Comites, ricucire il rapporto con la Collettività

Pubblicato il 27 aprile 2015 da Mauro Bafile

Inconsuete, atipiche. Non c’è altro modo per definire le elezioni per il rinnovo dei Comites che abbiamo lasciato alle nostre spalle. E alle quali la nostra Collettività, almeno la stragrande maggioranza, non ha partecipato. Lo dicono i numeri, non noi.

A conti fatti, quanto accaduto in queste elezioni, era prevedibile. Se ne aveva sentore già prima della timida campagna elettorale che si è svolta nell’indifferenza della stragrande maggioranza degli italiani del Venezuela. Nulla di cui sorprenderci. I connazionali hanno disertato il voto. E ciò si può solo attribuire alla gestione deficitaria di chi, nel Comites, non ha saputo, o non ha avuto interesse a coinvolgere la Collettività, poche volte si è fatto portavoce delle sue istanze e quasi mai è stato capace di interpretarne le aspirazioni. Inutile ora snocciolare uno per uno i tanti problemi della nostra comunità verso i quali il Comites passato è in debito. E’ giusto, comunque, riconoscere che non sono mancate iniziative personali. Ma, appunto, parliamo di iniziative portate avanti da pochi singoli membri e non dall’istituzione in sé. Null’altro. Ora bisogna voltare pagina. Ma non possiamo né dobbiamo dimenticare il passato; un passato che deve aiutare a capire gli errori commessi per non ripeterli; a evitare atteggiamenti che solo contribuirebbero a gettare ombre su una gestione che deve essere improntata sulla massima trasparenza. Si chiede una radicale rottura con il decennio trascorso per alimentare la speranza nel futuro.

Il Comites deve essere il ponte tra la Collettività e i nostri rappresentanti consolari e diplomatici. Deve saper ascoltare la comunità, interpretarne le necessità per poi farsene portavoce. Un ruolo difficile ma necessario per evitare lo scollamento con le persone che è chiamato a rappresentare. I numeri parlano chiaro. E riflettono il disinteresse che si è creato attorno all’istituzione. Di un universo di circa 87 mila aventi diritto al voto ne hanno fatto richiesta meno di 15 mila. Una cifra irrisoria, ridicola. Ora si potranno dire tante cose. Già c’è chi sostiene che quanto accaduto in Venezuela riflette una tendenza mondiale; che gran parte della scarsa partecipazione è da attribuire alle limitazioni e carenze del nostro Consolato Generale, alla nuova modalità di voto o alla decisione di rimandare ulteriormente le elezioni che erano state fissate alla vigilia delle feste natalizie dello scorso anno. Sarà anche vero ma la realtà, purtroppo, è che la nostra Collettività stenta ormai a credere nei Comites. Dieci anni di delusione sono riusciti ad allontanarla dall’istituzione, a renderla apatica. Soprattutto, indifferente.

Volti noti e volti nuovi. I membri del nuovo Comites, in particolare i “new entry”, ma non solo, avranno un futuro non facile. Innanzitutto dovranno convincere la Collettività che saranno all’altezza del ruolo che sono chiamati a ricoprire, nei fatti e non solo a parole. Mille, 500 ed anche meno voti, d’altronde, non li legittimano come rappresentanti di tutti. Al contrario, gettano molte ombre. Toccherà a loro dissiparle. Dovranno far conoscere l’istituzione, riavvicinarla alla Collettivitá. Costruire ponti, far partecipi i connazionali, tutti, delle iniziative e delle decisioni del Comites ed evitare di mantenerli all’oscuro di tutto, come è più spesso accaduto in passato. Dovranno essere capaci di ascoltare, soprattutto le critiche. E saper trasformare parole che possono ferire, risultare amare ed anche ingiuste, in stimoli per dar vita a nuove iniziative. Questa è la sfida per il nuovo Comites.

Dicevamo che queste elezioni sono anomale. Ancora una volta sono i numeri a dirlo, non noi. Ad esempio, perché un connazionale che ha fatto espressa volontà di voto non ha poi esercitato questo sacrosanto diritto? Sono stati spediti 12.267 plichi elettorali ma sono tornate in Consolato solo 6.415 buste con schede votate. Perché? Eppoi, c’è il numero dei duplicati richiesti a Caracas. Appena 79, mentre in tutte le elezioni precedenti hanno sempre superato il migliaio. Insomma, l’occasione è propizia per una profonda riflessione e un’attenta analisi.

Questo processo elettorale, purtroppo, ha gettato più ombre che certezze. Pare ormai chiaro che, fermo restando che il voto all’estero è un diritto inderogabile, esercitarlo per corrispondenza non sembra essere la miglior soluzione. Forse bisognerà pensare a seggi elettorali distribuiti presso i viceconsolati e i nostri circoli. O a un sistema misto che preveda sia i seggi che il voto per corrispondenza, quest’ultimo almeno per coloro che vivono in aree remote e comunque distanti chilometri da consolati , clubs e Case d’Italia. E, si sa, abbondano in Venezuela. Ma questo è un altro capitolo.

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora