Naufraga barcone di migranti, si temono più di 900 morti

Pubblicato il 19 aprile 2015 da redazione

barcone
ROMA. – Uno dei tanti viaggi della speranza dalla Libia verso l’Italia, la nuova terra promessa per centinaia di migliaia di disperati che premono dall’Africa dilaniata dalle guerre e dalla povertà verso l’Europa, si è trasformata in un’ecatombe di migranti. Nel naufragio di un barcone, di circa 20 metri, sono morte centinaia di persone; le prime stime fatte dalla Guardia Costiera parlavano di 700 persone, ma la testimonianza di un sopravvissuto, portato in elicottero all’ospedale di Catania, parla di 950 persone a bordo.

Si tratterebbe della più grave sciagura del mare dal dopoguerra, peggiore anche della strage di Lampedusa (Agrigento) del 3 ottobre 2013, che fece 366 morti e 20 dispersi. I numeri devono ancora essere verificati, ma la Guardia Costiera ha confermato che il barcone che si è capovolto era in grado di portare “diverse centinaia di persone” ed era “sovraccarico di migranti”.

Scafisti senza scrupoli – l’Italia ne ha arrestati 976 negli ultimi mesi, ha sottolineato il premier Renzi – avevano portato a termine al di là del Mediterraneo l’ennesimo “affare”, raccogliendo tra i disperati il denaro preteso per la traversata del Canale di Sicilia e avevano riempito di migranti il barcone oltre ogni ragionevole limite. Molti erano stati chiusi nella stiva ed i portelloni, secondo la testimonianza di un sopravvissuto, erano stati bloccati alla partenza.

Su ciò tenterà di fare luce l’inchiesta aperta dalla Procura di Catania. Ieri, sabato, l’organizzazione che gestisce la tratta ha dato il via libera alla partenza verso l’Italia con un copione anche questo già conosciuto. Il barcone partito dall’Egitto ha caricato i migranti da un porto della Libia, vicino alla città di Zuara. Era quasi sera, infatti, quando al Centro Nazionale Soccorso della Guardia Costiera è arrivata una telefonata da un satellitare Thuraya.

“Siamo in navigazione, aiutateci”, ha detto un uomo – forse complice degli scafisti – con tono di voce neanche concitato. Una telefonata simile a tante arrivate nelle ultime due settimana da barconi e gommoni carichi di migranti. Quasi un invito affinché le navi italiane raggiungessero il barcone per consentire ai “passeggeri” – così tanti da riempire ogni spazio del barcone – di completare la traversata verso le coste italiane. Il dispositivo di soccorso si è subito messo in moto: grazie al sistema satellitare di chiamata, la Guardia Costiera ha potuto rapidamente individuare le coordinate del punto dal quale era partita la telefonata e ha organizzato i soccorsi.

Il barcone era a circa 70 miglia a nord delle coste libiche (110 miglia a sud di Lampedusa) quando è stato raggiunto dal King Jacob, un portacontainer di 147 metri di lunghezza, con bandiera del Portogallo, che aveva già compiuto negli ultimi giorni quattro soccorsi di naufraghi e che è stato dirottato, insieme a un altro mercantile, verso i migranti.

Secondo quanto ha raccontato il comandante del mercantile i migranti, visto il portacontainer, si sono spostati in massa su una stessa fiancata, quella del lato del mercantile. “Appena ci hanno visto, si sono agitati – ha raccontato il comandante del ‘King Jacob’ – e il barcone si è capovolto. La nave non ha urtato il barcone”. E’ stata l’ultima beffa: il naufragio in presenza della nave di soccorso. Dal mare sono stati tratti in salvo 28 migranti e uno di loro – un eritreo che si esprime in inglese – ha parlato di circa 700 persone finite in acqua.

Ma un sopravvissuto originario del Bangladesh, che è stato portato in elicottero all’ospedale di Catania, ha poi detto alla polizia che a bordo c’erano fino a 950 persone, fra cui 40-50 bambini e circa 200 donne. Subito dopo il naufragio è stata messa in campo un’imponente operazione di soccorso, che ha coinvolto anche navi dell’operazione Triton, dell’agenzia Frontex: unità navali della Guardia Costiera, della Marina Militare italiana e maltese, mercantili e pescherecci di Mazara del Vallo (Trapani) – 18 mezzi in tutto, coordinati da nave Gregoretti, della Guardia Costiera, che ha assunto il comando dell’intervento – hanno recuperato 24 cadaveri (che, a bordo della stessa Gregoretti, saranno trasferiti nelle prossime ore a Malta) ed hanno perlustrato un vasto tratto di mare alla ricerca di altri superstiti.

Aerei militari hanno sorvolato l’area lanciando zattere e salvagente: la temperatura dell’acqua, di 17 gradi circa, e le buone condizioni del mare lasciano ancora una flebile speranza, che, tuttavia, non basta a cancellare l’immagine di un Mediterraneo sempre più simile ad un grande cimitero di guerra.

(di Enzo Quaratino/ANSA)

Ultima ora

23:47Nuoto:Mondiali, Settebello ko con Croazia, niente semifinale

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Niente semifinale per il Settebello ai Mondiali di nuoto in corso a Budapest. Nei quarti di finale, gli azzurri sono stati sconfitti dalla Croazia 12-9 (3-2, 5-5, 8-6). Per i croati c'è adesso la Serbia, mentre l'altra semifinale sarà tra Grecia e Ungheria.

