Armeni: Erdogan, potrei espellerne 100.000

(ANSA) – ROMA, 15 APR – Gli oltre 100.000 armeni che lavorano in Turchia non sono cittadini turchi, “li potremmo espellere anche se ancora non lo abbiamo fatto”: lo ha detto il presidente turco Recep Tayyp Erdogan citato da Today Zaman e Hurriyet. La minaccia di espulsione, nota Zaman, non è nuova: Erdogan l’aveva paventata già nel 2010.

Condividi: