Naufraga barcone di migranti, si temono più di 900 morti

Pubblicato il 19 aprile 2015 da redazione

barcone
ROMA. – Uno dei tanti viaggi della speranza dalla Libia verso l’Italia, la nuova terra promessa per centinaia di migliaia di disperati che premono dall’Africa dilaniata dalle guerre e dalla povertà verso l’Europa, si è trasformata in un’ecatombe di migranti. Nel naufragio di un barcone, di circa 20 metri, sono morte centinaia di persone; le prime stime fatte dalla Guardia Costiera parlavano di 700 persone, ma la testimonianza di un sopravvissuto, portato in elicottero all’ospedale di Catania, parla di 950 persone a bordo.

Si tratterebbe della più grave sciagura del mare dal dopoguerra, peggiore anche della strage di Lampedusa (Agrigento) del 3 ottobre 2013, che fece 366 morti e 20 dispersi. I numeri devono ancora essere verificati, ma la Guardia Costiera ha confermato che il barcone che si è capovolto era in grado di portare “diverse centinaia di persone” ed era “sovraccarico di migranti”.

Scafisti senza scrupoli – l’Italia ne ha arrestati 976 negli ultimi mesi, ha sottolineato il premier Renzi – avevano portato a termine al di là del Mediterraneo l’ennesimo “affare”, raccogliendo tra i disperati il denaro preteso per la traversata del Canale di Sicilia e avevano riempito di migranti il barcone oltre ogni ragionevole limite. Molti erano stati chiusi nella stiva ed i portelloni, secondo la testimonianza di un sopravvissuto, erano stati bloccati alla partenza.

Su ciò tenterà di fare luce l’inchiesta aperta dalla Procura di Catania. Ieri, sabato, l’organizzazione che gestisce la tratta ha dato il via libera alla partenza verso l’Italia con un copione anche questo già conosciuto. Il barcone partito dall’Egitto ha caricato i migranti da un porto della Libia, vicino alla città di Zuara. Era quasi sera, infatti, quando al Centro Nazionale Soccorso della Guardia Costiera è arrivata una telefonata da un satellitare Thuraya.

“Siamo in navigazione, aiutateci”, ha detto un uomo – forse complice degli scafisti – con tono di voce neanche concitato. Una telefonata simile a tante arrivate nelle ultime due settimana da barconi e gommoni carichi di migranti. Quasi un invito affinché le navi italiane raggiungessero il barcone per consentire ai “passeggeri” – così tanti da riempire ogni spazio del barcone – di completare la traversata verso le coste italiane. Il dispositivo di soccorso si è subito messo in moto: grazie al sistema satellitare di chiamata, la Guardia Costiera ha potuto rapidamente individuare le coordinate del punto dal quale era partita la telefonata e ha organizzato i soccorsi.

Il barcone era a circa 70 miglia a nord delle coste libiche (110 miglia a sud di Lampedusa) quando è stato raggiunto dal King Jacob, un portacontainer di 147 metri di lunghezza, con bandiera del Portogallo, che aveva già compiuto negli ultimi giorni quattro soccorsi di naufraghi e che è stato dirottato, insieme a un altro mercantile, verso i migranti.

Secondo quanto ha raccontato il comandante del mercantile i migranti, visto il portacontainer, si sono spostati in massa su una stessa fiancata, quella del lato del mercantile. “Appena ci hanno visto, si sono agitati – ha raccontato il comandante del ‘King Jacob’ – e il barcone si è capovolto. La nave non ha urtato il barcone”. E’ stata l’ultima beffa: il naufragio in presenza della nave di soccorso. Dal mare sono stati tratti in salvo 28 migranti e uno di loro – un eritreo che si esprime in inglese – ha parlato di circa 700 persone finite in acqua.

