Capolavoro Lazio, adesso vanno tutti pazzi per Pioli

Pubblicato il 13 aprile 2015 da redazione

Soccer: Serie A; Cagliari-Lazio

ROMA. – Non lo nasconde: se gli fosse andata male probabilmente sarebbe diventato un postino come suo padre o suo fratello, ma per fortuna sua e della Lazio la sua carriera è stata ben altra. E oggi tutto il calcio italiano lo applaude, qualcuno lo rimpiange. L’ambizione di Stefano Pioli di diventare un giocatore è stata più forte, cresciuta a Parma in una famiglia legata al calcio: il papà Pasquino come dirigente; il fratello Leonardo, una promessa che è poi diventato anche lui tecnico, così come l’altro fratello Danilo.

A fare carriera, però, è stato Stefano: prima come calciatore – anche in Juve e Fiorentina – e poi da allenatore, con tante esperienze in provincia – le ultime al Chievo, Palermo e Bologna- che avevano fatto storcere il naso ai diversi tifosi della Lazio: “Con questo andiamo in Serie B”, dicevano a inizio stagione. Forse anche qualcuno dei 50mila che ieri all’Olimpico hanno scandito il suo nome. Un nome che è entrato nella storia biancoceleste accanto a Maestrelli e Rossi, capaci prima di lui di centrare otto vittorie consecutive in campionato (il record è di Eriksson, con nove).

Il poker all’Empoli è valso inoltre il sorpasso, al secondo posto, dei ‘cugini’ della Roma. “Il suo licenziamento fu un mio errore. Mi sto ancora mangiando il cappello, per non dire altro”, si rammarica il n.1 del Palermo, Zamparini che oggi lo paragona “ad Ancelotti”. “La Lazio è la grande sorpresa, non da ora – ammette l’ex ct Sacchi-. Lotito e Tare, in questi anni, hanno fatto dei capolavori. La squadra gioca e cresce partita dopo partita. Pratica un calcio generoso, da protagonisti e con coraggio”.

Merito di un gruppo umile e determinato, plasmato ad immagine del 49enne parmigiano. “Il suo pregio è la generosità”, evidenzia il suo vice, Murelli. La testardaggine, il difetto. Ma grazie ad essa è riuscito a conquistare Barbara, conosciuta sui banchi dell’istituto magistrale ‘Sanvitale’ – quando al latino preferiva il calcio – e sposata da ormai quasi 30 anni. Dal loro amore sono nati Carlotta (26 anni, laureata in cooperazione internazionale) e Gianmarco (23 anni), capitano dello Juventus Club Parma, squadra di seconda categoria che, il mese scorso, in un’amichevole in’famiglia’, ha affrontato la Lazio a Formello.

Non lontano dal centro sportivo Pioli ha fissato la sua dimora. La famiglia, invece, è rimasta nel parmense, assieme a un samoiedo di tre anni chiamato ‘Thor’, come il dio del tuono del fumetto che leggeva da ragazzo. Il cinema è la sua passione, assieme alla bici, alla pesca, alle auto e a un sigaro da fumare ogni tanto. Il suo attore preferito è Russell Crowe, protagonista de ‘Il Gladiatore’; il film, invece, è ‘L’ultimo dei Mohicani’, un cult che parla di senso di appartenenza. Come quello che ha dato alla sua Lazio sin dal ritiro estivo quando fece imparare l’inno biancoceleste ai suoi giocatori. Lo stesso che una settimana fa hanno cantato abbracciati dopo la conquista della finale di Coppa Italia.

Per lui, il ruolo di tecnico e quello di capo famiglia si somigliano. E il consiglio più importante l’ha ricevuto proprio dai suoi genitori: “essere sempre una persona seria che prova a raggiungere il massimo”. Il suo motto, invece, è “non dire gatto se non l’hai nel sacco”, ma non per scaramanzia quanto per non distrarsi mai. “Guardiamo solo alla prossima partita”, ama ripetere. Ha un contratto di un anno, ma a fine stagione si rivedrà con Lotito per una conferma quasi scontata: se, cioè, riuscirà a ‘consegnare’ ai tifosi una lettera spedita dalla Uefa, con oggetto l”Europa’.

Ultima ora

18:58Cile: Bachelet visita Pinera, prima colazione di lavoro

(ANSA) - SANTIAGO DEL CILE, 18 DIC - La presidente uscente del Cile, Michelle Bachelet, ha incontrato il suo successore, Sebastian Pinera - eletto nel ballottaggio di ieri - nel suo domicilio privato, per una prima colazione di lavoro di quasi due ore. "Quella di visitare il presidente eletto è una tradizione repubblicana", ha detto Bachelet alla stampa accorsa a coprire l'appuntamento davanti alla casa di Pinera, nell'esclusivo quartiere residenziale di La Deehesa, aggiungendo che "si è trattato di una riunione di lavoro". Resta il fatto che quella che doveva essere una visita protocollare di 15 minuti si è estesa per 1 ora e 45 minuti. Bachelet - che si era già congratulato telefonicamente con Pinera per la sua vittoria - ha potuto discutere punti dell'agenda presidenziale, prima di partire verso Villa Santa Lucia, dove almeno 8 persone sono morte sabato scorso a causa di un'alluvione.

18:55Calcio: De Sciglio, Roma forte ma noi migliorati tanto

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - "Sono molto contento per come vanno le cose dal punto di vista personale e di squadra. Ieri abbiamo dimostrato la nostra crescita e la nostra compattezza". Mattia De Sciglio analizza ai microfoni di Sky Sport il 3-0 della Juve al Dall'Ara contro il Bologna. "Stiamo migliorando sotto tutti i punti di vista - spiega il difensore bianconero -. La Roma? Un'altra grande squadra, che sta disputando un grande campionato. Ha caratteristiche diverse dall'Inter, dovremo prepararla nel migliore di modi, cercando di sfruttare al massimo quelle che sono le nostre caratteristiche e le nostre potenzialità". Un'altra pretendente allo scudetto insieme a Napoli e Inter: "Difficile dire chi sia più pericolosa, sono tre concorrenti dirette, siamo tutti vicini con pochissimo margine di punti l'una dall'altra - aggiunge De Sciglio -. Sarà un campionato combattuto fino alla fine, difficile dire oggi chi arriverà prima".

18:54Libano: media, accusato morte diplomatica Gb è autista Uber

(ANSA) - BEIRUT, 18 DIC - Il tassista arrestato a Beirut con l'accusa di avere ucciso la diplomatica britannica Rebecca Dykes è un autista di Uber, regolarmente registrato presso la compagnia nonostante avesse precedenti penali. E' quanto afferma il sito del quotidiano libanese Daily Star citando una fonte di polizia. La stessa fonte ha detto che l'uomo, identificato come Tareq H., ha violentato la diplomatica prima di ucciderla. Contattata dal giornale, Uber ha ammesso che l'uomo, di 35 anni, era impiegato dalla società, convinta che non avesse precedenti penali. La politica della società, infatti, richiede che gli autisti siano in possesso di una licenza di tassista, che Tareq H. aveva, e in base alla legge libanese i tassisti devono avere la fedina penale pulita. Uber si è detta "inorridita per questo atto di violenza senza senso" e pronta a "cooperare con le autorità nelle indagini in ogni modo possibile".

18:51Calcio: Pecoraro, sentenza brutto precedente

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Questa sentenza è un brutto precedente". E' questo il commento laconico all'Ansa del procuratore federale della Figc, Giuseppe Pecoraro, alla decisione della corte di appello federale sul caso ultrà-Agnelli. "Si è voluta monetizzare la sanzione" aggiunge solo Pecoraro, facendo riferimento alle multe comminate al presidente bianconero (100 mila euro) e alla sua società (600 mila euro).

18:47Tangenti Odebrecht: presidente Perù insiste,’sono innocente’

(ANSA) - LIMA, 18 DIC - Pedro Pablo Kuczynski non molla. Messo alle strette dalle rivelazioni sui suoi rapporti con la multinazionale brasiliana Odebrecht e minacciato da una richiesta di impeachment, il presidente del Perù è tornato a ribadire la sua innocenza, proclamando: "Non ho mentito, non sono un corrotto". In un'intervista a 5 testate, Kuczynski, ha detto che la proposta di impeachment presentata in Parlamento è un "tentativo di attacco all'ordinamento democratico". Poi ha detto di voler chiedere scusa ai peruviani per "non essersi spiegare bene". Kuczynski è stato accusato di aver ricevuto soldi dalla Odebrecht fra 2004 e 2014, attraverso la Westfield, azienda di consulenza di cui era socio. Lui sostiene di aver lasciato la Westfield quando entrò nel gabinetto dell'allora presidente Alejandro Toledo (2004-06). Due precedenti presidenti peruviani - Alejandro Toledo (2001-06) e Ollanta Humala (2011-16)- sono sotto inchieste per i loro rapporti con la Odebrecht.

18:47Terremoto: 1.693 casette consegnate a comuni colpiti

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Ad oggi, sono stati completati i lavori in 91 aree e sono state consegnate ai sindaci dei comuni del Centro Italia colpiti dal sisma 1.693 casette, di cui 687 nel Lazio (488 ad Amatrice, 199 ad Accumoli), 418 in Umbria (Cascia, Norcia e Preci), 562 nelle Marche (ad Amandola, Arquata del Tronto, Castelsantangelo sul Nera, Cessapalombo, Fiastra, Gualdo, Monte Cavallo, Muccia, Pieve Torina, San Ginesio e Visso) e 26 in Abruzzo (a Tossicia e Torricella Sicura). Lo fa sapere la Protezione civile. Secondo i dati forniti dalle quattro Regioni, al 28 novembre, sono complessivamente 3.667 le Sae (Soluzione abitative d'emergenza) ordinate per i 50 comuni che ne hanno fatto richiesta. In particolare, l'Abruzzo ha ordinato 238 Sae da installare tra i tredici Comuni interessati; nel Lazio sono 826 gli ordinativi per sei Comuni; le Marche hanno ordinato 1.844 soluzioni abitative per 28 Comuni e, infine, l'Umbria 759 per tre Comuni. Attualmente sono in corso lavori in 108 aree. (ANSA).

18:37Porto Rico: governatore ordina riconteggio vittime uragano

(ANSA) - NEW YORK - 18 DIC - Il governatore di Portorico, Ricardo Rosselló, ha ordinato il riconteggio delle vittime dell'uragano Maria che ha devastato l'isola lo scorso settembre dopo che un'analisi del New York Times ha messo in discussione le cifre ufficiali. Ufficialmente le vittime sono 64 ma il quotidiano newyorkese ritiene invece che il numero sia superiore ai mille. Il giornale è giunto alla conclusione dopo aver analizzato il tasso di mortalità nell'isola - che è territorio americano - nei 42 giorni successivi all'uragano e confrontandolo con quello dei due anni precedenti. I dati hanno rivelato che sono morte 1.052 persone in più rispetto al 2016 e 2015 e ritiene che i decessi siano da mettere in relazione all'uragano. Ad esempio sull'isola si è registrato un aumento del 50% di morti per sepsi, una malattia sistemica causata da un'infezione che può essere dovuta a condizioni di vita in povertà oppure al ritardo di cure mediche.

Archivio Ultima ora