La disoccupazione torna a salire, resta allarme giovani

Pubblicato il 30 aprile 2015 da redazione

disoccupazione

ROMA. – L’ottimismo sulla ripresa e sugli effetti positivi del Jobs act e degli sgravi fiscali per le nuove assunzioni si arenano davanti ai dati Istat sul mercato del lavoro. A marzo, dicono le nude e crude statistiche dell’Istituto, il tasso di disoccupazione è cresciuto ancora dopo la risalita registrata a febbraio, tornando sulla soglia del 13% ed archiviando definitivamente i cali registrati a dicembre e a gennaio.

Allo stesso tempo il numero di occupati è diminuito per il secondo mese consecutivo, perdendo 59 mila unità rispetto a febbraio e tornando, in questo caso, sul livello dello scorso aprile. Il lavoro sta insomma perdendo l’appuntamento con la ripresa economica o, nel migliore dei casi, non l’ha probabilmente ancora agganciata.

Lo stesso Istituto di statistica continua infatti a confermare le previsioni di un miglioramento dell’economia nella prima metà del 2015. Ma se consumi, industria manifatturiera e soprattutto export, grazie all’effetto cambio, stanno dando segnali innegabilmente positivi, “tali andamenti – scrivono i tecnici di Via Cesare Balbo – non trovano ancora riscontro nelle dinamiche del mercato del lavoro”.

Di miglioramenti “significativi” in tutto il primo trimestre dell’anno (da quando cioè sono scattati sia gli sgravi Irap che, in seconda battuta, il contratto a tutele crescenti), non se ne sono visti. Il dato più eclatante è quello dei giovani: nella fascia 15-24 anni la disoccupazione è risalita oltre il 43%, al 43,1% con un aumento di 0,3 punti percentuali rispetto al 42,8% di febbraio.

I numeri sembrano così smentire i dati forniti solo qualche giorno fa dal ministero del Lavoro che parlavano di 92 mila contratti in più rispetto a marzo dello scorso anno. Nel confronto bisogna però considerare che quelli che arrivano dal ministero sono numeri basati sulle comunicazioni amministrative delle imprese pronte ad attivare un contratto a livello subordinato. L’Istat procede invece con rilevazioni a campione su tutto lo stock di occupati e disoccupati, considerando anche gli autonomi e i precari.

Il punto di incontro tra le due letture potrebbe quindi stare nell’aumento dei lavoratori contrattualizzati, che però non determinano un aumento assoluto nel numero degli occupati. Sul punto insiste anche il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, sottolineando “con soddisfazione l’aumento dei contratti a tempo indeterminato, frutto della nuova regolamentazione e dell’utilizzo selettivo degli incentivi fiscali”.

Di fronte agli attacchi delle opposizioni, da Matteo Salvini a Renato Brunetta, tocca a Giuliano Poletti difendere il governo: il ministro del Lavoro invita a leggere i dati “in un quadro complessivo dove segnali positivi si incrociano con elementi di criticità tipici di una situazione economica ancora non stabilizzata”.

Gli effetti del Jobs act, chiarisce Gian Luca Galletti, arriveranno insomma nei prossimi mesi. A far vedere in modo più evidente i suoi effetti è invece già da ora il Qe della Bce. Ad aprile l’Italia, come anche l’Europa, è infatti uscita dalla deflazione, anche se l’inflazione rimane per il momento ancora pari a zero.

Non a caso è proprio la Bce a certificare nel bollettino mensile che, “dopo i bassi livelli di metà gennaio, le aspettative d’inflazione di lungo termine nell’Eurozona si sono riprese”. Lo spettro che si era aggirato per l’Europa sembra quindi progressivamente svanire ed ora sarà anche la ripresa a rafforzarsi.

Merito, anche questo, dell’acquisto massiccio di titoli di Stato che dovrebbe sostenere consumi e investimenti, assieme al petrolio debole e alla svalutazione dell’euro. Tutti fattori che rappresentano quella che Padoan definisce una “finestra di opportunità” da non perdere e non sottovalutare. “Non durerà in eterno, anzi – puntualizza il ministro – qualcuno può dire che già ci sono segni che si sta chiudendo. L’Italia non può permettersi il lusso di non sfruttarla”.

Ultima ora

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

Archivio Ultima ora