Con Hernanes e Icardi, l’Inter sogna l’Europa. Roma ko

Pubblicato il 25 aprile 2015 da redazione

Soccer: serie A, Fc Inter-As Roma

MILANO. – L’Inter ritrova il suo profeta Hernanes e il suo bomber Icardi che le regala il gol della vittoria su una Roma sempre piu’ smarrita. Si riapre la corsa all’Europa grazie ai 45 punti in classifica, cinque in meno della Sampdoria (quinta) e a quattro dalla Fiorentina (sesta). A San Siro finisce 2-1, con il gol del momentaneo pareggio dei giallorossi firmato di Nainggolan.

La Roma resta a 58 punti insieme alla Lazio che domani contro il Chievo provera’ il sorpasso. I nerazzurri ci mettono il cuore e tanta volonta’, ci credono fino alla fine e riescono a sfatare il tabu’ di San Siro dove non riuscivano a vincere dall’8 febbraio. Il successo contro i giallorossi mancava addirittura dal 2011. Eppure, i tredici punti di differenza tra le due squadre non fotografano la partita.

I progressi dei nerazzurri sono tangibili e le scelte di Mancini – stasera meno compassato del solito – sono quelle giuste. C’e’ Gnoukouri che riceve l’applauso caloroso e meritato di San Siro, fuori ancora una volta Kovacic e Shaqiri (che entreranno nel secondo tempo), Hernanes titolare dietro le due punte Icardi e Palacio. Garcia gioca a viso aperto, vuole conservare il secondo posto e – per vincere – si affida a Totti, con Ibarbo e Gervinho. Una scelta coraggiosa ma improduttiva almeno nel primo tempo con i giallorossi che faticano a segnare.

Le squadre scendono in campo con una buona dose di aggressivita’ e intensita’: subito un tiro per parte con Brozovic e De Rossi. Poi, allo scadere del quarto d’ora, il primo acuto della partita. Lo regala Hernanes con un gol alla sua maniera: praticamente da fermo, il brasiliano scarica nell’angolino un sinistro imprendibile per De Sanctis. Capriola classica per i festeggiamenti dell’ex laziale che libera i suoi compagni dalla paura e sblocca una partita piuttosto complicata.

La Roma reagisce immediatamente con il palo di Ibarbo ma gli errori dei capitolini pesano: non si capiscono Nainggolan e Gervinho, piccolo screzio fra i due. La partita e’ tesa, a tratti dura. Orsato lascia correre ma poi mette mano ai cartellini gialli e ammonisce Palacio e Yanga-Mbiwa. Guarin rischia per un fallo su Holebas che suscita la protesta di Mancini e del dirigente Romeo, costretto a lasciare la panchina anzitempo. Ancora tensione e proteste per un presunto fallo di mani di Manolas che ostacola Icardi dopo un millimetrico lancio di Gnoukouri.

La partita e’ piena di errori e imprecisioni: nella difesa interista svetta finalmente Vidic, indecisioni eccessive invece da parte di Ranocchia, sempre bravo e generoso Palacio, Icardi sciupa ma alla fine si conferma goleador di razza. La Roma risponde con un grande Nainggolan, autorevole e grintoso in campo. Soffre invece Pjanic, che addirittura chiede la sostituzione. Male Gervinho, buona la prova di Holebas.

La squadra di Garcia cerca la vittoria e, nel secondo tempo, scende in campo con maggiore determinazione anche se Icardi getta alle ortiche una doppia occasione. Sembra una serata stregata per lui soprattutto quando al 18′ Nainggolan trova il pareggio grazie a Pjanic il quale approfitta di un errore di Ranocchia. Al 20′ ancora l’Inter potrebbe passare in vantaggio: Palacio cade sulla soglia dell’area di rigore, palla a Guarin che scarica su De Sanctis. La Roma manovra sulla trequarti, ma i suoi tentativi sono sterili, l’Inter e’ attenta e guardinga. Al 39′ Icardi butta via l’ennesima occasione, praticamente un rigore ma al 43′ finalmente arriva la rete liberatoria dell’argentino che trafigge De Sanctis.

Il finale e’ tutto nel segno nerazzurro che colleziona occasioni con Palacio e Podolski. Ultimi secondi a nervi tesi, ammonizioni bipartisan e proteste della Roma che non ci sta. L’Inter ce la fa, batte la Roma e puo’ rilanciare le sue residue ambizioni in un’annata altalenante e difficile. Mancini spera di costruire la squadra del futuro insieme a Thohir e, questa volta, il suo ottimismo e’ servito a dare fiducia e carica a un gruppo comunque in crescita.

Per la Roma momento difficile, la classifica non si muove e le concorrenti incalzano. Garcia non riesce a sbrogliare una difficile matassa e rischia grosso: in palio c’e piu’ dell’accesso alla Champions, ci sono l’orgoglio e la dignita’ di una grande squadra. Otto punti in sei partite sono davvero un magro bottino.

Ultima ora

18:03Calcio: Napoli, controllo ok su condizioni ginocchio Milik

(ANSA) - NAPOLI, 11 DIC - Il calciatore del Napoli Arek Milik si è sottoposto oggi a una visita di controllo a Roma per valutare l'evoluzione della sua convalescenza dopo l'intervento di ricostruzione del legamento crociato. L'esito della visita è definito "positivo" in una nota del Napoli. "Milik oggi a Villa Stuart: positivo l'esito della visita di controllo. La riabilitazione procede nel migliore dei modi". Milik dovrebbe tornare ad allenarsi all'inizio del prossimo anno, ma nel mercato di gennaio il Napoli dovrà decidere, d'intesa con l'attaccante polacco, se cederlo in prestito per dargli la possibilità di giocare di più e ritrovare la forma migliore.

17:53Doping: Zaytsev, squalifica Russia decisione forte

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Le sanzioni del Cio nei confronti della Russia? È stata una decisione forte, supportata dai vari rapporti di studio e indagine. È una decisione complicata da gestire a livello politico. Vedremo gli atleti russi partecipare alle Olimpiadi sotto una bandiera anonima". Così il pallavolista azzurro Ivan Zaytsev a margine della presentazione dell'accordo di partnership tra Coni, Cip e Toyota. Un'occasione per parlare anche di Nazionale. "Il Mondiale in Italia si avvicina - precisa lo schiacciatore della Sir Safety Umbria - ci stiamo preparando tutti tra quelli papabili per la Nazionale. Aspettiamo con ansia questo bellissimo evento, perché l'Italia merita di ospitarlo e, come Nazionale, meritiamo di fare bella figura. Potrebbe darci nuova fiducia dopo una bellissima Olimpiade del 2016, noi ci faremo trovare pronti".

17:44Maltempo: in Veneto chiusi i passi a rischio valanghe

(ANSA) - VENEZIA, 11 DIC - Nevica ancora in Veneto solo oltre i 1400 metri di quota, e per questo motivo la società Veneto Strade ha deciso di chiudere i Passi Pordoi, Falzarego, Valparola, Giau e Fedaia, per possibili slavine durante la notte. La situazione è seguita costantemente dai tecnici di Veneto Strade e nella giornata di domani si deciderà quando riaprirli. L'indice di rischio slavine - in una scala da 1 a 5 - è al momento stimato dal centro antivalanghe di Arabba tra il grado 3 (marcato) e 4 (forte).

17:44Maltempo: forte vento nelle Marche, rami e alberi su strade

(ANSA) - ANCONA, 11 DIC - Forti raffiche di vento nelle Marche hanno tenuto impegnati i vigili del fuoco in numerosi interventi. Ad Arcevia (Ancona), lungo la Sp 48 per Montelago, un grosso albero si è abbattuto sulla sede stradale, per fortuna senza fare danni. Per rimuoverlo si è dovuto far ricorso ad una squadra di pompieri da Ancona con mezzi adeguati. Rami, alberi e tegole pericolanti sono segnalati in tutta la provincia. A Fabriano vigili del fuoco al lavoro in via Dante per la messa in sicurezza della pensilina di un distributore di carburante, con la copertura staccata dal vento. Stesso quadro in provincia di Pesaro Urbino e nell'entroterra maceratese. Per domani la Protezione civile prevede un'intensificazione dei fenomeni, con raffiche di vento fino a 60-100 km orari.

17:41Doping: Fontana, ingiusto squalificare tutti i russi

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Non ritengo giusto il fatto di squalificare tutti gli atleti, sono sicura che in molti non hanno fatto mai uso di doping". Arianna Fontana, campionessa dello short track e portabandiera azzurra ai prossimi Giochi invernali di PyeongChang 2018, commenta così il bando degli atleti russi. "Veder sfumare il sogno olimpico deve essere una sensazione bruttissima. Potranno gareggiare senza bandiera ma è un po' diverso, è una decisione dura", ha aggiunto Fontana a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota avvenuta a Roma.

17:40Ordigno stazione Cc, possibili legami con Torino

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - Potrebbero esserci connessioni fra l'attentato dello scorso 7 dicembre a Roma, rivendicato dalla sigla Fai-Fri, e gruppi anarchici lottarmatisti orbitanti a Torino, dove è in corso il maxiprocesso Scripta Manent. La possibilità è al vaglio delle forze dell'ordine che si occupano del caso. Di recente ambienti anarchici hanno lanciato la campagna 'Dicembre nero', dedicata a Sebastian Oversluij, morto in Cile nel 2013, e a Alexandros Grigoropoulos, morto nel 2008. I comunicati invitano all'azione che "alimenti incendi e esplosioni contro il potere e i suoi difensori". La rivendicazione dell'attentato di Roma è a firma Fai-Fri 'Cellula Santiago Maldonado'. Il testo, a differenza di iniziative analoghe, non esprime solidarietà agli imputati del processo Scripta Manent, cosa che ha attirato l'attenzione degli investigatori. A Scripta Manent c'è invece riferimento nei comunicati di 'Dicembre nero', dove si legge che "in Italia i nostri compagni lanciano insulti ai giudici riaffermando le proprie convinzioni".

17:40Boldrini, fascismo e nazismo sono tragedie globali

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Il fascismo e il nazismo sono tragedie globali: non si tratta di cose di ragazzi, guai a essere indulgenti". Lo ha detto la Presidente della Camera, Laura Boldrini, aprendo i lavori del secondo Forum parlamentare Italia-America Latina e Caraibi.

Archivio Ultima ora