Shoah: Boldrini, ddl su negazionismo è strumento necessario

Pubblicato il 14 aprile 2015 da ansa

(ANSA) – ROMA, 14 APR – La proposta di legge in materia di negazionismo è “uno strumento necessario, ma mi auguro che soprattutto con altri strumenti riusciremo ad affrontare la nostra grande, bella sfida del futuro. Mi auguro che presto non ci sia più bisogno di uno strumento come questo”. Lo afferma la presidente della Camera Laura Boldrini, nel suo intervento al convengo organizzato a Montecitorio “Quale memoria per quale società? I musei della Shoah nel terzo millennio”.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

18:49‘Uccidete primo che trovate’, così fu ammazzato innocente

(ANSA) - BARI, 14 DIC - Il boss del clan mafioso Di Cosola di Bari, Antonio Battista, ordinò ai suoi uomini di rispondere all'agguato subìto uccidendo un uomo, "il primo che trovate", del clan rivale Strisciuglio. Quella sera, il 16 marzo 2011, i killer per errore spararono a Giuseppe Mizzi, vittima innocente di mafia, scambiandolo per uno spacciatore. La ricostruzione di quel tragico evento è contenuta nelle motivazioni della sentenza di primo grado nei confronti di Battista (condannato all'ergastolo con rito abbreviato perché ritenuto il mandante del delitto) e di altri 59 affiliati al clan accusati di reati di associazione mafiosa, droga, armi ed estorsioni. Per la morte di Mizzi è già passata in giudicato la sentenza nei confronti dei due esecutori materiali, Emanuele Fiorentino e Edoardo Bove, condannati rispettivamente a 20 anni e a 13 anni e 4 mesi. La posizione di Battista come mandante era stata archiviata, fino alle dichiarazioni accusatrici di sua moglie, Lucia Masella, diventata collaboratrice di giustizia.

18:48Tentò di rapire una neonata, risarcirà i genitori

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Risarcirà i genitori della neonata che provò a rapire nel luglio scorso alla Clinica Mangiagalli, la 33enne ecuadoriana a processo a Milano, accusata di sequestro di persona aggravato e sottrazione di minori. L'accordo sulla cifra è stato depositato oggi dal difensore della donna, l'avvocato Nicola D'Amore. Il collegio si è invece riservato sull'istanza di una perizia psichiatrica, presentata dalla difesa, per valutare lo stato psicologico dell'imputata al momento del gesto. La casalinga di Mediglia, stando alla sua versione, aveva tenuto nascosto al suo attuale convivente, un operaio, di aver abortito "per paura di essere lasciata". Aborto di cui nessuno si era accorto in quanto aveva preso parecchi chili, al punto da fare credere che la gravidanza stesse procedendo per il meglio. Il giorno in cui avrebbe dovuto dare alla luce quel figlio, che invece non portava più in grembo, ha tentato di rapire una bimba.

18:48Calcio: Antimafia, rendere più “robusto” il Daspo

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Intervenire sul Daspo, sia prevedendo termini di efficacia più severi che introducendo l'obbligo e non più la facoltà di imporre al destinatario di presentarsi agli uffici di pubblica sicurezza nel corso delle manifestazioni sportive; valutare l'introduzione di misure, come strutture sul modello inglese, che consentano di trattenere temporaneamente soggetti in stato di fermo all'interno dello stadio. Sono alcune delle misure che l'Antimafia propone nella relazione su Mafia e sport approvata oggi. "Il calcio, come ogni corpo, non è abbastanza sano da ritenersi immune dalle mafie, è un mondo ricco di soldi e di possibilità di creare consenso", ha detto la presidente dell'Antimafia Rosy Bindi rispondendo ai giornalisti. "Per molti anni il fenomeno è stato sottovalutato", ha aggiunto il presidente del Comitato mafia e sport, Marco Di Lello Pd.

18:47Calcio: Bindi, Juve non è stata vittima mafie

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Non poteva non destare la nostra attenzione il fatto che persino la società calcistica più importante d'Italia venisse raggiunta dall'interesse delle organizzazioni mafiose". Lo ha detto la presidente della Commissione parlamentare antimafia, Rosy Bindi, rispondendo ai giornalisti nel corso della conferenza stampa sulla relazione approvata oggi in tema di mafie e sport. "Non c'è stata una complicità consapevole - ha proseguito Bindi - ma la società non è stata vittima. C'è stata una sottovalutazione del rischio, ma questo lo abbiamo constatato nell'interlocuzione con diverse società calcistiche. Servirebbero più responsabilità e più consapevolezza, tutti i presidenti auditi hanno risposto ad alcune nostre domande: "non lo so, non lo sapevo, non era compito mio.." e questo non va bene. Quando la consapevolezza è maturata - ha aggiunto Bindi riferendosi alla Juventus - la società si è data delle regole che la potranno rendere più forte, anche se non dico immune".

18:39Calcio: Matuidi, Juve in Europa ha carte in regola far bene

(ANSA) - TORINO, 14 DIC - "La Juve ha grande esperienza in Champions e ha tutte le carte in regola per fare bene". Blaise Matuidi promuove i bianconeri. "Sono molto felice di essere qui, il mio ambientamento procede bene e credo di essermi integrato al meglio", aggiunge il centrocampista ai microfoni di Jtv. Il francese promuove la ritrovata solidità difensiva della squadra. "La regola base del calcio - spiega - è difendersi bene. I difensori fanno un lavoro straordinario e tutta la squadra è brava a contribuire alla fase difensiva. In Europa la Juventus ha pescato gli inglesi del Tottenham. "Una squadra forte, sia dal punto di vista tecnico che atletico - dice -. Ha un gioco veloce, box to box come si usa in Premier".

18:31Calcio: scontri derby Belgrado, diversi arresti

(ANSA) - BELGRADO, 14 DIC - La polizia serba ha arrestato 26 persone nell'ambito delle indagini sui gravi incidenti scoppiati ieri sera a Belgrado fra gruppi di tifosi durante il derby di campionato fra Partizan e Stella Rossa, le due squadre storicamente rivali della capitale. Una ventina di persone erano rimaste ferite, una in modo grave, negli scontri la cui dinamica resta ancora confusa ma che sembra siano nati da contrasti fra gruppi rivali della stessa tifoseria del Partizan. La polizia ha reso noto che fra gli arrestati figurano anche cittadini stranieri. Non ne ha indicato la nazionalità ma secondo i media locali si tratterebbe di croati, bulgari e greci. L'incontro si è svolto regolarmente ed è finito 1-1.

18:17Calcio: Diawara, il Napoli supererà questo calo

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Sabato ci aspetta una partita molto importante, vogliamo fare di tutto per vincerla. Il calo delle ultime partite ci può stare, succede a ogni squadra, lavoreremo per superarlo". Lo ha detto Amadou Diawara intervistato da Radio Kiss Kiss Napoli, radio ufficiale del Napoli. Il centrocampista guineano non considera un problema aver perso la testa della classifica a vantaggio dell'Inter: "La classifica ora non conta, vale vincere il campionato a maggio e stiamo lavorando duro. Ora sarebbe fondamentale vincere a Torino, abbiamo una settimana per prepararla ed è importante".

Archivio Ultima ora