21:29Incendi: certo il dolo in roghi sud Sardegna

(ANSA) - CAGLIARI, 25 LUG - Il Corpo Forestale della Sardegna ha già avviato le indagini per risalire ai responsabili degli incendi dolosi appiccati nel sud dell'Isola, nei territori di Quartu Sant'Elena e di Muravera. Nel pomeriggio di oggi la linea spegnimento dell'apparato antincendi regionale è stata infatti messa a dura prova dai due pericolosi eventi in concomitanza. Nel primo erano sei i punti-incendio dolosamente appiccati in rapida sequenza in agro di Quartu, località San Martino e Frapponti. Il secondo incendio è divampato nelle campagne di Muravera e ha proseguito velocemente in direzione del villaggio turistico di Santa Giusta sino a lambirne il perimetro. Il Corpo Forestale ha coordinato le operazioni di spegnimento operando su entrambi gli eventi con sette squadre dello stesso Corpo, sette dell'Agenzia Forestas e 13 di associazioni di volontariato. Assegnati sui due eventi tre elicotteri regionali, uno dell'esercito e un Canadair. Le forze statali competenti in materia di soccorso pubblico e pubblica sicurezza hanno curato l'evacuazione del villaggio turistico. Il sistema antincendi sta continuando a contrastare il fuoco e a monitorare l'insorgere di ulteriori roghi nelle zone delle operazioni. (ANSA).

21:27Calcio: Ederson confessa, ‘ho tumore a testicolo’

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 25 LUG - Il centrocampista brasiliano Ederson Honorato Campos ha reso noto oggi di avere un tumore a un testicolo, scoperto al termine di un esame antidoping. Per potersi curare l'ex laziale, 31 anni, è stato così momentaneamente tolto dalla lista dei giocatori del Flamengo, dove è approdato due anni fa. "Sono triste ma anche tranquillo per il futuro che mi aspetta", ha detto il giocatore in una conferenza stampa a Rio de Janeiro.

21:11Johnny Zingaro, arrestato in appartamento in provincia Siena

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - E' stato arrestato in un appartamento di Taverne d'Arbia, in provincia di Siena, Johhny lo Zingaro. Assieme al latitante sono stati arrestati anche la compagna e alcuni fiancheggiatori. L'operazione è stata svolta da agenti dello Sco della Polizia, delle squadre mobili di Cuneo, Lucca e Siena e dagli uomini del Nucleo investigativo centrale della Polizia Penitenziaria.(ANSA).

20:59Travolta da un’onda, 15enne ungherese muore in Gallura

(ANSA) - OLBIA, 25 LUG - Una ragazza ungherese di 15 anni è morta annegata questo pomeriggio a Costa Paradiso, nel comune di Trinità d'Agultu, in Gallura. La giovane è stata travolta da un'onda mentre si trovava sopra uno scoglio, forse per ammirare lo spettacolo del mare in burrasca a causa del forte vento di maestrale. Il corpo è stato recuperato dall'elicottero dei vigili del fuoco di Sassari con a bordo una equipe medica del 118 che ha tentato di rianimare la 15enne per oltre mezz'ora. Purtroppo per l'adolescente non c'è stato nulla da fare. Sul posto è intervenuta anche una motovedetta della Capitaneria di Porto Torres.

20:53Sesso in cambio di favori, arrestato cc ispettorato lavoro

(ANSA) - LIVORNO, 25 LUG - I carabinieri del Nucleo investigativo di Livorno hanno eseguito, su ordine della Procura livornese, un'ordinanza di custodia cautelare a carico di un sottufficiale dell'Arma che ha comandato il nucleo carabinieri dell'ispettorato del lavoro livornese. Il cc è accusato di avere ottenuto prestazioni sessuali in cambio di favori. Le indagini, spiega una nota della procura, "hanno fatto emergere fatti per i quali viene ipotizzata la sistematica strumentalizzazione dei poteri connessi alla funzione di controllo dell'ispettorato del lavoro per ottenere favori di vario genere ed in particolare prestazioni personali". Il gip Antonio Del Forno ha perciò ritenuto sussistenti gravi indizi di concussione continuata, consumata e tentata e ha emesso l'ordinanza di arresto per il sottufficiale ora in servizio a Firenze: l'uomo si trova ai domiciliari, dopo il trasferimento fuori dalla Toscana. Le indagini proseguono: gli inquirenti non escludono che possano esserci altri casi non ancora venuti alla luce.

20:35Siccità: Regione Calabria chiede stato calamità naturale

(ANSA) - CATANZARO, 25 LUG - La Giunta regionale della Calabria, riunitasi sotto la presidenza di Mario Oliverio, ha chiesto al Governo il riconoscimento dello stato di calamità naturale per la siccità. La decisione dell'esecutivo é stata presa su proposta dello stesso presidente Oliverio. "La siccità - si afferma in una nota dell'ufficio stampa della Giunta - ha già fatto registrare centinaia di migliaia di euro di danni nel settore agricolo".

Archivio Ultima ora