Florenzi e Doumbia esaltano la Roma. Il Genoa non c’è

Pubblicato il 03 maggio 2015 da redazione

Soccer: Serie A; Roma-Genoa
ROMA. – Totti ancora in panchina, Doumbia ancora il gol. Seconda vittoria consecutiva per la Roma che insegue il secondo posto e quindi la qualificazione diretta alla Champions. Dopo aver espugnato il Mapei Stadium di Reggio Emilia, casa del Sassuolo, la squadra di Rudi Garcia al primo caldo estivo batte all’Olimpico il Genoa al termine di una prestazione non esaltante ma che comunque basta per superare un avversario modesto, e che risente più del previsto dell’assenza del suo talento Perotti.

A penalizzare il team di Gasperini è anche un attacco assolutamente evanescente, in cui Niang sembra tornato l’oggetto misterioso dei tempi in cui era al Milan. La Roma invece si esalta con Florenzi, acclamato a fine partita (“noi vogliamo undici Florenzi”, canta la curva Sud) e autore di un gol spettacolare all’ultimo minuto di recupero.

L’esterno romanista strappa il pallone a Tino Costa, si fa 60 metri di corsa con il pallone al piede e poi batte Perin con un bel destro che si infila sotto la traversa. Un premio meritato per colui che già prima di questa prodezza era stato il migliore in campo, nonostante giocasse in un ruolo non suo, quello che nei piani tecnici e dirigenziali d’inizio stagione avrebbe dovuto essere di Maicon, che tra delusione post-Mondiale e problemi fisici sembra ormai essere sparito dall’orizzonte di Trigoria.

All’inizio la Roma, che con quella di oggi ha vinto le ultime 6 partite giocate all’ora di pranzo, scende in campo con la stessa formazione che aveva battuto il Sassuolo, e quindi con Totti in panchina e Doumbia al centro dell’attacco. L’ex Cska forma il tridente con l’acquisto invernale Ibarbo, che a volte ‘litiga’ con la palla, e Gervinho che anche questa volta è stato la brutta copia del ‘crac’ dello scorso campionato. A centrocampo Nainggolan corre da una parte all’altra mentre De Rossi, dopo un inizio incerto, trova i tempi giusti e cuce e rilancia la manovra.

Dopo una fase di studio la partita si accende al 25′ con una bella parata di Perin su conclusione di Nainggolan, mentre al 28′ è Florenzi a tirar fuori dal cilindro una conclusione insidiosa. Al 35′ la Roma sblocca il risultato con Doumbia, che capitalizza al meglio il suo unico tiro nello specchio della porta approfittando di un errore di Roncaglia.

Poi evita due avversari e segna con un destro che gli regala la sua seconda rete in campionato dopo quella segnata di testa al Sassuolo. C’è ancora il tempo per vedere un altro tiro di Nainggolan neutralizzato con bravura da Perin e poi si va al riposo dopo un primo tempo che, Doumbia a parte, non ha certo divertito i 37mila dell’Olimpico.

Nella ripresa Gasperini cambia il Genoa inserendo un giocatore offensivo come Iago Falque al posto del terzino sinistro Tambè, con il passaggio alla difesa a tre. E proprio Falque si rende subito pericoloso, costringendo De Sanctis a una parata decisiva su conclusione ravvicinata.

La Roma reagisce prima con una bella ‘sgroppata’ di Florenzi sulla destra conclusa con un cross su cui Iturbe ‘svirgola’ e poi recriminando su un azione in cui Torosidis viene ammonito per simulazione dopo essere caduto in area: per il greco c’era un fallo ai suoi danni da parte di Roncaglia, ma sono proteste inutili.

C’è ancora il tempo di vedere un vero e proprio ‘time out’ concesso dall’arbitro al 78′, per permettere ai giocatori di rinfrescarsi, e poi si assiste all’inutile forcing finale del Genoa (ancora Falque pericoloso con un tiro ‘sporcato’ da De Rossi).

Si chiude con la pennellata d’autore di Florenzi, uno che anche oggi ha dato l’anima per la Roma: quel che serve per sperare ancora nell’Europa che conta.

(di Alessandro Castellani/ANSA)

Ultima ora

22:39Cc morto in incidente, condanna camionista parcheggiato male

(ANSA) - PIACENZA, 21 NOV - E' stato condannato in Tribunale a due anni e sei mesi di reclusione il camionista moldavo coinvolto nell'incidente stradale che nel settembre 2014 costò la vita a un appuntato dei carabinieri di Piacenza, Luca Di Pietra, alla guida di una gazzella che si schiantò contro un Tir posteggiato lungo una curva a Castel San Giovanni. Nell'incidente rimase gravemente ferito il collega che era sulla gazzella con lui, l'appuntato scelto Massimo Banci. Il giudice ha accolto la richiesta di condanna avanzata dal pubblico ministero, disponendo anche una provvisionale di 225mila euro da suddividere tra la vedova e i figli del carabiniere morto, i suoi parenti e il collega sopravvissuto. Il legale dell'imputato, Marco Malvicini del Foro di Piacenza, aveva chiesto l'assoluzione dell'autista sostenendo che la posizione del mezzo pesante fosse stata ininfluente, e che l'auto dei carabinieri sarebbe comunque finita fuori strada a causa della velocità sostenuta. E ha annunciato ricorso in Corte d'appello. (ANSA).

22:27SI: Fratoianni, a Fassino diremo che tempo è scaduto

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "I capigruppo di Sinistra Italiana incontreranno Fassino, già domani, per una questione persino di cortesia ma gli diremo che il tempo ormai è scaduto perché il PD ha governato con diverse destre e ha attuato politiche che danno un'idea di Paese diversa dalla nostra e che rendono la parola coalizione impronunciabile" così il segretario di SI Nicola Fratoianni, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7.

22:25Champions: Allegri “con Barca chance, vogliamo qualificarci”

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - "Domani abbiamo la possibilità di qualificarci: possiamo conquistare il primo obiettivo della stagione". Così Allegri che guarda a domani senza però dimenticare la lezione di Genova: "Abbiamo giocato una buon partita, ci è mancato solo il risultato e i nostri gol sono arrivati troppo tardi". Allegri vorrebbe chiudere il conto qualificazione senza rischiare il 5 dicembre nel caldo stadio di Atene, pochi giorni dopo la trasferta di Napoli: "Ma non è un problema - dice - il calendario è questo. Speriamo che Atene non conti, ma ho una rosa importante per potere ruotare i giocatori al meglio. Questo è il campionato, altrimenti alleni una squadra che gioca ogni 15 giorni: ma a me non piace, mi annoio".

22:17Omicidio Palmina: ex imputato, ho la coscienza a posto

(ANSA) - BARI, 21 NOV - "Ho la coscienza a posto, non avevo nessun motivo di commettere una cosa del genere. Mi sono sempre chiesto perché Palmina fece il mio nome. Dopo tanti anni mi auguro che si arrivi a una conclusione una volta per tutte". Lo ha detto Enrico Bernardi lasciando la caserma dei Carabinieri di via Tanzi, a Bari, dove da questa mattina sono iniziate le audizioni disposte dalla Procura di Bari nell'ambito della nuova indagine sulla morte di Palmina Martinelli, la 14enne di Fasano (Brindisi) trovata avvolta dalle fiamme in casa l'11 novembre 1981 e morta nel Policlinico di Bari dopo 20 giorni di agonia. Bernardi è tra le prime cinque persone convocate dalle pm Simona Filoni e Bruna Manganelli. Oltre a lui è stato sentito oggi come persona informata sui fatti Giovanni Costantini, imputato per l'omicidio in concorso con Bernardi e entrambi assolti in via definitiva ormai quasi trent'anni fa. Sono stati convocati anche la sorella maggiore della vittima e suo marito. Si indaga per omicidio volontario aggravato.

22:11Calcio: Allegri, Dybala e Messi sono tanto diversi

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - "Dybala e Messi? Sono due giocatori diversi, difficili da paragonare. Entrambi mancini, ma profondamente diversi nella struttura fisica". Così Massimiliano Allegri sul confronto tra i due argentini, protagonisti domani in campo di Juventus-Barcellona: "Paulo è un calciatore aerobico, Leo invece è potente - ha spiegato il tecnico bianconero - Dybala ha 24 anni, deve crescere ancora, ha fatto una prima parte di stagione molto buona segnando tanti gol, poi è calato dopo i rigori sbagliati. Ma sono momenti di crescita che lui deve vivere". Messi "è il miglior calciatore al mondo, ha spostato gli equilibri e continua a farlo - ha aggiunto Allegri - L'unico che fa passare la palla dove gli altri pensano non sia possibile, 'legge' il suo marcatore alla perfezione. Per questo serve una prova collettiva per fermarlo".

22:08Violenza donne: Comune di Cagliari riserva un banco in Aula

(ANSA) - CAGLIARI, 21 NOV - Da stasera al Comune di Cagliari uno dei banchi dell'Aula é riservato idealmente a tutte le donne vittime di violenza. "L'iniziativa 'Posto occupato' è un gesto concreto dedicato a tutte le vittime di violenza -ha ribadito il presidente del Consiglio comunale Guido Portoghese in apertura di lavori-. Ciascuna di quelle donne, prima che un marito, un ex, un amante, uno sconosciuto decidesse di porre fine alla sua vita, occupava un posto a teatro, sul tram, a scuola, in metropolitana, nella società. Uno dei banchi dell'Aula è appunto riservato a tutte loro per far riflettere e sensibilizzare tutti rispetto alla violenza di genere". "L'iniziativa è inserita nel programma promosso dall'Assessorato alle Politiche delle Pari Opportunità, in collaborazione con i cittadine, le cittadini e il mondo dell'associazionismo locale, in occasione della "Giornata mondiale contro la violenza sulle donne" ha spiegato l'assessore Marzia Cilloccu. Ma il senso della ricorrenza che dal 1999 si celebra nella Giornata del 25 novembre, "vuole essere un monito per tutto l'anno", ha scandito l'esponente della Giunta Zedda, per ricordare a tutti che il rispetto è alla base di ogni rapporto. Quella presentata oggi durante il Consiglio comunale, su proposta dell'Associazione culturale "Le donne sarde", non è quindi come nel campo della fisica, "assenza di materia in un volume di spazio" e nemmeno "mancanza del pieno"."Posto occupato rappresenta un messaggio importante, partitodal Centro Donna dell'Ospedale Binaghi, sempre in prima linea per la salute delle donne e simbolo della dimensione ideale per la libertà e il diritto di ognuna all'autodeterminazione, come nelle intenzioni dell'ideatrice dell'iniziativa, l'attivista Maria Andaloro" ha detto Morena Deriu di "Le donne sarde".Si andrà avanti tutta la settimana con una serie di "Posti occupati": alla MEM (mediateca del mediterraneo), sugli autobus, all'aeroporto e nell'Ex vetreria di Pirri. "Un posto occupato - ha concluso - deve richiamare l'attenzione sugli stereotipi che sono alla radice della cultura della violenza di genere. Per estirparla ci vuole l'impegno di tutti".(ANSA).

21:52Azzardo: Piemonte ribadisce sì a propria legge regionale

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - Il Consiglio regionale del Piemonte ribadisce il sì alla legge contro il gioco d'azzardo, più restrittiva di quella nazionale, i cui vincoli sono entrati in vigore lunedì. Un ordine del giorno impegna la Giunta Chiamparino a dare "piena applicazione" alla legge. Il documento, proposto da Pd e maggioranza, è stato approvato anche con i voti del M5S, dopo una piccola modifica. Astenuti invece Fi, Lega e Mns. In una lettera al ministero dell'Economia, l'associazione Astro che raccoglie i gestori di slot machine, aveva chiesto di "sospendere l'applicazione del prelievo erariale su circa 20 mila macchine da gioco in Piemonte, per le quali la nuova legge regionale impone la rimozione". E in una recente intervista, Pier Paolo Baretta, aveva paventato un danno erariale. "Con questa discussione - ha detto Chiamparino, durante un acceso dibattito - mi pare si metta una parola chiara e definitiva che ci permette di assumerci piena responsabilità per garantire l'applicazione di questa importante legge". (ANSA).

Archivio Ultima ora