Obama, con Castro “incontro storico, voltiamo pagina”

Pubblicato il 12 aprile 2015 da redazione

obama-raul
WASHINGTON. – Mai, in oltre 50 anni, si erano visti un presidente degli Stati Uniti e un presidente cubano seduti uno accanto all’altro per un faccia a faccia. E’accaduto a Panama. Ulteriore e inequivocabile segnale della svolta storica in corso tra i due Paesi, con Barack Obama e Raul Castro impegnati con convinzione a voltare pagina.

Con pazienza, ha sottolineato Castro. Con rispetto per le differenze, ha assicurato Obama. Ma entrambi si sono mostrati convinti che il momento sia giunto per cambiare corso. “Siamo pronti a parlare di tutto”, ha detto Raul Castro. “E’ il momento per tentare qualcosa di diverso. Possiamo imboccare una strada che ci conduca al futuro”, ha sottolineato Obama.

I due si sono visti in una saletta del centro congressi a margine del vertice delle Americhe a Panama, che passa alla Storia come il luogo in cui si e’ concretizzato quel processo di disgelo annunciato lo scorso dicembre al grido di “todos somos americanos”. Dopo l’incontro a porte chiuse, durato circa un’ora, Obama si e’ detto “ottimista”, convinto che “si continueranno a fare progressi”. Con Raul Castro, ha aggiunto rispondendo a domande dei giornalisti in conferenza stampa, e’ stata una “conversazione schietta e fruttuosa”. Pur sottolineando che tra i due presidenti sussistono “visioni molto diverse su come la società dovrebbe essere organizzata e io sono stato molto chiaro con lui”.

Obama ha quindi proseguito sottolineando che gli Stati Uniti continuano a sostenere democrazia e diritti umani. Ma ha licenziato senza mezzi termini eventuali allarmismi: “Cuba non e’ una minaccia per gli Stati Uniti”. Come a dire, le minacce sono altre. L’incontro, annunciato, e’ giunto dopo ore punteggiate da momenti simbolici e scambi senza precedenti. Prima la stretta di mano all’inaugurazione del vertice, contatto inatteso e spontaneo, segnale inconfutabile delle intenzioni dei due leader. Poi la sessione plenaria del summit oggi dove si e’ vista accorciarsi definitivamente la distanza tra Washington e l’Avana, con Obama e Raul che hanno messo sul tavolo le loro dichiarazioni di intenti, parlando di “occasione storica” da una parte e di “coraggio” dall’altra.

E’ stato il presidente degli Stati Uniti ad avviare lo scambio di battute sottolineando come la presenza di Cuba al summit rappresenti “un’occasione storica”. “Vogliamo stabilire relazioni diplomatiche” con Cuba, ha ribadito, precisando di aver chiesto al Congresso di cominciare a lavorare per sospendere l’embargo in vigore da decenni. “Guardiamo al futuro”, ha affermato con convinzione il presidente degli Stati Uniti. Perche’ del passato Obama non intende farsi carico.

La “Guerra Fredda e’ finita da tempo, non sono interessato a combattere battaglie iniziate prima che nascessi”. Immediato il riconoscimento del leader cubano Raul Castro: il presidente americano, Barack Obama, e’ ”onesto” e ”umile”, ”non e’ responsabile per i 10 presidenti che lo hanno preceduto”. ”Coraggiosa”, ha aggiunto, la decisione di voler migliorare le relazioni fra Washington e l’Avana. Cuba però, ha voluto sottolineare, non avrebbe mai dovuto essere inserita nella lista nera americana dei paesi che sponsorizzano il terrorismo.

Quest’ultimo resta uno dei nodi da sciogliere, forse a questo punto davvero l’ultimo tabu’ nel processo di disgelo. L’attesa per l’annuncio e’ palpabile: Obama ha lasciato capire che la decisione non tardera’ ad arrivare, “nei prossimi giorni” ha detto nell’incontro con Raul Castro. Il dossier e’ al vaglio del Dipartimento di Stato, le cui raccomandazioni sull’argomento sarebbero in dirittura d’arrivo sul tavolo del presidente.

“Voglio leggerle prima di annunciare una decisione”, ha detto ancora Obama in conferenza stampa. Per ora i due presidenti si impegnano a velocizzare il processo per l’apertura delle rispettive ambasciate. Castro e Obama pero’ in queste ore hanno gia’ fatto una promessa alla Storia consegnando al mondo immagini e parole inequivocabili, a partire da quella stretta di mano diventata il simbolo di una pagina già voltata. Un contatto spontaneo, non previsto, avvenuto tra la folla, circondati da altri leader tra cui il segretario Generale dell’Onu Ban Ki-moon, tutti consapevoli della portata storica del momento.

(di Anna Lisa Rapana’/ANSA)

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora