Stuprata dai jihadisti a 9 anni, bimba irachena incinta

Pubblicato il 14 aprile 2015 da redazione

isis

LONDRA. – Una bambina di 9 anni è diventata il simbolo delle immani sofferenze inferte alla comunità yazida in Iraq dai jihadisti dell’Isis. E’ la più giovane fra le prigioniere appartenenti alla minoranza religiosa che dopo otto mesi di violenze e torture sono state liberate dallo Stato islamico. Ma per lei la sofferenza non è finita: dopo essere stata stuprata da almeno dieci uomini ora è incinta e potrebbe non sopravvivere al parto.

La sua storia viene raccontata dal quotidiano inglese Independent, che cita la stampa canadese. La bambina, di cui non è stato rivelato il nome, è stata portata via dall’Iraq grazie all’intervento di una ong curda ed è ora in cura in Germania. Secondo la testimonianza di un operatore umanitario sotto lo pseudonimo di Yousif Daoud, da poco ritornato dalla regione, la piccola sarebbe rimasta “mentalmente e fisicamente traumatizzata” dopo gli abusi patiti e si teme che non possa più superare quei giorni da incubo.

“La ragazza poi è così giovane che può morire se mette alla luce un bambino – ha aggiunto Daoud – anche un taglio cesareo è pericoloso”. Questa settimana lo Stato islamico ha liberato più di 200 prigionieri yazidi, fra cui 40 bambini. Molti anche gli anziani. Tutti portano nel corpo e nella mente il segno delle sevizie subite. Ma la guerra dell’Isis va avanti anche dopo che i prigionieri vengono liberati.

E ‘l’arma’ utilizzata volontariamente per atterrire ancora di più gli yazidi, considerati dall’Isis come eretici è quella dello stupro. I membri di questa minoranza, infatti, si ritengono gli unici veri discendenti di Abramo e non accettano di unirsi con appartenenti ad altre etnie al fine di mantenere ‘pura’ la loro discendenza. Gli jihadisti lo sanno e si comportano di conseguenza.

Per le giovani yazide è un trauma ulteriore quello di portare in grembo un figlio che spesso non sentono come loro e sanno che la loro comunità sicuramente rifiuterà: ricorrono quindi all’aborto, spesso però in condizioni di fortuna, e in certi casi anche al suicidio. “Far tornare queste ragazze e donne è un modo per gettare vergogna sull’intera comunità”, ha detto Daoud. La piccola di 9 anni è stata abusata da non meno di dieci uomini. Molti dei quali erano combattenti di ritorno dalla prima linea o anche aspiranti kamikaze a cui erano state date le donne come ‘premio’.

“Era in terribili condizioni”, ha detto ancora l’operatore. Ora la sta seguendo una equipe medica in Germania, che in primo luogo deve affrontare il trauma psicologico subito dalla piccola e valutare come intervenire affinché la sua maternità non sia letale. Secondo le ong che operano nella regione, è necessario che i Paesi occidentali intervengano per far adottare quei bambini yazidi che rischiano di essere esclusi e considerati dei paria dalla loro stessa comunità, aggiungendo sofferenza al dolore già subito. Si deve evitare, infatti, che la ‘jihad’ dei miliziani arrivi a colpire anche un’altra generazione.

(di Alessandro Carlini/ANSA)

Ultima ora

20:38Migranti: Avramopoulos a Amnesty, non siamo complici

(ANSA) - STRASBURGO, 12 DIC - La maggior parte delle raccomandazioni di Amnesty International "fa già parte delle nostre azioni": è quanto afferma, interpellato dall'ANSA, il commissario europeo alle migrazioni Dimitris Avramopoulos. "Siamo consapevoli delle condizioni disumane e terribili che alcuni affrontano - sostiene - ma non siamo complici". "La situazione in Libia - ha aggiunto Avramopoulos - non è cattiva a causa dell'Unione europea, anzi è leggermente migliore grazie all'Unione europea. E abbiamo ancora molto lavoro da fare per renderlo ancora migliore. L'Unione europea, le sue istituzioni e i suoi Stati membri stanno lavorando per salvare vite umane: puro e semplice. Lo facciamo impedendo alle persone di annegare nel Mediterraneo, evacuandole dalle condizioni disastrose in Libia e offrendo loro percorsi sicuri e legali per venire in Europa".

