Uccide caporeparto: Donatini resta in carcere

(ANSA) – LUCCA, 9 APR – Resterà in carcere Massimo Donatini, l’operaio che martedì mattina ha ucciso a colpi di pistola il suo caporeparto Francesco Sodini, 52 anni, per poi andarsi a costituire ai carabinieri. Lo ha deciso il gip Riccardo Nerucci, al termine dell’interrogatorio di garanzia nel carcere di Lucca. La Lucart, l’azienda dove i due lavoravano, ha annunciato che il giorno del funerale di Sodini l’attività verrà sospesa. I colleghi devolveranno un’ora di lavoro alla famiglia del caporeparto ucciso.

Condividi: