Le guerre in Medio Oriente rilanciano la corsa all’acquisto di armi

Pubblicato il 19 aprile 2015 da redazione

armi

NEW YORK. – Con il Pentagono che stringe la cinghia, per le aziende americane che producono armi i conflitti che infiammano il Medio Oriente si stanno rivelando una vera ancora di salvezza, o meglio: una grossa opportunità. Negli ultimi tempi, le vendite hanno registrato un vero e proprio boom, accompagnato dal timore di una nuova esplosiva corsa agli armamenti in una regione dai delicati equilibri strategici.

L’Arabia Saudita, ora impegnata in un’offensiva contro i ribelli sciiti in Yemen, ha speso solo lo scorso anno oltre 80 miliardi di dollari in armamenti. Gli Emirati Arabi Uniti quasi 23 miliardi. E anche il piccolo Qatar, che non nasconde ambizioni regionali, ha firmato un accordo da 11 miliardi di dollari con il Pentagono per l’acquisto di elicotteri da combattimento Apache e sistemi di difesa antiarea Patriot, mentre spera anche di poter acquistare caccia F-15.

Allo stesso tempo, gli Emirati vorrebbero concludere un accordo per l’acquisto di una flotta di droni Predator, che, seppur disarmati, lo renderebbe il primo Paese al di fuori della Nato a poterne disporre. Gli Usa hanno a lungo posto restrizioni alla vendita di alcuni tipi di armi ai Paesi arabi, con l’obiettivo di mantenere la superiorità militare israeliana nella regione.

Ma poichè ora Israele e Paesi arabi sono di fatto sullo stesso fronte per quanto riguarda la necessità di contenere l’Iran, questo orientamento, scrive il New York Times, sembra ora essere stato rivisto, con l’amministrazione Obama ben più incline a fornire agli alleati del Golfo moderni sistemi d’armamento.

Un orientamento rafforzato anche dalla decisione del presidente russo Vladimir Putin di revocare il bando alla vendita dei missili antiaereo S300 a Teheran. Una decisione, che secondo l’intelligence Usa, scrive ancora il Nyt, potrebbe alimentare l’interesse dei Paesi della regione per il nuovo costosissimo caccia F-35, che ha capacità stealth ritenute in grado di eludere i sistemi di difesa antiaerea russi. E lo ‘shopping’ arabo non riguarda solo le aziende americane.

A partire da domani, a Beirut arriveranno le prime forniture di armi francesi finanziate dall’Arabia Saudita con tre miliardi di dollari – elicotteri Coguar, mezzi blindati per il trasposto di truppe e anche tre piccole corvette per il pattugliamento delle coste – con lo scopo di rafforzare le difese delle frontiere libanesi da possibili infiltrazioni dei miliziani dell’Isis.

Allo stesso tempo, l’Arabia Saudita si preoccupa che le armi non vadano a finire in mano ai suoi avversari. Dal mese scorso, le sue navi da guerra pattugliano il Mar Rosso e il Golfo di Aden per imporre un blocco navale che intercetti eventuali forniture di armamenti in arrivo dall’Iran ai ribelli sciiti yemeniti Houthi.

E anche gli Usa hanno in quelle acque una robusta presenza, ben sette unità da guerra, tra cui due incrociatori. Ma non partecipano al blocco imposto da Riad, ha affermato il Pentagono. E’ dal primo aprile che non bloccano un nave sospettata di trasportare armi.

 

Ultima ora

19:45Migranti: scontri a Roma, condannati 9 di Casapound

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Nove militanti di Casapound sono stati condannati dal tribunale di Roma in relazione agli scontri con le forze dell'ordine del luglio 2015 a Casale San Nicola, periferia nord di Roma. I giudici della V sezione penale hanno inflitto otto condanne a 3 anni 7 mesi e una a 2 anni e 7 mesi. Gli imputati, che manifestarono per impedire il trasferimento di immigrati in una struttura di accoglienza, erano accusati di resistenza aggravata a pubblico ufficiale e lesioni.

19:35‘Ndrangheta:fondi Ue, chiesto processo ex assessore Calabria

(ANSA) - CATANZARO, 11 DIC - La Dda di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio di Nazzareno Salerno, ex assessore al Lavoro della Regione Calabria ed attuale consigliere regionale, coinvolto nell'inchiesta "Robin Hood" che ha svelato un presunto sistema illecito nella gestione dei fondi europei attraverso l'ente in house "Calabria etica". La richiesta di rinvio a giudizio è stata avanzata al gup, Claudio Paris, oltre che per Salerno, per altri 16 indagati e due società. I reati contestati, a vario titolo, sono truffa, estorsione aggravata dal metodo mafioso, corruzione, peculato, turbativa d'asta ed abuso d'ufficio. Dalle indagini della Guardia di Finanza di Vibo Valentia e del Ros di Catanzaro è emersa l'esistenza di un presunto "comitato d'affari" che avrebbe distratto i finanziamenti comunitari vincolati al progetto regionale "Credito sociale", indirizzandoli su conti correnti di società private anche all'estero. (ANSA).

19:33Ap, mandato a fondatori, trovare soluzione consensuale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La Direzione di Ap, a quanto si apprende, ha votato di dare mandato ai tre fondatori Beatrice Lorenzin, Fabrizio Cicchitto, Maurizio Lupi, e al vice coordinatore Antonio Gentile, di istruire una pratica per trovare una soluzione perché le due coerenze interne al partito - una che guarda alla coalizione di governo, l'altra ad una corsa solitaria e al dialogo con FI - possano "sopravvivere". La Direzione di Ap è quindi aggiornata a domani alle ore 18.

19:24Staccò lobo di un orecchio a morsi, offre 5mila euro

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Voleva risarcire con cinquemila euro il tassista a cui staccò il lobo di un orecchio il bodybuilder Antonio Bini, a processo con l'accusa di lesioni aggravate dai futili motivi, ma la cifra è stata considerata troppo bassa dai legali di Pier Federico Bossi, ancora in convalescenza dopo l'aggressione avvenuta per una banale lite di viabilità lo scorso 28 novembre nei pressi della Stazione centrale. Il giudice Carlo Cotta della undicesima sezione penale ha quindi aggiornato al prossimo 5 febbraio il dibattimento a carico del 29enne, per consentire alle parti di trovare un accordo sul risarcimento del 48enne autista del taxi, che si è costituito parte civile. I legali di Bossi, gli avvocati Sostene Invernizzi e Mauro Mocchi, e la difesa di Bini, gli avvocati Beatrice Saldarini e Patrizia Pancanti, torneranno tra due mesi di fronte al giudice, che potrà quindi valutare eventuali richieste di riti alternativi (patteggiamento, rito abbreviato o sospensione del processo con messa alla prova).

19:17Basket: Brindisi esonera Dell’Agnello

(ANSA) - BARI, 11 DIC - Dopo la sconfitta di ieri, in casa, contro Trento, la Happy Casa Brindisi ha comunicato di aver esonerato l'allenatore, coach Sandro Dell'Agnello. Brindisi è rimasta ultima con 4 punti nella classifica di Lega A di basket. "Al tecnico - si legge in una nota della società - vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto e l'augurio per le migliori fortune personali e professionali". Quanto al prossimo futuro: "Alla ripresa degli allenamenti - viene chiarito - la squadra verrà affidata temporaneamente al vice allenatore Massimo Maffezzoli".

19:10Calcio: il 19 dicembre assemblea di Lega B

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' convocata per martedì 19 dicembre a Milano l'Assemblea di Lega B con all'ordine del giorno l'approvazione del Bilancio d'esercizio 2016/2017, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Quindi si provvederà ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

19:10Morti in corsia a Saronno, altri 18 casi al vaglio

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO (VARESE), 11 DIC - Sono altri 18 i casi di morti "sospette" all'interno del pronto soccorso di Saronno (Varese), attualmente "sottoposti all'esame dei consulenti" come confermato dal Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio (Varese) Gianluigi Fontana, nell'ambito del terzo filone dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia a pronto soccorso di Saronno. I casi in esame riguardano pazienti trattati antecedentemente al 2013 dall'ex vice primario del pronto soccorso di Saronno Leonardo Cazzaniga, già accusato di nove decessi in corsia e in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni delle morti di suo marito, suo suocero e sua madre, le cui cartelle cliniche sono state sequestrate contestualmente all'arresto del medico il 29 novembre 2016.

Archivio Ultima ora