Il Parma stavolta non passa e il Genoa vede l’Europa

Pubblicato il 16 aprile 2015 da redazione

Soccer: Serie A; Genoa-Parma

GENOVA. – Le magie di Perotti e i gol di Falque (ottava rete) e Pavoletti, fanno volare il Genoa e spengono la fiammata del Parma, che dopo 7 punti in 7 giorni perde 2-0 al Ferraris una partita in cui ha subito quasi sempre la supremazia della squadra rossoblù. La vittoria fa scalare al Grifone due posti in classifica ai danni di Milan e Torino e lo porta più vicino all’Europa, dietro la Sampdoria, ora cinque punti più su. Per fortuna dei tifosi, il biglietto della partita non aveva il sovrapprezzo per le giocate di Diego Perotti, altrimenti chissà chi si sarebbe potuto permettere lo spettacolo andato in scena al Ferraris.

Al di là del risultato, al di là delle azioni costruite, sprecate, finalizzate da Genoa e Parma (molto poche in verità quelle dei ducali), il recupero della gara saltata alla quarta giornata di ritorno per i problemi economici dei ducali, ha riempito gli occhi dei tifosi con le giocate dell’argentino.

Perotti ha la capacità di rendere semplici le cose impossibili e ha confezionato l’ennesimo assist dopo avere fatto impazzire gli avversari in ogni parte del campo.

Seduto accanto al presidente del Genoa Enrico Preziosi, ha potuto seguire le sue magie Michael Lee, socio nella Giochi Preziosi. “Magari investisse nel Genoa – ha detto il patron alla fine parlando del ricco imprenditore di Hong Kong -. Lo accoglierei volentieri”.

La partita è stata un monologo rossoblú. Gasperini ha fatto esordire dall’inizio Tambè, 23 anni, francese cresciuto nel Psg e arrivato a gennaio dal Belgio, sistemato a destra al posto di Edenilson. Ha anche dato fiducia a Berdich, tenuto a riposo sabato per la vicenda giudiziaria legata a questioni familiari. Donadoni ha lasciato in panchina all’inizio Mauri, autore del gol alla Juventus, e riempito il centrocampo di incontisti. Borriello, preferito a Niang, che si riposa per la prossima trasferta a Palermo, dopo 14′ costruisce il gol del vantaggio genoano con un dribbling stretto in area e un assist d’oro a Falque, che deve solo appoggiare in rete di precisione sul palo lontano.L’attaccante si infortuna però nella stessa azione e deve lasciare il posto a Pavoletti già al 17′.

Il Genoa spreca molte occasioni sfiorando spesso il 2-0. Nella ripresa la squadra di casa soffre alcuni minuti il cambio di modulo di Donadoni che passa dalla difesa a tre a quella a quattro e ha una mezza occasione per il pareggio, ma trova le contromisure e riprende a macinare gioco fino al meritato 2-0, al 31′: Bertolacci serve profondo Perotti che serve un assist d’oro a Pavoletti in area. L’attaccante controlla e segna la sua prima rete in A. Gara chiusa, il Parma che ha battuto la Juventus stavolta non ha ripetuto il miracolo.

Ultima ora

20:19Da Parigi 12 progetti per il clima

(ANSA) - PARIGI, 12 DIC - L'ufficio del presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato 12 progetti da centinaia di milioni di dollari per combattere il cambiamento climatico, che sono stati presentati al vertice sul clima "One Planet Summit" a Parigi. Tra questi, un programma per lo sviluppo di auto elettriche in otto stati americani, un fondo di investimento per i paesi caraibici colpiti dagli uragani e finanziamenti per fondazione di Bill Gates che sostiene gli agricoltori.

20:10Honduras: Hrw, forti indizi di frode alle presidenziali

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 12 DIC - Esistono "forti indizi di frode" nelle elezioni presidenziali in Honduras dello scorso 26 novembre. "Vanno accertati per rispettare la volontà degli elettori": a dirlo è stato José Miguel Vivanco, responsabile per l'America Latina di Human Rights Watch (Hrw). In un comunicato, Hrw sottolinea che "diversi osservatori internazionali hanno informato di irregolarità nel processo elettorale, che hanno sollevato seri dubbi sulla legittimità delle elezioni". "Dopo che sono emersi questi dati sulla manipolazione dei risultati elettorali, sono iniziate le proteste, e le autorità hanno decretato lo stato di emergenza", prosegue la nota. Il Tribunale Supremo Elettorale (Tse) dell'Honduras non ha ancora proclamato il nuovo presidente del paese centroamericano, ma gli ultimi dati diffusi danno per vincitore il presidente uscente, Juan Orlando Hernandez, mentre lo sfidante dell'opposizione, Salvador Nasralla, ha detto di non riconoscere lo scrutinio ufficiale e di considerarsi eletto.

