Atletica: Bolt, Gay andava bandito per sempre

(ANSA) – ROMA, 24 APR – Usain Bolt attacca Tyson Gay e la normativa sul doping, a suo dire troppo clemente con chi sbaglia e poi si pente. In un’intervista con il periodico “Runner’s World”, il giamaicano sostiene che lo statunitense, risultato positivo nel 2013 agli steroidi, “doveva essere bandito per sempre” e non cavarsela “con una squalifica di un anno, solo per aver confessato alle Autorità cosa aveva fatto e chi l’aveva aiutato: così si manda un messaggio sbagliato. Non ho nessuna voglia di gareggiare con Tyson”.

Condividi: