Vertice Renzi e Ban: “Dobbiamo fermare e prevenire i trafficanti criminali”

Pubblicato il 27 aprile 2015 da redazione

++ Renzi, per fermare trafficanti contiamo su sostegno Onu ++

ROMA. – L’Italia, di fronte all’avanzare dell’emergenza migranti, non è più sola. E l’immagine più evocativa di questo nuovo corso sul tema dei naufragi nel Mediterraneo è quella del premier Matteo Renzi, del Segretario Generale dell’Onu, Ban ki-moon, e dell’Alto Rappresentante per la Politica estera Ue, Federica Mogherini, insieme sulla nave San Giusto, nel mezzo del canale di Sicilia.

Un vertice a tre essenziale per la strategia diplomatica italiana, decisa a investire prima l’Ue, e quindi l’Onu, della centralità del dossier immigrazione, legato tra l’altro a doppio filo con l’instabilità in Libia. Il numero 1 del Palazzo di Vetro arrivava a Roma convinto della necessità che l’accoglienza dei rifugiati debba coinvolgere più Paesi Ue, e non solo quello d’approdo, come previsto da Dublino III.

E’ sulla strategia per fermare ‘sul nascere’ i trafficanti che, le posizioni di Ban, contrario a un’opzione militare sulle coste libiche, e quella italiana, favorevole ad un’operazione di “polizia internazionale”, si mostravano distanti. Ma al termine della giornata sulla San Giusto qualcosa sembra essere decisamente cambiato. “Come Onu siamo pronti a lavorare con voi. Dobbiamo fermare e prevenire i trafficanti criminali, va trovata una soluzione politica”, ha affermato Ban, sposando, in linea di principio, la richiesta arrivata da Renzi, che non ha esitato a sottolineare come, per fermare i trafficanti, l’Italia conti “sul sostegno” delle Nazioni Unite.

Un sostegno necessario anche perché, complice l’assenza di un governo unitario in Libia, occorrerà una risoluzione del Palazzo di Vetro per passare ai fatti. A New York, Mogherini metterà sul tavolo i primi punti del dossier a lei affidato ma già adesso, si apprende da fonti Ue, ha osservato come nessuno abbia parlato di opzione militare sulle coste libiche (tanto che l’Italia definisce la proposta un’operazione di polizia internazionale). E, nel vertice con Ban e Renzi, ha messo in evidenza un punto che potrebbe anche divenire una bozza di mediazione sulla strategia da mettere in campo convincendo definitivamente l’Onu.

Il barcone della strage del 19 aprile scorso, ha ricordato, era partita vuota dall’Egitto ed è stata caricata di migranti solo in Libia: un sequestro dell’imbarcazione avrebbe potuto evitare la tragedia. Le posizioni di Onu e Italia sembrano così avvicinarsi. E il punto da cui partire resta quello che, negli ultimi giorni, ha dato vita anche ad una europeizzazione del dramma dei migranti: “L’Italia, da sola non ce la può fare”.

Parole sottolineate da Renzi e ribadite da Ban che, racconta chi era presente al vertice, sarebbe rimasto molto colpito dalla sua visita alla nave San Giusto, protagonista delle operazioni di soccorso per l’emergenza migranti e avrebbe assicurato come “alzerà la voce” sulla responsabilità collettiva di queste vicende.

L’Italia, intanto, si prepara ad affrontare l’emergenza con un dispositivo composto da 5 navi, oltre ad elicotteri e aerei a pilotaggio remoto e da ricognizione, utilizzabile anche per compiti legati al terrorismo e che verrà dislocato nel Mediterraneo Centrale. Il tutto nell’attesa che un’azione Ue, sotto egida Onu, prenda forma. Il sostegno delle Nazioni Unite all’azione contro i trafficanti è “un segnale importante” per l’Italia, sottolineano fonti di governo al termine di una visita in cui Renzi non ha mancato di ringraziare i militari della Marina impegnati nel Canale di Sicilia.

“L’Italia ha un cuore grande, sta facendo uno sforzo incredibile” ma “il Mediterraneo è un problema europeo e mondiale”, ha affermato il presidente del Consiglio. I prossimi giorni diranno se il suo messaggio passerà anche al Consiglio di Sicurezza Onu.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

22:39Tap: Emiliano, Governo incosciente, presenteremo esposto

(ANSA) - BARI, 12 DIC - "I fatti accaduti in Austria hanno dimostrato che le preoccupazioni della Regione Puglia hanno un fondamento evidente che ci obbligherà nei prossimi giorni a sottoporre alla Procura della Repubblica competente un esposto che mira a salvaguardare l'incolumità pubblica dalla incosciente decisione del Governo di ritenere non assoggettabile alle direttive Seveso l'impianto Tap". In una nota, il presidente della Puglia, Michele Emiliano, replica al ministro dello Sviluppo Carlo Calenda, che aveva criticato le rimostranze della regione sul gasdotto Tap. Per Emiliano, "di incoscienza collettiva evidentemente si tratta se è vero che il Ministro Calenda dalle notizie della vittima e dei 21 feriti in Austria trae lo spunto solo per ribadire che il TAP è necessario proprio per sopperire alla temporanea carenza di gas distribuita nel Nord Europa ove dovessero ripetersi incidenti analoghi a quello accaduto oggi". "Si tratta con ogni evidenza - rimarca Emiliano - di un caso di strabismo politico".

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

21:52Ap: direzione vota documento separazione consensuale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il documento per la separazione consensuale di Ap, che mantiene al momento invariati i gruppi parlamentari, è stato votato all'unanimità dalla Direzione Nazionale.

21:51Migranti: domani vertice a Parigi Macron-Gentiloni-Merkel

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sarà domani, mercoledì 13 dicembre, a Parigi, per il vertice con il presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel e i capi di Stato e di governo del G5 Sahel Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger. L'incontro, presso il castello di La Celle-Saint-Cloud, avrà inizio alle ore 12. Al termine è prevista una conferenza stampa congiunta. E' quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi.

21:48Usa: Roy Moore va a votare a cavallo

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - Il candidato senatore per il partito repubblicano Roy Moore si è recato a votare in Alabama a cavallo. Lo riportano i media americani. Roy Moore è favorito nonostente le accuse di molestie sessuali nei confronti di minorenni. A sostenerlo si è schierato con decisione anche il presidente americano Donald Trump.

21:35Liberia: elezioni, il 26 dicembre ballottaggio Weah-Boakai

(ANSA) - IL CAIRO, 12 DIC - Si terrà il 26 dicembre il ballottaggio delle elezioni presidenziali in Liberia fra George Weah, ex-attaccante del Milan, e il vicepresidente uscente Joseph Boakai. La data è stata annunciata oggi pomeriggio dalla Commissione elettorale dopo che venerdì scorso la Corte Suprema aveva stabilito che nel primo turno delle elezioni svoltesi il 10 ottobre c'erano state irregolarità e brogli, ma non così gravi da giustificare una ripetizione del voto. In origine era previsto che per eleggere il successore della presidente Ellen Johnson Sirleaf, nel primo passaggio dei poteri senza traumi da oltre 70 anni, il ballottaggio si tenesse il 7 novembre. Vi era stato però un ricorso del terzo classificato, Charles Brumskine, poi respinto dalla Corte suprema. Sirleaf, premio Nobel per la pace e prima donna capo di stato in Africa, è stata presidente dal 2006, dopo la cacciata (avvenuta nel 2003) del potente 'signore della guerra' Charles Taylor.

Archivio Ultima ora