La Consulta boccia il blocco Fornero sulle pensioni

Pubblicato il 30 aprile 2015 da redazione

esodati

ROMA. – E’ una vera e propria bomba quella sganciata dalla Corte Costituzionale con una sentenza che ‘boccia’ il blocco delle perequazioni pensionistiche scattato con la norma Fornero. Una bomba che rischia di creare un ‘buco’ da 5 miliardi nei conti pubblici. Nel 2011 all’interno del decreto Salva Italia, il governo Monti inserì una misura che riguardava le pensioni di importo mensile superiore a tre volte il trattamento minimo Inps: per il biennio 2012-2013 era sospeso il meccanismo che adegua l’assegno pensionistico al costo della vita.

Nell’annunciare il provvedimento, l’allora ministro del Welfare, Elsa Fornero, pianse in diretta tv durante la conferenza stampa. “Abbiamo dovuto, e ci è costato anche psicologicamente, chiedere un sacr…”, disse senza riuscire a terminare la parola “sacrificio”. Quel sacrificio che ora dovrà essere restituito ai pensionati per una scelta “che non fu mia – specifica oggi Fornero – ma di tutto il governo” per fare risparmi in tempi brevi.

Secondo gli ultimi dati Istat, il blocco delle indicizzazioni ha toccato circa 6 milioni di persone con pensione superiore ai 1.500 euro mensili lordi. La quota maggiore è costituita da pensionati che percepiscono tra i 1.500 e i 1.999 euro (17,4%) e tra 2.000 e 3000 euro (13,7%): cifre quindi non altissime.

Ora l’Inps dovrà ricalcolare gli assegni liquidati. “Stiamo verificando l’impatto che la sentenza può avere sui conti pubblici – fanno sapere in serata fonti di Palazzo Chigi – non sarà una prova facile, ma non siamo molto preoccupati: troveremo una soluzione”. Nel pomeriggio già il Tesoro aveva assicurato che “sul tema l’attenzione è alta”. Poi il vice ministro dell’Economia, Enrico Morando, aveva ammesso che l’impatto della decisione “sarà rilevante”.

“Se si dichiara illegittima la mancata corresponsione dell’adeguamento, quei pensionati ora hanno diritto ad averlo: l’adeguamento va corrisposto”, aveva spiegato. Senza nascondere una certa sorpresa per il fatto che non ci sia stato “un bilanciamento con l’art. 81 della Costituzione” sul pareggio di bilancio e i diversi interessi in gioco “come avvenne con la Robin Tax”, la tassa sulle aziende petrolifere, su cui la Corte, 2 mesi fa, pronunciò una sentenza non retroattiva. Qui, invece, “l’onere si scarica sui conti pubblici”.

Un calcolo non è ancora stato fatto. Ma dalle cifre che l’Avvocatura dello Stato fece in udienza di fronte alla Consulta, in ballo ci sono circa 1,8 miliardi per il 2012 e circa 3 per il 2013. A spanne 5 miliardi. Anche se una stima Spi-Cgil parla addirittura di 10. Comunque sia, sarà necessario “riclassificare deficit 2012-2013”, avverte Francesco Boccia, presidente della commissione Bilancio della Camera, Pd.

Ma perché la Corte, sulla scorta delle istanze del Tribunale di Palermo e della Corte dei Conti, ha respinto al mittente la norma? Perché l’interesse dei pensionati, specie se “titolari di trattamenti previdenziali modesti, è teso alla conservazione del potere di acquisto delle somme percepite” e il diritto a una pensione adeguata è un “diritto costituzionalmente fondato” che non va “irragionevolmente sacrificato nel nome di esigenze finanziarie non illustrate in dettaglio”.

A redigere la sentenza, la giudice Silvana Sciarra, giuslavorista. Una pronuncia importante, osserva il costituzionalista Massimo Siclari, perché la Corte ha ribadito che “le esigenze economiche non sono necessariamente e automaticamente preponderanti su diritti fondamentali quali proporzionalità, ragionevolezza e solidarietà”.

La sentenza ha provocato inevitabili reazioni politiche e sindacali. La più agguerrita, la Lega, che fa delle pensioni un cavallo di battaglia: “E’ un bello sberlone alla Fornero, al Pd e a chi votò quella legge infame – va giù duro Salvini -. Ma ora aspetto da Renzi una risposta: per superare quella legge infame, sono pronto, se serve, a votare una proposta Lega-Pd”.

La presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni fa notare che “per un volta non sorridono solo i pensionati d’oro”. Questa è “la pietra tombale sul tesoretto di Renzi”, dicono i 5 Stelle. “Il Pd, che votò la norma, ora la cambi”, è l’appello del leader di Sel Nicki Vendola, in sintonia con quanto chiede la Cgil. La Cisl auspica che la decisione della Consulta sia “un monito per il governo”. E la Uil chiede di “restituire il maltolto”.

(di Eva Bosco/ANSA)

 

Ultima ora

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

Archivio Ultima ora