Ma un sopravvissuto originario del Bangladesh, che è stato portato in elicottero all’ospedale di Catania, ha poi detto alla polizia che a bordo c’erano fino a 950 persone, fra cui 40-50 bambini e circa 200 donne. Subito dopo il naufragio è stata messa in campo un’imponente operazione di soccorso, che ha coinvolto anche navi dell’operazione Triton, dell’agenzia Frontex: unità navali della Guardia Costiera, della Marina Militare italiana e maltese, mercantili e pescherecci di Mazara del Vallo (Trapani) – 18 mezzi in tutto, coordinati da nave Gregoretti, della Guardia Costiera, che ha assunto il comando dell’intervento – hanno recuperato 24 cadaveri (che, a bordo della stessa Gregoretti, saranno trasferiti nelle prossime ore a Malta) ed hanno perlustrato un vasto tratto di mare alla ricerca di altri superstiti.

Aerei militari hanno sorvolato l’area lanciando zattere e salvagente: la temperatura dell’acqua, di 17 gradi circa, e le buone condizioni del mare lasciano ancora una flebile speranza, che, tuttavia, non basta a cancellare l’immagine di un Mediterraneo sempre più simile ad un grande cimitero di guerra.

(di Enzo Quaratino/ANSA)

Ultima ora

11:13Hotel Rigopiano: Soccorso alpino, ci sono molti morti

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Ci sono tanti morti". Lo ha detto all'ANSA Antonio Crocetta, uno dei capi del Soccorso alpino abruzzese che da ieri sera si é messo in marcia con gli sci insieme agli altri per raggiungere l'Hotel Rigopiano. Dalle macerie e dalla neve é stata estratta la prima vittima, si tratta di un uomo. I soccorritori proseguono a scavare "ma - raccontano - è difficilissimo". Intanto una colonna di mezzi di soccorso dei Vigili del Fuoco con alcune ambulanze é bloccato a 9 chilometri dalla struttura. La slavina che ha travolto l'Hotel Rigopiano si è staccata dalla montagna molto probabilmente a causa delle scosse di terremoto di ieri mattina. Il personale dell'albergo e i clienti sarebbero dunque da quasi 24 ore sotto la neve e le macerie. "La valanga è immensa", confermano i soccorritori. Dentro l'albergo risultano 30 dispersi.

11:07Tennis: Australia, forfait Errani per problema muscolare

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - La tennista azzurra Sara Errani si è ritirata dagli Australian Open. La sfortunata atleta è stata infatti costretta al ritiro al secondo turno degli Australian Open dopo un'ora e sette minuti. La 29enne romagnola aveva perso 6-2 il primo set ed era 3-3 nel secondo contro Ekaterina Makarova, 28 anni, numero 34 Wta e 30 del tabellone, quando si è dovuta fermare per un problema muscolare alla gamba destra che già l'aveva condizionata nel turno precedente contro la giapponese Ozaki. La Errani aveva già dato forfait a Hobart alla vigilia di Melbourne. Nello Slam Down Under il suo miglior risultato è il quarto di finale del 2012, quando fu fermata da Petra Kvitova. "Peccato perché nel secondo set ero in lotta", ha detto la tennista, uscita in lacrime dal campo di gioco. "Non sto benissimo perché cammino a fatica. Avevo già male due giorni fa durante il primo turno contro la Ozaki, oggi ho sentito una fitta alla gamba destra sul 3-3 del secondo set e mi sono subito fermata, proprio non potevo continuare". (ANSA).

11:04Ancora chiusa per neve statale Val di Chienti

(ANSA) - FOLIGNO (PERUGIA), 19 GEN - Ancora completamente chiusa al traffico a causa della neve la statale 77 Val di Chienti, il nuovo tracciato, che collega Umbria e Marche. La precipitazione sta interessando in particolare la zona del valico di Colfiorito dove - si apprende dalla polizia stradale - continua la tormenta con gelo e vento. Chiuso al transito per i mezzi pesanti anche il vecchio tracciato della Val di Chienti. Le auto possono comunque transitare solo con catene montate. In azione ininterrottamente i mezzi spazzaneve e spargisale dell'Anas.