20:01Il Crocifisso affisso in Consiglio comunale a Genova

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - Per la prima volta il crocifisso è entrato ufficialmente nell'aula del Consiglio comunale di Genova a fianco del gonfalone del Comune, delle bandiere dell'Unione Europea, dell'Italia, della città di Genova e dell'Associazione nazionale Comuni italiani. E' stato affisso alle spalle dei banchi della Giunta nella prima seduta utile convocata oggi pomeriggio a Palazzo Tursi dopo che l'assemblea martedì scorso ha approvato una mozione presentata da Lega Nord, prima firmataria, FdI, Vince Genova e Direzione Italia, per l'introduzione del crocifisso nella sala consiliare.

19:58Si apre voragine durante lavori in casa, cadono due operai

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Stavano effettuando dei lavori di manutenzione nel piano interrato di una casa quando si è aperta una voragine, di circa 6-7 metri, e due operai sono precipitati dentro. E' accaduto poco a fa a Napoli, in via Villari. Secondo i Vigili del Fuoco i due operai parlano e le loro condizioni non sembrerebbero gravi. In atto le operazioni di recupero; la voragine si è creata sotto uno sgabuzzino. Sul posto anche la Polizia municipale di Napoli.

19:56Calcio: Mondiale club, Zidane “non sarà facile ripetersi”

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "Questo Mondiale per club non è paragonabile all'anno scorso: c'è minore differenza di fuso orario. E poi, ci siamo allenati solo per due giorni, ma siamo ugualmente concentrati sulla partita di domani. Abbiamo studiato gli avversari, ma la cosa più importante è l'atteggiamento in campo". Così Zinedine Zidane, alla vigilia della semifinale del Mondiale per club che domani opporrà il 'suo' Real Madrid ai padroni di casa dell'Al-Jazira Abu Dhabi. Zidane ha dei dubbi di formazione, perché Bale e Varane non sono al top, Kroos e Modric influenzati. Nel Mondiale per club è previsto l'uso della Var che, per Zidane, "non cambierà nulla", nell'attesa che sbarchi nella Liga. "E' normale - dice il francese - che la tecnologia entri a far parte del calcio, è fatta per migliorare le cose". Il Real si presenta da campione del mondo in carica e, anche quest'anno, farà "il massimo per vincere, anche se non sarà facile", fa notare Zidane. "Intanto, però, si deve conquistare la finale", le parole del tecnico.

19:55Agente immobiliare ucciso, vide in faccia l’assassino

(ANSA) - BARI, 12 DIC - "Ho visto in faccia chi mi ha sparato". Sono le ultime parole pronunciate poco prima di morire agli agenti della Squadra Mobile da Giuseppe Sciannimanico, l'agente immobiliare ucciso a Bari il 26 ottobre 2015. Sciannimanico era già in ambulanza quando il poliziotto Simone Trentadue, giunto sul posto dell'agguato, gli si avvicinò facendogli tre domande. "Sai cosa ti è successo?". "Si" gli rispose lucidamente la vittima. "Hai visto in faccia chi è stato?". "Si". "Chi è?". "Non me lo ricordo" rispose Sciannimanico prima di perdere conoscenza. A riferire i dettagli di quella breve e tragica conversazione è stato lo stesso agente Trentadue, chiamato come testimone nel processo che si sta celebrando dinanzi alla Corte di Assise di Bari nei confronti di Roberto Perilli, ex collega della vittima, accusato di omicidio volontario premeditato in qualità di mandante. Per l'omicidio è già sto condannato a 30 anni di reclusione l'esecutore materiale Luigi Di Gioia.

19:54Yemen: Mosca chiude l’ambasciata a Sanaa

(ANSA) - MOSCA, 12 DIC - La Russia ha deciso di chiudere temporaneamente la sua ambasciata a Sanaa, nello Yemen: lo ha annunciato la portavoce del ministero degli Esteri di Mosca, Maria Zakharova. "Data la situazione a Sanaa - ha spiegato Zakharova - è stato deciso di sospendere temporaneamente la presenza diplomatica russa nello Yemen. Tutti gli impiegati dell'ambasciata russa hanno lasciato il paese. L'ambasciatore e una parte del corpo diplomatico russo accreditato nello Yemen - ha concluso la portavoce del ministero degli Esteri di Mosca - continueranno a espletare le proprie funzioni da Riad".

Archivio Ultima ora