Controsorpasso della Roma, si accende la volata Champions

Pubblicato il 03 maggio 2015 da redazione

Soccer: Serie A; Roma-Genoa

ROMA. – La Juve festeggia il quarto scudetto consecutivo allenandosi per la semifinale Champions col Real, e alle spalle dei neocampioni d’Italia si riaccende la volata Champions, col controsorpasso della Roma sulla Lazio. Gli ex Biava e Reja frenano la squadra di Pioli che riesce solo a pareggiare a Bergamo consentendo cosi’ a quella di Garcia, vincitrice 2-0 all’ora di pranzo sul Genoa con Doumbia e Florenzi, il controsorpasso nella corsa tutta romana al secondo posto Champions.

Ora in attesa del postico Napoli-Milan (e di Cagliari-Parma di domani e di Torino-Empoli di mercoledi’) la Roma si riporta a +1 sui cugini in una sfida che, a meno del crollo di entrambe che potrebbe rimettere in corsa il Napoli, si decidera’ probabilmente nel derby della penultima giornata.

Negli altri incontri pomeridiani, flagellati da un caldo vicino ai 30 gradi, l’Inter deve ringraziare Handanovic se non viene bastonata da un Chievo intraprendente, l’Udinese coglie il successo pieno in casa del Verona (Di Natale vince con un gol di tacco la sfida con Toni tra i nonni del gol, e soprattutto supera Baggio a quota 206) mentre la Fiorentina fa un buon allenamento in vista di Siviglia regolando 3-1 un Cesena ormai quasi spacciato con doppietta di Ilicic Due vittorie in quattro giorni dopo il ko all’ultimo sospiro del Meazza.

Cosi’ la Roma torna competitiva riagganciando in solitudine il secondo posto e rinunciando ancora a Totti. Da calimero a talismano, ecco la resurrezione di Doumbia, il bistrattato oggetto misterioso pagato a peso d’oro che segna due gol basilari tra Sassuolo e Genoa. Ma se alla Roma va il merito e’ soprattutto di Florenzi jolly stakanovista che emerge come migliore in campo e, nonostante il caldo afoso e la fatica, a fine gara si fa 60 metri al galoppo e fa partire un missile che fissa il 2-0 su un Genoa generoso ma meno brillante del solito.

Garcia puo’ respirare, la Roma riparte, seppellisce il tabu’ Olimpico e puo’ preparare senza affanno i prossimi impegni. La Lazio comincia d’autorita’ la difficile gara di Bergamo: Keita coglie un palo e si mangia un’occasione d’oro, poi l’Atalanta prende quota, impensierisce Marchetti e nella ripresa passa: prima Gomez coglie un palo con una sventola da fuori area che il portiere devia fuori. Sull’angolo l’ex Biava spicca di testa lasciando di stucco Mauricio e schiacciando di testa in gol. D’Alessandro e Gomez fanno un grande lavoro sulle fasce ma alla distanza la Lazio torna competitiva: tanta occasioni dentro l’area, poi su angolo conclusione vincente dell’ottimo Parolo.

Alle fine altre occasioni, ma l’Atalanta si tiene stretto il punto che vale ormai la salvezza in largo anticipo Tutto facile per la Fiorentina che puo’ preparare senza affanni la semifinale di Europa League con il Dnipro e si porta al quinto posto scavalcando Sampdoria e Genoa. Il Cesena si squaglia al caldo e viene regolata nel primo tempo da una doppietta dell’estroso Ilicic, che quando e’ in giornata fa spesso la differenza. Prima trasforma un rigore per atterramento di Borja Valero, poi raddoppia con un preciso diagonale. Gilardino segna poi il 50/o gol in maglia viola, poi c’e’ la prodezza di Rodriguez per il 3-1.

L’Inter si affanna molto ma con scarsa lucidita’ nell’incontro casalingo col Chievo: tanti attacchi ma poche occasioni importanti e in contropiede il Chievo si rene pericoloso con Izco, Meggiorini e due volte Paloschi che costringono Handanovic a interventi decisivi. Poi un palo di Biraghi pareggia quello nel primo tempo di Icardi e alla fine sono proprio gli ospiti che possono recriminare di piu’.

Nella sfida tra Verona e Udinese a decidere e’ l’espulsione di Sala che lascia i padroni di casa in dieci (finiranno in nove): appena entrato, Di Natale segna di tacco il gol 206 (staccando Baggio e proiettandosi alla rincorsa di Altafini) poi i friulani legittimano il successo con un palo di Thereau.

Ultima ora

12:45Aereo turismo precipita tra Piemonte e Valle d’Aosta

(ANSA) - AOSTA, 26 GIU - Un aereo da turismo è precipitato nella zona del Mont Mars, tra Valle d'Aosta e Piemonte. A bordo - secondo quanto comunicato dalla Centrale Unica del soccorso della Valle d'Aosta - c'erano due persone. Sul posto stanno operando elicotteri della protezione civile valdostana e dei vigili del fuoco del Piemonte. (ANSA).

12:45Comunali: Speranza, fine renzismo unica strada per ripartire

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - "Siamo dinanzi alla più clamorosa sconfitta degli ultimi anni alle elezioni amministrative per il centrosinistra". Lo scrive su Facebook il coordinatore di Articolo 1 Roberto Speranza. "È inutile - prosegue Speranza - far finta di non vedere. La destra avanza anche perché in sintonia con le paure di questo tempo. Ma sono state le politiche sbagliate dell'ultima stagione a far restare a casa una larga parte degli elettori di sinistra e di centrosinistra, demotivati e spesso umiliati da scelte incomprensibili su lavoro, scuola, ambiente e fisco. Occorre essere chiari e netti: l'unica strada per ripartire è archiviare definitivamente le politiche errate del renzismo e rimettere al centro i nostri valori fondamentali a partire dalla giustizia sociale e dalla lotta contro le diseguaglianze". "Non ci rassegniamo alla vittoria della destra. Tocca a tutti noi ricostruire. A partire dalla manifestazione del primo luglio a Roma", conclude Speranza.

