Gentiloni, ignorare persecuzione cristiani sarebbe ignavia

(ANSA) – ROMA, 11 APR – “La persecuzione dei cristiani è una sconvolgente realtà del nostro tempo di cui dobbiamo farci carico come italiani e parlamentari, credenti e non. Ignorarlo non sarebbe prova di spirito laico, ma di ignavia”. Lo ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni in commissione alla Camera, dopo il rientro dal Kenya, dove ha portato la solidarietà italiana per la strage di studenti – soprattutto cristiani – al campus di Garissa perpetrata da jihadisti del gruppo islamico somalo di al-Shabaab.

Condividi: