Da Bersani a Letta il fronte del “no”. C’è lo strappo

Pubblicato il 29 aprile 2015 da redazione

Italicum: Camera, no pregiudiziali costituzionalità ++

ROMA. – Nessuna marcia indietro, questa volta non c’è “ditta” che tenga. All’ennesimo “schiaffo” del premier, alla decisione di mettere la fiducia sulla legge elettorale, i “big” della minoranza Pd rispondono con uno strappo. L’ex segretario Pier Luigi Bersani, il capogruppo dimissionario Roberto Speranza, gli sfidanti di Renzi al congresso Gianni Cuperlo e Pippo Civati, l’ex premier Enrico Letta e poi Rosy Bindi, Stefano Fassina, Alfredo D’Attorre. Non parteciperanno al voto di fiducia. Non per mandare a casa il governo o mettersi fuori dal Pd, sottolineano. Ma per segnalare la contrarietà a una vera e propria “violenza al Parlamento”. Alcuni deputati della sinistra dem li seguiranno, molti altri probabilmente no. Alla fine potrebbero essere non più di una trentina. Ma i nomi dei dissidenti sono “pesanti” e tra i renziani c’è chi vede in questo strappo un primo avviso di scissione.

In mattinata la minoranza dem lancia un segnale al segretario e premier: compatti in Aula (solo Civati rivelerà di aver votato contro il governo) votano a scrutinio segreto le pregiudiziali presentate dall’opposizione per affossare la legge. Non si mira, è il messaggio, a bloccare la legge o il governo, ma a votare poche, mirate, modifiche su liste bloccate e apparentamento, per correggere gli squilibri del testo. In “cambio” a Renzi si chiede di non mettere la fiducia, di consentire al Parlamento di decidere. Fino all’ultimo alcuni ci sperano.

Ma subito dopo il voto delle pregiudiziali arriva quello che i “big” della sinistra dem vivono come uno schiaffo: il Cdm decide la fiducia. Alcuni dei “peones” della minoranza, riferisce più un deputato, a quel punto tirano un sospiro di sollievo: la fiducia li libera dal peso della scelta tra la linea di partito e la linea di principio. Nel ‘corpaccione’ di Area riformista, la componente più consistente della minoranza, molti (sarebbero circa 45 su 80) sono convinti che la fiducia non si possa non votare. Lo dichiarano anche esponenti di primo piano come Davide Zoggia e Nico Stumpo.

Ma a metà pomeriggio Roberto Speranza, che di Area riformista è il capofila, decide per lo strappo: “La fiducia è un errore gravissimo – dichiara – Questa volta non la voto. Non posso legittimare questa violenza al Parlamento”. Parole durissime dettate dalla “scelta personale” di “difendere le mie convinzioni più profonde”, spiega Speranza. Che così rende nei fatti irrevocabili le sue dimissioni da capogruppo. Fino all’ultimo, tra i banchi di un’Aula ormai vuota, alcuni colleghi più dialoganti gli chiedono di non farlo.

Ma il dado è tratto. Uno dopo l’altro gli altri dirigenti della minoranza, in stretto contatto per tutta la giornata, dichiarano il loro dissenso. “E’ in gioco la democrazia e ognuno deve assumersi le sue responsabilità. Questa fiducia non la voterò”, dichiara Bersani, che in mattinata con Cuperlo non aveva partecipato al voto palese sulla richiesta di sospensiva della legge. “Dopo lo strappo voluto dal governo, non voterò: le regole non si impongono”, annuncia Letta, che non aveva votato la pregiudiziale di merito.

A loro si uniscono Bindi, Civati, Fassina, D’Attorre, Leva. Quali truppe avranno i ‘big’, si potrà intuire forse da una riunione di Area riformista convocata in serata alla Camera, che potrebbe sancire la spaccatura nella minoranza dem. Alla fine, calcola qualcuno, i dissidenti potrebbero essere tra i 30 e i 50. Perché molti deputati della minoranza voteranno sì alla fiducia e forse anche al testo finale. “Speranza – si sfoga uno di loro – ha commesso un suicidio politico, lasciando senza guida Area riformista e mettendoci in una posizione drammatica”.

La legge elettorale, concordano in molti, è uno spartiacque per la minoranza dem, che potrebbe dividersi definitivamente se Renzi deciderà (ma l’orientamento sarebbe indicare Ettore Rosato) di proporre a un moderato di Area riformista (si citano Amendola e Damiano) la guida del gruppo. Ma i renziani, che registrano le critiche esplicite negli ultimi giorni anche di Romano Prodi, vedono l’ombra della scissione, negata da tutti: “Se ne vogliono andare, fare un nuovo partito di sinistra. Speranza si ritaglia ambizioni da leader”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

20:45Nuoto: Europei, Quadarella bronzo negli 800 stile libero

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - L'azzurra Simona Quadarella ha vinto la medaglia di bronzo negli 800 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen, con il tempo di 8'16"53, suo primato personale. L'oro è andato alla tedesca Sarah Koehler (8'10"65), il bronzo all'ungherese Boglarka Kapas (8'11"13). "Non pensavo di riuscire a prendere la medaglia quindi sono molto contenta del podio" ha commentato l'atleta romana, che lunedì compirà 19 anni.

20:33Calcio: Donnarumma “Io sono un tifoso del Milan”

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Poche parole ma tante foto e autografi. Se Gattuso dopo la contestazione di ieri sera aveva chiesto ai tifosi di proteggere Gianluigi Donnarumma, i ragazzi del vivaio del Milan, durante la festa di Natale, hanno seguito alla lettera le richieste del mister, coccolando il portiere con tanti applausi e un vero bagno di folla. Donnarumma si è dimostrato molto disponibile, ha salutato tutti i ragazzi sempre con il sorriso e dal palco ha ribadito un concetto: ''Sono un tifoso del Milan''. Ha fatto a tutti gli auguri di ''buon Natale'', ha ammesso di ''sognare un gol come quello fatto da Brignoli'', sottolineando quanto un gol del portiere arrivi solo in situazione di svantaggio, e ha ricordato che il suo idolo sia sempre stato Abbiati.

20:31Nuoto: Europei, Rivolta-Codia, doppietta 100 farfalla

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - Matteo Rivolta ha vinto la medaglia d'oro nei 100 farfalla all'Europeo di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen con il tempo di 49"93. La doppietta azzurra è stata completata dall'argento di Piero Codia (49"96). Terzo posto e medaglia di bronzo per il tedesco Marius Kusch (50"01).

20:29Consip: difetto iter, nulla sospensione di Scafarto e Sessa

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Per un difetto di procedura, il mancato interrogatorio degli indagati prima dell'emissione del provvedimento della loro sospensione dalle funzioni, il gip di Roma Gaspare Sturzo ha annullato l'interdizione disposta nei confronti del maggiore dei carabinieri Gian Paolo Scafarto e del colonnello Alessandro Sessa, entrambi coinvolti nell'inchiesta della procura sul caso Consip. La misura dell'interdizione sarà quindi ripristinata la settimana prossima subito dopo l'interrogatorio dei due ufficiali dell'Arma.

20:26Ex calciatore scomparso: trovato ucciso dopo un mese

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - E' stato trovato ucciso Andrea La Rosa, l'ex calciatore di serie C, poi direttore sportivo del Brugherio calcio, scomparso il 14 novembre scorso. I carabinieri avevano aperto un'inchiesta che ipotizzava l'omicidio dopo la denuncia di scomparsa da parte della famiglia.

Archivio Ultima ora