20:35New York: Trump, stop alla lotteria dei visti

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - All'indomani dell'attacco terroristico a Ny, Donald Trump torna a chiedere una riforma delle leggi sull'immigrazione, abolendo sia il sistema della lotteria dei visti sia quello della catena migratoria fondata sui legami di parentela, con i quali sono arrivati in Usa gli autori degli ultimi due attacchi.

20:19Da Parigi 12 progetti per il clima

(ANSA) - PARIGI, 12 DIC - L'ufficio del presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato 12 progetti da centinaia di milioni di dollari per combattere il cambiamento climatico, che sono stati presentati al vertice sul clima "One Planet Summit" a Parigi. Tra questi, un programma per lo sviluppo di auto elettriche in otto stati americani, un fondo di investimento per i paesi caraibici colpiti dagli uragani e finanziamenti per fondazione di Bill Gates che sostiene gli agricoltori.

20:10Honduras: Hrw, forti indizi di frode alle presidenziali

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 12 DIC - Esistono "forti indizi di frode" nelle elezioni presidenziali in Honduras dello scorso 26 novembre. "Vanno accertati per rispettare la volontà degli elettori": a dirlo è stato José Miguel Vivanco, responsabile per l'America Latina di Human Rights Watch (Hrw). In un comunicato, Hrw sottolinea che "diversi osservatori internazionali hanno informato di irregolarità nel processo elettorale, che hanno sollevato seri dubbi sulla legittimità delle elezioni". "Dopo che sono emersi questi dati sulla manipolazione dei risultati elettorali, sono iniziate le proteste, e le autorità hanno decretato lo stato di emergenza", prosegue la nota. Il Tribunale Supremo Elettorale (Tse) dell'Honduras non ha ancora proclamato il nuovo presidente del paese centroamericano, ma gli ultimi dati diffusi danno per vincitore il presidente uscente, Juan Orlando Hernandez, mentre lo sfidante dell'opposizione, Salvador Nasralla, ha detto di non riconoscere lo scrutinio ufficiale e di considerarsi eletto.

20:01Il Crocifisso affisso in Consiglio comunale a Genova

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - Per la prima volta il crocifisso è entrato ufficialmente nell'aula del Consiglio comunale di Genova a fianco del gonfalone del Comune, delle bandiere dell'Unione Europea, dell'Italia, della città di Genova e dell'Associazione nazionale Comuni italiani. E' stato affisso alle spalle dei banchi della Giunta nella prima seduta utile convocata oggi pomeriggio a Palazzo Tursi dopo che l'assemblea martedì scorso ha approvato una mozione presentata da Lega Nord, prima firmataria, FdI, Vince Genova e Direzione Italia, per l'introduzione del crocifisso nella sala consiliare.

19:58Si apre voragine durante lavori in casa, cadono due operai

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Stavano effettuando dei lavori di manutenzione nel piano interrato di una casa quando si è aperta una voragine, di circa 6-7 metri, e due operai sono precipitati dentro. E' accaduto poco a fa a Napoli, in via Villari. Secondo i Vigili del Fuoco i due operai parlano e le loro condizioni non sembrerebbero gravi. In atto le operazioni di recupero; la voragine si è creata sotto uno sgabuzzino. Sul posto anche la Polizia municipale di Napoli.

19:56Calcio: Mondiale club, Zidane “non sarà facile ripetersi”

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "Questo Mondiale per club non è paragonabile all'anno scorso: c'è minore differenza di fuso orario. E poi, ci siamo allenati solo per due giorni, ma siamo ugualmente concentrati sulla partita di domani. Abbiamo studiato gli avversari, ma la cosa più importante è l'atteggiamento in campo". Così Zinedine Zidane, alla vigilia della semifinale del Mondiale per club che domani opporrà il 'suo' Real Madrid ai padroni di casa dell'Al-Jazira Abu Dhabi. Zidane ha dei dubbi di formazione, perché Bale e Varane non sono al top, Kroos e Modric influenzati. Nel Mondiale per club è previsto l'uso della Var che, per Zidane, "non cambierà nulla", nell'attesa che sbarchi nella Liga. "E' normale - dice il francese - che la tecnologia entri a far parte del calcio, è fatta per migliorare le cose". Il Real si presenta da campione del mondo in carica e, anche quest'anno, farà "il massimo per vincere, anche se non sarà facile", fa notare Zidane. "Intanto, però, si deve conquistare la finale", le parole del tecnico.

Archivio Ultima ora