Obama delude gli armeni, ma per Merkel è genocidio

Obama ammonisce Iran, no armi ai ribelli

NEW YORK. – La Casa Bianca delude gli armeni. Mentre a Berlino la cancelliera Angela Merkel sdogana per la prima volta il termine “genocidio”, il presidente Barack Obama ha informato la diaspora armena in Usa che non userà questa parola per definire Meds Yeghern, le stragi di massa di cui Erevan commemora dopodomani il centesimo anniversario. La decisione è stata comunicata dal capo di gabinetto Denis McDonough e dal numero due della Sicurezza Nazionale Benjamin Rhodes a due gruppi di armeno-americani.

Nel 2008, in campagna elettorale, Obama aveva promesso che avrebbe riconosciuto il genocidio degli armeni. Così non è stato e le polemiche non hanno tardato ad arrivare, in parallelo con le rimostranze della Turchia per l’inversione di marcia della Germania. Gli attivisti armeno-americani avevano sperato una presa di posizione più decisa dopo quella di Papa Francesco e del Parlamento Europeo: “La negazione del genocidio è un duro colpo per chi difende i diritti umani”, ha tuonato Bryan Ardouny, direttore della Armenian Assembly of America mentre secondo Ken Hachikian, dell’Armenian National Commitee, “la resa di Obama alla Turchia e una disgrazia nazionale. Un tradimento della verità”.

Il termine scotta per precise implicazioni di diritto internazionale e ripercussioni politiche a largo spettro. Ieri ha fatto ingresso nell’aula dell’Assemblea generale dell’Onu durante un dibattito ad alto livello sulla tolleranza religiosa. L’ambasciatore di Erevan Zohrab Mnatsakanyan ha elogiato il Papa e il Parlamento di Strasburgo evocando i cento anni del massacro di 1,5 milioni di connazionali da parte dell’Impero Ottomano: “Il genocidio non è una tragedia per una sola nazione: è un promemoria che l’impunità alimenta la ripetizione di quel delitto, in altri luoghi e in altri momenti della storia”.

Di genocidio degli armeni ha parlato apertamente la cancelliera tedesca Merkel con il premier turco Ahmet Davutoglu: “Oggi la Germania considera il massacro di cento anni fa come un genocidio”, ha chiarito la Merkel, ed è una prima volta nella storia del Paese che ha fatto mea culpa per l’Olocausto e dentro i cui confini i turchi rappresentano la più vasta minoranza etnica. Sono molti anche gli armeni in America, 400 mila nella sola California, ma il loro peso, anche economico, non ha smosso la Casa Bianca.

Washington ha fatto appello per un “pieno, franco e giusto riconoscimento” delle stragi, ma la parola incriminata non è entrata a far parte del lessico diplomatico degli Stati Uniti per timore di irritare la Turchia, alleato Nato che l’America vorrebbe coinvolta a pieno nella soluzione del conflitto in Siria. Non è stata una decisione facile. C’è voluta una settimana di dibattito interno per sbarrare la porta alle richieste di Erevan e alle pressioni della diaspora negli Usa.

Intanto, mentre in Armenia cominciano le commemorazioni a cui sono attesi sia Vladimir Putin che Francois Hollande, Obama ha annunciato che invierà il segretario al Tesoro Jacob Lew in Armenia per commemorare l’anniversario: per gli armeni d’America non è abbastanza.

(di Alessandra Baldini/ANSA)