Florenzi e Doumbia esaltano la Roma. Il Genoa non c’è

Pubblicato il 03 maggio 2015 da redazione

Soccer: Serie A; Roma-Genoa
ROMA. – Totti ancora in panchina, Doumbia ancora il gol. Seconda vittoria consecutiva per la Roma che insegue il secondo posto e quindi la qualificazione diretta alla Champions. Dopo aver espugnato il Mapei Stadium di Reggio Emilia, casa del Sassuolo, la squadra di Rudi Garcia al primo caldo estivo batte all’Olimpico il Genoa al termine di una prestazione non esaltante ma che comunque basta per superare un avversario modesto, e che risente più del previsto dell’assenza del suo talento Perotti.

A penalizzare il team di Gasperini è anche un attacco assolutamente evanescente, in cui Niang sembra tornato l’oggetto misterioso dei tempi in cui era al Milan. La Roma invece si esalta con Florenzi, acclamato a fine partita (“noi vogliamo undici Florenzi”, canta la curva Sud) e autore di un gol spettacolare all’ultimo minuto di recupero.

L’esterno romanista strappa il pallone a Tino Costa, si fa 60 metri di corsa con il pallone al piede e poi batte Perin con un bel destro che si infila sotto la traversa. Un premio meritato per colui che già prima di questa prodezza era stato il migliore in campo, nonostante giocasse in un ruolo non suo, quello che nei piani tecnici e dirigenziali d’inizio stagione avrebbe dovuto essere di Maicon, che tra delusione post-Mondiale e problemi fisici sembra ormai essere sparito dall’orizzonte di Trigoria.

All’inizio la Roma, che con quella di oggi ha vinto le ultime 6 partite giocate all’ora di pranzo, scende in campo con la stessa formazione che aveva battuto il Sassuolo, e quindi con Totti in panchina e Doumbia al centro dell’attacco. L’ex Cska forma il tridente con l’acquisto invernale Ibarbo, che a volte ‘litiga’ con la palla, e Gervinho che anche questa volta è stato la brutta copia del ‘crac’ dello scorso campionato. A centrocampo Nainggolan corre da una parte all’altra mentre De Rossi, dopo un inizio incerto, trova i tempi giusti e cuce e rilancia la manovra.

Dopo una fase di studio la partita si accende al 25′ con una bella parata di Perin su conclusione di Nainggolan, mentre al 28′ è Florenzi a tirar fuori dal cilindro una conclusione insidiosa. Al 35′ la Roma sblocca il risultato con Doumbia, che capitalizza al meglio il suo unico tiro nello specchio della porta approfittando di un errore di Roncaglia.

Poi evita due avversari e segna con un destro che gli regala la sua seconda rete in campionato dopo quella segnata di testa al Sassuolo. C’è ancora il tempo per vedere un altro tiro di Nainggolan neutralizzato con bravura da Perin e poi si va al riposo dopo un primo tempo che, Doumbia a parte, non ha certo divertito i 37mila dell’Olimpico.

Nella ripresa Gasperini cambia il Genoa inserendo un giocatore offensivo come Iago Falque al posto del terzino sinistro Tambè, con il passaggio alla difesa a tre. E proprio Falque si rende subito pericoloso, costringendo De Sanctis a una parata decisiva su conclusione ravvicinata.

La Roma reagisce prima con una bella ‘sgroppata’ di Florenzi sulla destra conclusa con un cross su cui Iturbe ‘svirgola’ e poi recriminando su un azione in cui Torosidis viene ammonito per simulazione dopo essere caduto in area: per il greco c’era un fallo ai suoi danni da parte di Roncaglia, ma sono proteste inutili.

C’è ancora il tempo di vedere un vero e proprio ‘time out’ concesso dall’arbitro al 78′, per permettere ai giocatori di rinfrescarsi, e poi si assiste all’inutile forcing finale del Genoa (ancora Falque pericoloso con un tiro ‘sporcato’ da De Rossi).

Si chiude con la pennellata d’autore di Florenzi, uno che anche oggi ha dato l’anima per la Roma: quel che serve per sperare ancora nell’Europa che conta.

(di Alessandro Castellani/ANSA)

Ultima ora

20:40Uzbekistan: Mirziyoyev eletto presidente

(ANSA) - MOSCA, 5 DIC - Il premier uzbeko Shavkat Mirziyoyev ha stravinto le elezioni presidenziali in Uzbekistan - ritenute irregolari dall'Osce - con l'88,61% dei voti (15,9 milioni di preferenze). Mirziyoyev era considerato il favorito, anche perché il parlamento gli aveva già affidato la presidenza ad interim benchè, secondo la legge, la carica avrebbe dovuto andare al presidente del Senato, Nigmatilla Yuldashev, dopo la morte del presidente Islam Karimov.

20:31Uccise i genitori, figlio adottivo si suicida in carcere

(ANSA) - CAGLIARI, 5 DIC - Igor Diana, il 28enne in carcere per aver ucciso nel maggio scorso, nella loro abitazione di Settimo San Pietro (Cagliari), i genitori adottivi, Giuseppe Diana, di 67 anni, e la moglie Luciana Corgiolu, di 62, si è suicidato nella cella del carcere di Cagliari-Uta, dove era rinchiuso. Il giovane si è tolto la vita impiccandosi. Inutile ogni tentativo di rianimarlo da parte del personale medico del penitenziario.

20:31Referendum: Casa Bianca, non è come la Brexit

(ANSA) - WASHINGTON, 5 NOV - "E' rischioso semplificare paragonando i potenziali effetti del referendum sulla Brexit con quelli del referendum italiano": lo ha detto Josh Earnest, portavoce della Casa Bianca, rispondendo ad una domanda sulla consultazione referendaria italiana nel suo briefing con la stampa. Earnest ha ammonito a non dipingere i potenziali effetti dell'esito del referendum in modo troppo generalizzato, ricordando che esso non riguardava la relazione con l'Ue.

20:28Gb: pedofilia, centenario a processo a Birmingham

(ANSA) - LONDRA, 5 DIC - Un ennesimo caso di pedofilia imbarazza la giustizia britannica che porta oggi a processo a Birmingham un uomo di ben 101 anni, accusato di una trentina di episodi di stupro e molestie sessuali contro bambini risalenti a tre-quattro decenni fa, ma mai puniti ne' finora perseguiti. L'uomo, Ralph Clarke, che ovviamente non pare destinato a scontare ormai neppure un giorno di prigione anche se riconosciuto colpevole, nega tutto. Ma l'accusa gli contesta, denunce alla mano, di aver perpetrato fra il 1974 e il 1983 abusi ripetuti su almeno tre bambini. Clarke, che e' un ex autotrasportatore originario dell'area metropolitana di Birmingham (Inghilterra centrale), potrà assistere a udienze non piu' lunghe di 4 ore al giorno in ragione dell'eta' ed e' stato autorizzato a sedersi fra il pubblico invece che nella 'gabbia' degli imputati, riferisce la Bbc.

20:28Morti in corsia, il medico rimane in carcere

(ANSA) - MILANO, 5 DIC - Rimane in carcere Leonardo Cazzaniga, il medico accusato di omicidio per i morti in corsia all'ospedale di Saronno (Varese). Lo ha deciso il gip di Busto Arsizio, respingendo la sua richiesta di arresti domiciliari. Cazzaniga comparirà davanti ai pm in settimana. Che volesse cercare di chiarire la sua posizione, il medico l'aveva detto dopo l'arresto nell'interrogatorio davanti al gip che deve decidere su un'istanza di arresti domiciliari chiesti dalla difesa. Aveva anche detto di aver somministrato farmaci ai pazienti, che poi morirono, per alleviare le sofferenze della loro malattia ma di non aver avuto intenzione di uccidere nessuno. La sua amante, l'infermiera Laura Tironi, accusata dell'omicidio del marito (non di quelli provocati in ospedale) si era invece avvalsa della facoltà di non rispondere. I carabinieri hanno acquisito documenti nei giorni scorsi anche nella sede dell'Azienda Sanitaria Territoriale di Busto Arsizio, a cui fa capo l'ospedale di Saronno.

20:25Giudice arrestato, “nessun favore legato al mio ruolo”

(ANSA) - OLBIA, 5 DIC - "Non favori legati alla mia professione, ma reciproche cortesie nell'ambito di un rapporto amicale, creatosi per il tramite di amici comuni ma successivamente alle sentenze emesse nei loro confronti". Così si è difeso per oltre tre ore davanti al Gip di Roma, Vincenzo Cristiano, il giudice del tribunale di Tempio Pausania, 48 anni originario di Napoli, finito agli arresti domiciliari per corruzione perché avrebbe favorito processualmente alcuni suoi amici imprenditori, Umberto Galizia, 45 anni di Napoli, e Manuel Spano, di 38 di Olbia - entrambi ai domiciliari per concorso in corruzione - in cambio di regalie. Il giudice, assistito dai difensori Giovanni Azzena e Gerolamo Orecchioni, ha parlato negli uffici di piazzale Clodio, raccontando la sua verità al gip Giulia Proto nell' interrogatorio di garanzia. Cristiano, che a detta degli avvocati è apparso molto provato, "si è difeso da uomo di Stato nel rispetto delle istituzioni, anche se, avendo la coscienza pulita, è addolorato da quanto accaduto".

20:23MH370: familiari vittime, ‘ricompensa a chi trova rottami’

(ANSA-AP) - ANTANANARIVO, 5 DIC - Chiunque trovi un rottame dell'aereo del volo MH370 della Malaysia Airlines, scomparso dai radar con 239 persone a bordo l'8 marzo 2014 e probabilmente caduto nell'Oceano Indiano meridionale, riceverà una ricompensa in denaro. Lo hanno reso noto oggi in Madagascar alcuni familiari delle persone che erano sul velivolo, nella speranza che gli abitanti dell'isola, invogliati dal premio, si mettano a setacciare le coste. Nel frattempo è arrivato ad Antananarivo un funzionario incaricato delle indagini sulla scomparsa del Boeing 777 per raccogliere i rottami che sono già stati trovati e capire se appartengono effettivamente all'aereo. Malaysia, Australia e Cina intanto stanno per completare le ricerche con i sonar di profondità, finora senza successo, e hanno comunicato che le operazioni saranno sospese se si continuerà a non trovare nulla che permetta di individuare il punto d'impatto dell'aereo.

Archivio Ultima ora