Lo spettro del crack della Grecia spaventa le Borse

Pubblicato il 17 aprile 2015 da redazione

GRECIA, UE STRIGLIA ATENE, MISURE NELLA DIREZIONE SBAGLIATA

WASHINGTON. – Lo spettro della bancarotta della Grecia e della sua uscita dall’euro torna a spaventare i mercati e le Borse, dal Vecchio Continente a Wall Street. Nelle casse di Atene non sono rimasti molti soldi. Alcune indiscrezioni parlano di soli 2 miliardi di euro per pagare stipendi pubblici e pensioni alla fine del mese. Poi nulla piu’. E la smentita ufficiale del ministero delle finanze greco – che parla di “voci infondate” – non tranquillizza affatto.

Se fallisce il prossimo vertice dell’Eurogruppo in programma a Riga il 24 aprile prossimo, maggio potrebbe essere davvero il mese in cui si consumerà il fallimento di uno dei Paesi fondatori dell’Eurozona, non più in grado di onorare i suoi debiti. Con tutte le conseguenze del caso sull’economia europea e la ripresa globale.

Non a caso il pressing su Atene si fa sempre piu’ asfissiante. Con il ‘caso Grecia’ che sta dominando i lavori del Fondo Monetario Internazionale, in corso a Washington. E dalla capitale statunitense anche Barack Obama, preoccupato per le riprecussioni che nuovi shock possono avere sull’economia Usa, lancia un monito mai così esplicito: “La Grecia deve iniziare a fare riforme importanti, deve iniziare a prendere decisioni dure”.

Il presidente americano, che giovedì sera ha avuto anche un breve incontro alla Casa Bianca con il ministro delle finanze ellenico, Yanis Varoufakis, esorta il governo Tsipras a una svolta vera: “Devono far pagare le tasse, ridurre la burocrazia e introdurre flessibilità”, ha detto nel corso della conferenza stampa col premier Matteo Renzi. E preoccupato si è detto anche quest’ultimo, anche se – ha sottolineato – “la situazione in Grecia e in Europa non è quella del 2011 o del 2008. Sono epoche differenti e bisogna lavorare con forza per trovare un accordo. E’ importante rispettare la volonta’ dei cittadini greci, ma c’e’ anche un ‘framework’ da rispettare”.

Intanto, a margine delle riunioni del Fondo a cui partecipano i ministri delle finanze e i governatori centrali di tutto il mondo, Varoufakis e’ impegnato in un’azione diplomatica senza precedenti. Tantissimi gli incontri nel giro di 24 ore oltre ad Obama vede, tra gli altri, il segretario di stato americano Jacob Lew, e il presidente della Bce, Mario Draghi. “E’ stata una discussione costruttiva”, ha commentato il banchiere centrale europeo. “Una discussione – ha spiegato – sul processo che deve accompagnare i negoziati da qui al vertice di Riga”. E a chi gli chiedeva se la Bce sia pronta ad aiutare la Grecia a trovare una soluzione – come affermato da una fonte del governo di Atene – Draghi ha risposto laconico: “Non mi fate dire piu’ cose di quelle che ho detto”.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

 

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora