Twiplomacy, politica dei twitter. Obama e Francesco leader

Pubblicato il 28 aprile 2015 da redazione

Most-Followed-World-Leaders-1024x521

ROMA. – Negli ultimi quattro anni Twitter è diventato lo strumento preferito dai leader di tutto il mondo per comunicare: è una vera e propria Twiplomacy, una politica fatta (anche, si spera) a colpi di hashtag e frasi di 140 caratteri. Nel marzo 2015 dagli account di 669 capi di Stato e di Governo, Ministri degli Esteri e le loro istituzioni in 166 Paesi del mondo utilizzando più di 50 variabili attraverso Twitonomy, l’agenzia di pubbliche relazioni Burson-Marsteller ha tratto uno studio annuale con alcune conferme e novità e dati curiosi.

Al 24 marzo 2015, i cinque leader più seguiti su Twitter sono: 1) Presidente degli Stati Uniti (@BarackObama) con 57 milioni di follower sull’account della sua campagna elettorale 2) Papa Francesco (@Pontifex) con 20 milioni di follower sui suoi 9 account in altrettante lingue 3) Primo Ministro indiano (@NarendraModi) 4) Presidente turco Recep Tayyip Erdoan (@RT_Erdogan) 5) La Casa Bianca @WhiteHouse

Papa Francesco è il leader più influente su Twitter e il suo account in latino ha più follower di quello in lingua tedesca e araba; ogni giorno, l’account del Santo Padre riceve quasi 10.000 retweet per ogni tweet inviato dal suo account in lingua spagnola, contro i 1.210 retweet che riceve Barack Obama per ogni tweet. Il Primo Ministro del Regno Unito, @Number10gov è il leader europeo più seguito con più di tre milioni di follower, seguito dal nostro Matteo Renzi il cui account vanta 1.7 milioni di follower.

E’ curioso notare che tuttavia, i leader mondiali più seguiti seguono a loro volta pochi altri colleghi ed intrattengono ben poche conversazioni tra loro. @BarackObama e @WhiteHouse seguono solo quattro altri leader mondiali, vale a dire il Primo Ministro norvegese Erna Solberg, il russo Dmitry Medvedev, il governo britannico e il ministro degli Esteri estone Keit Pentus. Al 24 marzo 2015, tutti i leader mondiali sommati hanno inviato 2.653.876 tweet, postando in media quattro messaggi al giorno.

La presidenza messicana (@PresidenciaMX) è la più prolifica, postando in media 68 tweet al giorno. L’account dell’Eliseo (@Elysee palace) condivide regolarmente video di sei secondi su Vine per diffondere, in maniera sintetica, notizie sulle visite di stato. Alcuni Governi, tra cui Francia e Russia, sono stati i primi ad utilizzare Periscope, la nuova piattaforma livestreaming di Twitter.

Dallo studio emerge che solo 27 Paesi, per lo più del continente africano e dell’area Asia-Pacifica, non utilizzano il social network. Altre evidenze significative: tutti i Governi del G20, eccetto uno, hanno profili ufficiali su Twitter e sei dei leader del G7 hanno un account personale su Twitter. Tuttavia, pochi leader mondiali utilizzano Twitter in prima persona.

Eccezioni importanti includono il Presidente estone Toomas Henrik Ilves (@IlvesToomas), il Presidente del Consiglio Europeo @DonaldTusk, il Ministro degli Esteri lettone @EdgarsRinkevics e il Primo Ministro norvegese @Erna_Solberg che ha ammesso di soffrire di dislessia e di fare errori ortografici. Barack Obama è stato il primo leader a registrarsi su Twitter il 5 marzo 2007 (al tempo come Senatore) come utente numero 813.286.

Ultima ora

13:54Germania: Seehofer rieletto a guida Csu con 83,7% voti

(ANSA) - BERLINO, 16 DIC - Horst Seehofer è stato rieletto alla presidenza della Csu bavarese con l'83,7% dei voti. Il risultato di questa elezione, al congresso in corso a Norimberga, è una dimostrazione di tenuta per il leader, dopo la forte perdita subita alle urne del 24 settembre. Due anni fa Seehofer aveva ottenuto l'87,2%.

13:46Calcio: legale Palermo, oggi prima volta che parliamo a pm

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - "Oggi, per la prima volta, abbiamo potuto interloquire con la Procura presentando le nostre ragioni. Siamo molto ottimisti, aspettiamo fiduciosi la decisione del Tribunale". Lo ha detto l'avvocato del Palermo, Francesco Pantaleone, al termine dell'udienza sull'istanza di fallimento della società presentata dalla Procura. "Abbiamo ripercorso quanto scritto nelle memorie - ha spiegato - il fatto di avere avuto un confronto con la Procura è molto importante". Il presidente del Palermo, Giovanni Giammarva, si dice fiducioso: "Speriamo di avere belle notizie a breve. Abbiamo illustrato le nostre ragioni al Tribunale, siamo sicuri dei nostri bilanci. Sono sereno e l'evolversi della situazione ci rende ancora più ottimisti. L'analisi dei documenti ci rende davvero tranquilli".

13:43Nuoto: Europei,Rivolta e Codia tentano il bis in 50 farfalla

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Nelle gare della mattinata ai campionati europei di nuoto in vasca corta, in corso a Copenhagen, hanno confermato il loro grande stato di forma Matteo Rivolta e Piero Codia, qualificandosi agevolmente per le semifinali dei 50 farfalla. Con un occhio alla finale per una possibile doppietta bis, dopo quella dei 100 farfalla dei giorni scorsi. Nei 200 misti Ilaria Cusinato ha vinto la sua batteria in 2'09"91 e guadagnato un posto in finale. In finale anche la 4X50 sl mista (in vasca per l'Italia Zazzeri, Vergani, Pellegrini, Ferraioli): il quartetto azzurro ha fatto il quinto tempo in 1'31"50 ed è passato. Altri responsi delle batterie di oggi: in semifinale Silvia Scalia e Elena di Liddo nei 50 dorso. La stessa Di Liddo e Ilaria Bianchi sono in semifinale anche nella gara dei 100 farfalla.

13:41Igor: ora è caccia alla ‘rete’, decina nomi nel mirino

(ANSA) - BOLOGNA, 16 DIC - Sono una decina i nomi nel mirino degli inquirenti italiani che indagano sull'ipotetica rete di appoggi di 'Igor', il criminale serbo Norbert Feher arrestato in Spagna, dopo una sparatoria con tre morti nella provincia Teruel, in Aragona. La Guardia Civil si è imbattuta in lui casualmente mentre indagava su alcune rapine nella zona. La Procura di Bologna ha chiesto il verbale dell'udienza che si terrà domani in Spagna, dove Norbert Feher comparirà in seguito all'arresto per il triplice omicidio commesso nella zona di Teruel, dove il 14 dicembre sono morti due uomini della Guardia Civil e un allevatore. Il procuratore Giuseppe Amato e il pm Marco Forte si sono attivati attraverso Eurojust e stanno valutando le mosse da compiere nei confronti di 'Igor': anche in base a come si comporterà davanti al giudice spagnolo, decideranno quando sentire l'indagato. L'obiettivo è capire come e quando Feher è riuscito a lasciare l'Emilia per raggiungere la sperduta zona dell'Aragona. (ANSA).

13:36Nuoto: Europei, Dotto show, in semifinale con miglior tempo

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Un grandissimo Luca Dotto ha vinto la sua batteria e fatto il miglior tempo (46"81) nei 100 sl ai campionati europei in vasca corta in corso a Copenhagen. Il campione azzurro si è qualificato per la semifinale della gara regina, e con lui è passato anche Lorenzo Zazzeri (47"). Fuori dalle semifinali invece Marco Orsi, campione in carica, che pure ha vinto la sua batteria e ha fatto il sesto tempo in 47"13. Orsi è stato eliminato per le quote nazionali, e così pure Alessandro Miressi, che aveva segnato il decimo tempo in 47"35. Orsi si è rifatto comunque nei 100 misti, vincendo la sua batteria in 52"13 a un solo centesimo dal record italiano. Dietro di lui Simone Geni, in 52"74. Entrambi vanno in semifinale. In questa gara ha dato forfait all'ultimo momento il primatista del mondo Morozov.

12:58Calcio: Palermo, istanza fallimento, giudice si riserva

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - Il giudice del tribunale di Palermo, Giuseppe Sidoti, si è riservato di decidere sull'istanza di fallimento del Palermo calcio presentata dalla Procura, secondo la quale la società sarebbe insolvente. I pm avevano presentato anche una memoria nei giorni scorsi per rispondere ai rilievi della difesa del Palermo.

12:50Mafia: arrestato boss della ‘società’ foggiana

(ANSA) - FOGGI, 16 DIC - La polizia ha arrestato a Foggia il boss della 'società' foggiana, Federico Trisciuoglio di 64 anni e il figlio Giuseppe, di 40, per provvedimenti di carcerazione emessi dalla Procura Generale di Bari. Sconteranno condanne per estorsione aggravata dal metodo mafioso: il padre è a sette anni di reclusione, il figlio a quasi cinque anni. Federico Trisciuoglio ha già subito condanne per associazione mafiosa nell'ambito dei processi storici alla criminalità organizzata foggiana. La condanna per cui è stato ora riportato in carcere si riferisce alla operazione 'piazza pulita' del 2010 su estorsioni a funzionari dell'azienda municipalizzata Amica (raccolta e smaltimento dei rifiuti), che all'epoca era di proprietà del Comune. Gli Trisciuoglio imponevano le assunzioni anche grazie all'intermediazione di politici locali. Gli assunti venivano pagati anche se non lavoravano e quando funzionari dell'Amica tentarono di contestare queste mancanze, furono minacciati di morte da parte di Federico Trisciuoglio.

Archivio Ultima ora