, al termine della partita con il Genoa, chiusa senza gol. I rossoneri non vincono in campionato dal 20 settembre vale a dire da oltre un mese (2-0 alla Spal). Adesso la panchina di Montella è davvero rovente.

17:36Calcio: Benevento nono ko consecutivo, è record assoluto

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Il Benevento continua a mancare l'appuntamento con il primo punto della propria storia nella classifica di Serie A. La squadra allenata da Marco Baroni ha perso anche oggi, 3-0 in casa contro la Fiorentina: si tratta del nono ko in altrettante giornate di campionato. E' un inizio di campionato pessimo, e anche un record assoluto, visto che fino a oggi i sanniti condividevano questo primato, a quota 8, con il Venezia della stagione 1949/50 che, per i lagunari, si concluse con l'ultimo posto e la retrocessione in Serie B.

17:34Calcio: Serie A, risultati della nona giornata

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - I risultati della nona giornata del campionato italiano di calcio di Serie A. A Bergamo: Atalanta-Bologna 1-0, A Benevento: Benevento-Fiorentina 0-3. A Verona: Chievo-Verona 3-2. A Roma: Lazio-Cagliari ore 20,45. A Milano: Milan-Genoa 0-0. A Napoli: Napoli-Inter 0-0 (ieri). A Genova: Sampdoria-Crotone 5-0 (ieri). A Ferrara: Spal-Sassuolo 0-1. A Torino: Torino-Roma 0-1. A Udine: Udinese-Juve ore 18.

17:15Due appartamenti in fiamme a Torino, evacuati condomini

(ANSA) - TORINO, 22 OTT - Due appartamenti sono stati devastati da un incendio in largo Castelfidardo, a Torino. Una dozzina gli inquilini evacuati dai vigili del fuoco, intervenuti con l'autoscala e il carro aria. Per sei di loro, intossicati dalle esalazioni di monossido di carbonio, è stato necessario ricorrere alle cure dei sanitari. Sono stati ricoverati all'ospedale Cto e per quattro di loro si è resa necessaria la terapia dell'ossigeno. Ancora da accertare le cause del rogo, che hanno reso inagibili i due appartamenti.(ANSA).

16:59Si staccano stucchi da facciata chiesa Quo Vadis a Roma

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Distacco di una porzione di stucchi ornamentali e fregi dalla facciata della chiesa della Domine Quo Vadis di via Appia Antica a Roma. Lo riferiscono i vigili del fuoco intervenuti sul posto con due squadre e l'autoscala. Non si registrano feriti, ma disagi al traffico lungo la strada.

16:52Nuovo incendio in riserva naturale Torre Guaceto a Ostuni

(ANSA) - BARI, 22 OTT - Un nuovo incendio a una settimana dall'ultimo, si è sviluppato nella mattinata di oggi nella riserva naturale di Torre Guaceto, a Ostuni (Brindisi). I dipendenti della società che cura l'area servizi a sud della Riserva, in località Apani, hanno lanciato l'allarme consentendo un tempestivo intervento dei vigili del fuoco e del personale del consorzio di gestione della riserva che hanno spento le fiamme. L'incendio ha comunque distrutto 2.000 metri quadrati di canneto in area protetta. "Un altro rogo domenicale, a solo una settimana di distanza dall'ultimo, il sesto da fine maggio a oggi - scrive il consorzio in una nota - Ancora una volta, aleggia l'ombra del dolo sulla Riserva. Il Consorzio di Gestione di Torre Guaceto intende affrontare la situazione in sinergia con gli enti soci e le Autorità preposte".

16:51Renzi a Speranza, se apertura seria, pronto a incontrarlo

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Speranza è segretario del partito che si è scisso da noi a marzo. Voglio guardare il bicchiere mezzo pieno, l'aspetto positivo. Se è un'apertura seria, e sono convinto possa esserlo, discutiamone. Ma discutiamo sulle cose concrete, come il 2,9% sul deficit, gli 80 euro. Siamo pronti a incontrare tutti, faremo la conferenza programmatica a Napoli". Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi, ospite di "1/2h in più". E' possibile inserire le preferenze nel Rosatellum come chiede da Mdp Roberto Speranza? "Io sono un pasdaran delle preferenze tant'è che erano nell'Italicum ma si è fatto un accordo con i partiti anche di opposizione per la legge Rosato. Alla luce di questo penso che mettere in discussione la legge elettorale oggi sia molto difficile, perché sembra voler ripartire d'accapo, azzerare tutto".

Archivio Ultima ora