12:33Salvini, ora modello Comunali a livello nazionale

(ANSA) - MILANO, 26 GIU - "Non vedo l'ora di esportare il modello di queste amministrative a livello nazionale": lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini. "Abbiamo fatto 30 - ha sostenuto -, facciamo 31. Se dopo decenni ci chiedono di governare Genova, Pistoia o Sesto San Giovanni, vuol dire che possiamo governare anche il Paese. Con idee chiare, senza tentennamenti fra stare o no con Renzi". "Non capisco - ha spiegato - come il segretario del primo partito italiano possa aver festeggiato, il caldo fa brutti scherzi. E non capisco neanche come Gentiloni non sia salito al Quirinale a rassegnare le dimissioni, questa è la terza sfiducia". "Renzi sarà probabilmente il conduttore di 'Chi l'ha visto' l'anno prossimo", ha aggiunto, mentre "con Silvio Berlusconi, "ci vedremo, ci sentiremo, ragioneremo", ma "la leadership è l'ultima delle mie preoccupazioni". "Invitiamo il Pd a portare la legge elettorale subito al Senato, con tre righe che premino le coalizioni, penso che si possa portare a casa in una settimana".

12:28Torino: presidente Ui, spostare il G7 sarebbe un errore

(ANSA) - TORINO, 26 GIU - "È un atteggiamento sbagliato spostare il G7. Torino è e deve essere città dell'accoglienza". Lo ha affermato il presidente degli industriali di Torino Dario Gallina a proposito dell'ipotesi di trovare un'altra sede per gli appuntamenti di fine settembre come proposto da alcuni dopo le tensioni delle ultime settimane nel capoluogo piemontese, dai fatti di piazza San Carlo agli scontri con i centri sociali. "C'è tutto il tempo per assicurare la riuscita dell'evento come è già avvenuto in passato. La polemica politica non deve andare a scapito della collettività", ha detto Gallina aprendo l'assemblea annuale dell'Unione Industriale.(ANSA).

12:16Comunali: sinistra perde Sesto San Giovanni dopo 70 anni

(ANSA) - MILANO, 26 GIU - Per la prima volta dal dopoguerra Sesto San Giovanni, l'ormai definitivamente ex Stalingrado d'Italia, sarà amministrata da un sindaco del centrodestra. Dopo 70 anni, la sinistra perde quindi una delle sue roccaforti nel nord Italia al termine di un ballottaggio senza storia: Roberto Di Stefano ha vinto con il 58,6% contro la sindaca uscente Monica Chittò del Pd che si è fermata al 41,4%, mentre nel 2012 al ballottaggio era stata eletta con il 70%. Appoggiato da Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d'Italia e dalla lista civica Sesto nel Cuore, Di Stefano ha potuto contare sul sostegno di Gianpaolo Caponi, candidato di tre liste civiche vicine al centrodestra arrivato terzo con il 24% al primo turno. Non è bastato a Chittò il sostegno di tutto il centrosinistra, con la presenza in campagna elettorale di big come Giuliano Pisapia o Walter Veltroni: soprattutto il Pd ha subito una dura sconfitta passando da 10 a 4 consiglieri e la bassa affluenza (45.6%) ha punito sopratutto il centrosinistra.

12:10Gb: cyberattacco, Guardian ha sospetti su Mosca

(ANSA) - LONDRA, 26 GIU - Il cyberattacco condotto venerdì scorso contro il network di email del Parlamento britannico sarebbe riconducibile più a "uno Stato" che non a gruppi di cani sciolti e "probabilmente" al "governo russo". E' quanto afferma oggi il britannico Guardian pur non rivelando alcun elemento concreto al riguardo e ammettendo anzi che sarà difficile poter provare un tale ipotetico collegamento anche in futuro. Il giornale, citando i servizi segreti del Regno Unito, afferma che ci sono altri tre Paesi che possono aver ordinato l'attacco: Cina, Iran e Corea del Nord. Allo stesso tempo cresce la paura di possibili ricatti ai danni dei deputati che hanno visto violate le loro email, anche se il numero di account colpiti è limitato a soli 90 su un totale di 9mila.

11:39Tennis: ranking Wta, Kerber ancora al comando

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - La danese Caroline Wozniacki e la russa Svetlana Kuznetsova salgono rispettivamente al sesto e all'ottavo posto, mentre la slovacca Dominika Cibulkova scivola di tre gradini al nono: sono i cambiamenti nella top 10 del ranking Wta aggiornato oggi, che vede invece confermarsi in vetta la tedesca Angelique Kerber, seguita dalla romena Simona Halep e dalla ceca Karolina Pliskova; in quarta e quinta posizione, la statunitense Serena Williams e l'ucraina Elina Svitolina. Da segnalare, poi, l'ascesa al 12/o posto (+4) della ceca Petra Kvitova, che a Birmingham ha ottenuto il suo primo successo dopo l'aggressione e il ferimento in casa subiti sei mesi fa. In casa azzurra, Roberta Vinci si conferma la meglio piazzata, 33/a, così come Francesca Schiavone è sempre 73/a. Retrocede di due posizioni, invece, Sara Errani, ora 74/a, mentre è di nuovo nella top 100 Camila Giorgi, 84/a.

Archivio Ultima ora