10:46Ritira pizzo con bimbo di 3 anni, presi figlio e moglie boss

(ANSA) - CASERTA, 19 GEN - Richieste di pizzo periodiche che arrivavano anche a 8mila euro e il figlio del boss che andava a ritirare le somme portando con sé il suo bambino di 3 anni: è quanto hanno accertato i carabinieri di Caserta che oggi hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria Maria Buttone, moglie dell'ex boss del clan Belforte di Marcianise (Caserta) Domenico Belforte, il figlio della coppia, Salvatore Belforte e la sua compagna, Alessandra Golino. La moglie del boss - che dopo essere stata scarcerata, malgrado i domiciliari, era subito rientrata in azione ricoprendo il ruolo di reggente impartendo ordini agli uomini del clan attraverso il figlio - è stata presa dai carabinieri a Rimini mentre gli altri due indagati a Marcianise, dalla Polizia di Stato. Vittime del clan numerosi imprenditori del Casertano. (ANSA).

10:35Mercatone Uno, 10 indagati da Gdf per bancarotta fraudolenta

(ANSA) - BOLOGNA, 19 GEN - Il nucleo di Polizia tributaria della Gdf di Bologna, coordinato dalla Procura della Repubblica con il Pm Michele Martorelli, sta eseguendo perquisizioni nei confronti di dieci persone, ex soci e amministratori del gruppo Mercatone Uno, indagate per bancarotta fraudolenta patrimoniale per distrazione. L'accusa è di aver 'spogliato', attraverso sofisticate manovre finanziarie e societarie, la struttura commerciale per oltre 300 milioni di euro. Contestualmente le Fiamme gialle stanno eseguendo un decreto di sequestro preventivo, disposto dal Gip Mirko Margiocco, delle quote della Cve Srl, in cui sono illecitamente confluiti i numerosi immobili, su tutto il territorio nazionale e del valore di 170 milioni, di cui il gruppo era in possesso e dove ancora si esercita l'attività commerciale. (ANSA).

10:26Notte tranquilla per terremotati dell’Umbria

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 19 GEN - E' stata una notte relativamente tranquilla quella trascorsa dagli abitanti di Norcia, Cascia e Preci dopo che nella giornata di ieri è tornata la paura del terremoto nel centro Italia. Due le scosse più significative avvertite dalla popolazione: una alle 2.53 e l'altra alle 2.28. Molti, in particolare a Cascia, la notte l'hanno comunque trascorsa negli alberghi del perugino, messi a disposizione dalla Protezione civile. In pochi, invece, hanno optato per dormire negli spazi comuni dei container collettivi allestiti dal Comune di Norcia. E ancora una volta c'è chi ha preferito resistere dentro le tensostrutture pur di non lasciare la propria terra. Sul fronte meteo è da registrare che nella notte la neve ha smesso di cadere. Le strade in Valnerina sono tornate quasi tutte percorribili grazie al lavoro dei vigili del fuoco che con le turbine sono riusciti a liberare ampi tratti. Qualche criticità permangono a Cascia e Preci dove ci ancora delle frazioni difficili da raggiungere.

10:12Terremoto: notte tra scosse, nei centri di accoglienza

(ANSA) - MONTEMONACO (ASCOLI PICENO), 19 GEN - Notte tra scosse di terremoto, avvertite dalle popolazioni anche se più leggere di quelle di ieri, e disagi per la neve nelle Marche. Molti, in particolare nei Comuni del cratere sismico, hanno scelto di dormire nel strutture riaperte dai comuni stessi. Ma il problema è che sono ancora moltissime le frazioni isolate dalla neve, anche se i mezzi spartineve e di soccorso hanno lavorato praticamente fino a tarda notte e in qualche caso tutta la notte. Varie le persone che hanno tentato di raggiungere a piedi i centri abitati e sono state soccorse: a Montemonaco il titolare di un ristorante di Cittadella è stato tratto in salvo dal comandante della Stazione Forestale Carabinieri, che è riuscito a raggiungerlo dopo 4 ore. Ancora difficile la viabilità nelle aree interne per neve e ghiaccio. La Superstrada Salaria è ancora chiusa al traffico fra Acquasanta Terme e Arquata del Tronto; interrotto anche un tratto della Ss 77 Val di Chienti, fra Muccia e Foligno.

Archivio Ultima ora