Amianto all’università Torino, tracce rilevate già nel 2013

(ANSA) – TORINO, 23 APR – Venti giorni di tempo per adeguare il documento di valutazione dei rischi, che finora non contemplava il problema dell’amianto, e sessanta giorni per scongiurare la dispersione delle fibre. Sono le prescrizioni impartite dall’Asl all’Università di Torino in merito alla situazione di Palazzo Nuovo, sede delle facoltà umanistiche torinesi chiuso da venerdì scorso. Dalle prescrizioni si ricava che già nel 2013 era emersa una questione legata alla presenza dell’amianto a Palazzo Nuovo.(ANSA).

Condividi: