Florenzi e Doumbia esaltano la Roma. Il Genoa non c’è

Pubblicato il 03 maggio 2015 da redazione

Soccer: Serie A; Roma-Genoa
ROMA. – Totti ancora in panchina, Doumbia ancora il gol. Seconda vittoria consecutiva per la Roma che insegue il secondo posto e quindi la qualificazione diretta alla Champions. Dopo aver espugnato il Mapei Stadium di Reggio Emilia, casa del Sassuolo, la squadra di Rudi Garcia al primo caldo estivo batte all’Olimpico il Genoa al termine di una prestazione non esaltante ma che comunque basta per superare un avversario modesto, e che risente più del previsto dell’assenza del suo talento Perotti.

A penalizzare il team di Gasperini è anche un attacco assolutamente evanescente, in cui Niang sembra tornato l’oggetto misterioso dei tempi in cui era al Milan. La Roma invece si esalta con Florenzi, acclamato a fine partita (“noi vogliamo undici Florenzi”, canta la curva Sud) e autore di un gol spettacolare all’ultimo minuto di recupero.

L’esterno romanista strappa il pallone a Tino Costa, si fa 60 metri di corsa con il pallone al piede e poi batte Perin con un bel destro che si infila sotto la traversa. Un premio meritato per colui che già prima di questa prodezza era stato il migliore in campo, nonostante giocasse in un ruolo non suo, quello che nei piani tecnici e dirigenziali d’inizio stagione avrebbe dovuto essere di Maicon, che tra delusione post-Mondiale e problemi fisici sembra ormai essere sparito dall’orizzonte di Trigoria.

All’inizio la Roma, che con quella di oggi ha vinto le ultime 6 partite giocate all’ora di pranzo, scende in campo con la stessa formazione che aveva battuto il Sassuolo, e quindi con Totti in panchina e Doumbia al centro dell’attacco. L’ex Cska forma il tridente con l’acquisto invernale Ibarbo, che a volte ‘litiga’ con la palla, e Gervinho che anche questa volta è stato la brutta copia del ‘crac’ dello scorso campionato. A centrocampo Nainggolan corre da una parte all’altra mentre De Rossi, dopo un inizio incerto, trova i tempi giusti e cuce e rilancia la manovra.

Dopo una fase di studio la partita si accende al 25′ con una bella parata di Perin su conclusione di Nainggolan, mentre al 28′ è Florenzi a tirar fuori dal cilindro una conclusione insidiosa. Al 35′ la Roma sblocca il risultato con Doumbia, che capitalizza al meglio il suo unico tiro nello specchio della porta approfittando di un errore di Roncaglia.

Poi evita due avversari e segna con un destro che gli regala la sua seconda rete in campionato dopo quella segnata di testa al Sassuolo. C’è ancora il tempo per vedere un altro tiro di Nainggolan neutralizzato con bravura da Perin e poi si va al riposo dopo un primo tempo che, Doumbia a parte, non ha certo divertito i 37mila dell’Olimpico.

Nella ripresa Gasperini cambia il Genoa inserendo un giocatore offensivo come Iago Falque al posto del terzino sinistro Tambè, con il passaggio alla difesa a tre. E proprio Falque si rende subito pericoloso, costringendo De Sanctis a una parata decisiva su conclusione ravvicinata.

La Roma reagisce prima con una bella ‘sgroppata’ di Florenzi sulla destra conclusa con un cross su cui Iturbe ‘svirgola’ e poi recriminando su un azione in cui Torosidis viene ammonito per simulazione dopo essere caduto in area: per il greco c’era un fallo ai suoi danni da parte di Roncaglia, ma sono proteste inutili.

C’è ancora il tempo di vedere un vero e proprio ‘time out’ concesso dall’arbitro al 78′, per permettere ai giocatori di rinfrescarsi, e poi si assiste all’inutile forcing finale del Genoa (ancora Falque pericoloso con un tiro ‘sporcato’ da De Rossi).

Si chiude con la pennellata d’autore di Florenzi, uno che anche oggi ha dato l’anima per la Roma: quel che serve per sperare ancora nell’Europa che conta.

(di Alessandro Castellani/ANSA)

Ultima ora

23:24Calcio: playoff serie B, Benevento-Perugia 1-0

(ANSA) - BENEVENTO, 27 MAG - Il Benevento supera 1-0 il Perugia e si aggiudica il primo atto della semifinale playoff di serie B. Di Chibsah, al 14' st, la rete che decide il match e consente ai sanniti la possibilità di passare il turno anche con un pareggio nel ritorno allo stadio 'Curi'. I giallorossi partono a spron battuto ma al 10' una conclusione sbilenca di Mustacchio diventa un assist per Dezi che di testa batte Cragno. Dopo un lungo conciliabolo, però, l'arbitro annulla per offside. Il gol decisivo giunge nella ripresa. Ingenuità di Gnahoré che al limite dell'area si fa rubar palla da Chibsah, lesto ad entrare in area e freddo nel battere Brignoli. La reazione del Perugia è veemente ma sterile e di nitide chance non se ne registrano.

23:01Calcio: Borussia Dortmund vince la coppa di Germania

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Borussia Dortmund si aggiudica la coppa di Germania battendo 2-1 l'Eintracht Francoforte nella finale disputata allo stadio olimpico di Berlino. Dopo tre ko consecutivi nella partita decisiva, la squadra guidata ha Thomas Tuchel ha conquistato la quinta coppa nazionale della sua storia, ritrovando un successo che mancava dal 2012. Andato in vantaggio all'8' con Dembele, il Borussia ha subito al 29' il pareggio di Rebic, tornando poi avanti in maniera definitiva grazie ad un rigore trasformato da Aubemeyang al 22' della ripresa.

22:59Donna alpinista precipita a 3 mila metri in Valtellina

(ANSA) - VALFURVA (SONDRIO), 27 MAG - E' precipitata in un burrone profondo alcune centinaia di metri sotto gli occhi atterriti del marito e di alcuni amici e non ha avuto scampo. Vittima della tragedia in montagna avvenuta oggi pomeriggio in Alta Valtellina è una donna di 45 anni, residente a Vobarno, in provincia di Brescia. Si chiamava Paola Ferrari. L'incidente alpinistico si è verificato lungo le pendici del pizzo San Matteo, a quasi 3 mila metri di altitudine, nel territorio comunale di Valfurva (Sondrio), il paese turistico dell'ex campionessa olimpica di sci Deborah Compagnoni e dello scalatore degli Ottomila Marco Confortola. L'allarme, alla centrale operativa del 112, e' stato dato attorno alle 13 dal coniuge con il cellulare. La moglie, come tutti i componenti della comitiva di escursionisti d'alta quota, non era in cordata. Procedeva da sola, in fila indiana lungo il ripido pendio, quando all'improvviso e' accaduta la disgrazia.

22:27Calcio: Allegri “la Juve è pronta per una grande finale”

(ANSA) - BOLOGNA, 27 MAG - La Juve sta bene, meglio non potrebbe. Vincente, in forma, con tutti gli uomini a disposizione. Pronta "per fare una gran finale", dice Massimiliano Allegri al termine della partita vinta al 94' a Bologna. La settimana di Cardiff è già scandita: domani giorno di riposo, "poi lunedì cominciamo a preparare la partita, a questo punto serve un grande risparmio di energie per sprigionarle tutte nella finale. Serve attenzione ai dettagli e ci vuole un po' di buona sorte", aggiunge, mettendo nel mirino il Real. Allegri è contento, "per i ragazzi, perché abbiamo chiuso con una vittoria, perché abbiamo fatto 91 punti che sono una cosa importante in un campionato di alto livello. Dovevamo chiudere bene, l'abbiamo fatto nel migliore dei modi, con un'ottima mezz'ora finale e una bella reazione". Ormai è recuperato anche Khedira: "Ha fatto alcune strappate delle sue - ha detto il tecnico - qualche buon inserimento. Era la prestazione che mi aspettavo da lui, ha una settimana ancora per migliorare la condizione.

22:20Calcio: Percassi “vogliamo Gasperini a vita”

(ANSA) - BERGAMO, 27 MAG - Allo stadio "Atleti Azzurri d'Italia", dopo il match con il Chievo, è andata in scena la festa di congedo dell'Atalanta al proprio pubblico dopo la stagione da record che ha visto i nerazzurri qualificarsi a una coppa europea per la quinta volta nella storia. Parola al presidente Antonio Percassi: "Il Mister è stato straordinario. Bergamo ti ama, sta scritto su uno striscione: anzi, ti adora. Vogliamo che resti tutta la vita. Ha dato alla squadra un gioco magistrale. In tifosi ci hanno sostenuto fin dall'inizio, un grazie anche a loro". Dal canto suo, Gian Piero Gasperini ha pronunciato poche parole commosse: "Grazie Bergamo! - ha urlato il tecnico al microfono -. Credevo fosse bello, ma non così tanto. Grazie a tutti, dalla società alla gente".

22:08Barca a motore sperona gozzo di pescatori, un morto

(ANSA) - GENOVA, 27 MAG - Una barca a motore di cinque metri ha speronato un gozzo di pescatori, causando la mote di uno di loro. E' avvenuto nel pomeriggio al largo di Riva Trigoso (Genova), davanti a Punta Manara. La vittima si chiamava Walter Radaelli, 47 anni, di Lavagna. Era in compagnia di un altro pescatore che è riuscito a salvarsi. Sull'altro natante si trovavano tre persone. Sul caso sta indagando la Capitaneria di porto. le due imbarcazioni sono state trasportate nel porto di Lavagna. La salma è stata messa a disposizione dell'autorità giudiziaria e nei prossimi giorni il medico legale Marco Salvi eseguirà l'autopsia. Il guidatore della barca a motore, che è stato interrogato, rischia di essere denunciato per omicidio colposo.

21:51Calcio: tweet Mertens, Napoli mio presente mio futuro

(ANSA) - NAPOLI, 27 MAG - "Il mio passato, il mio presente, il mio futuro", questo è il tweet dell'attaccante del Napoli Dries Mertens accompagnato da una foto del giocatore mentre firma il suo nuovo contratto fino al 2020. La firma del contratto era stata annunciata già oggi dal presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, che aveva confermato anche come nell'accordo sia presente una clausola rescissoria valida però soltanto per un eventuale trasferimento a una squadra estera e dal 2018. Secondo indiscrezioni il contratto di Mertens prevede un ingaggio annuo di 4,5 milioni di euro.

Archivio Ultima ora