Controsorpasso della Roma, si accende la volata Champions

Pubblicato il 03 maggio 2015 da redazione

Soccer: Serie A; Roma-Genoa

ROMA. – La Juve festeggia il quarto scudetto consecutivo allenandosi per la semifinale Champions col Real, e alle spalle dei neocampioni d’Italia si riaccende la volata Champions, col controsorpasso della Roma sulla Lazio. Gli ex Biava e Reja frenano la squadra di Pioli che riesce solo a pareggiare a Bergamo consentendo cosi’ a quella di Garcia, vincitrice 2-0 all’ora di pranzo sul Genoa con Doumbia e Florenzi, il controsorpasso nella corsa tutta romana al secondo posto Champions.

Ora in attesa del postico Napoli-Milan (e di Cagliari-Parma di domani e di Torino-Empoli di mercoledi’) la Roma si riporta a +1 sui cugini in una sfida che, a meno del crollo di entrambe che potrebbe rimettere in corsa il Napoli, si decidera’ probabilmente nel derby della penultima giornata.

Negli altri incontri pomeridiani, flagellati da un caldo vicino ai 30 gradi, l’Inter deve ringraziare Handanovic se non viene bastonata da un Chievo intraprendente, l’Udinese coglie il successo pieno in casa del Verona (Di Natale vince con un gol di tacco la sfida con Toni tra i nonni del gol, e soprattutto supera Baggio a quota 206) mentre la Fiorentina fa un buon allenamento in vista di Siviglia regolando 3-1 un Cesena ormai quasi spacciato con doppietta di Ilicic Due vittorie in quattro giorni dopo il ko all’ultimo sospiro del Meazza.

Cosi’ la Roma torna competitiva riagganciando in solitudine il secondo posto e rinunciando ancora a Totti. Da calimero a talismano, ecco la resurrezione di Doumbia, il bistrattato oggetto misterioso pagato a peso d’oro che segna due gol basilari tra Sassuolo e Genoa. Ma se alla Roma va il merito e’ soprattutto di Florenzi jolly stakanovista che emerge come migliore in campo e, nonostante il caldo afoso e la fatica, a fine gara si fa 60 metri al galoppo e fa partire un missile che fissa il 2-0 su un Genoa generoso ma meno brillante del solito.

Garcia puo’ respirare, la Roma riparte, seppellisce il tabu’ Olimpico e puo’ preparare senza affanno i prossimi impegni. La Lazio comincia d’autorita’ la difficile gara di Bergamo: Keita coglie un palo e si mangia un’occasione d’oro, poi l’Atalanta prende quota, impensierisce Marchetti e nella ripresa passa: prima Gomez coglie un palo con una sventola da fuori area che il portiere devia fuori. Sull’angolo l’ex Biava spicca di testa lasciando di stucco Mauricio e schiacciando di testa in gol. D’Alessandro e Gomez fanno un grande lavoro sulle fasce ma alla distanza la Lazio torna competitiva: tanta occasioni dentro l’area, poi su angolo conclusione vincente dell’ottimo Parolo.

Alle fine altre occasioni, ma l’Atalanta si tiene stretto il punto che vale ormai la salvezza in largo anticipo Tutto facile per la Fiorentina che puo’ preparare senza affanni la semifinale di Europa League con il Dnipro e si porta al quinto posto scavalcando Sampdoria e Genoa. Il Cesena si squaglia al caldo e viene regolata nel primo tempo da una doppietta dell’estroso Ilicic, che quando e’ in giornata fa spesso la differenza. Prima trasforma un rigore per atterramento di Borja Valero, poi raddoppia con un preciso diagonale. Gilardino segna poi il 50/o gol in maglia viola, poi c’e’ la prodezza di Rodriguez per il 3-1.

L’Inter si affanna molto ma con scarsa lucidita’ nell’incontro casalingo col Chievo: tanti attacchi ma poche occasioni importanti e in contropiede il Chievo si rene pericoloso con Izco, Meggiorini e due volte Paloschi che costringono Handanovic a interventi decisivi. Poi un palo di Biraghi pareggia quello nel primo tempo di Icardi e alla fine sono proprio gli ospiti che possono recriminare di piu’.

Nella sfida tra Verona e Udinese a decidere e’ l’espulsione di Sala che lascia i padroni di casa in dieci (finiranno in nove): appena entrato, Di Natale segna di tacco il gol 206 (staccando Baggio e proiettandosi alla rincorsa di Altafini) poi i friulani legittimano il successo con un palo di Thereau.

Ultima ora

00:15Terremoto: Sarri, vittoria Napoli dedicata a gente Ischia

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Questa vittoria è dedicata alla popolazione di Ischia che purtroppo sta vivendo un momento molto difficile". E' il pensiero di Maurizio Sarri alla popolazione dell'isola colpita dal terremoto, dopo la qualificazione del Napoli alla fase a gironi della Champions League.

23:56Champions: Callejon, Napoli merita questo palcoscenico

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Tornare in Champions era quello che volevamo, il Napoli è una squadra che merita i grandi palcoscenici. Abbiamo sempre imposto il nostro calcio e penso che la qualificazione sia meritata". Josè Callejon, autore della prima rete con il Nizza, si gode così il successo sul campo dei francesi che vale la qualificazione alla fase a gironi della Champions.

23:54Champions: Favre, “Balotelli insufficiente”

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "La prestazione di Balotelli? Preferirei non parlare di questo argomento. Quello che ha fatto stasera è totalmente insufficiente, deve fare di più di quello che ho visto stasera". Il tecnico del Nizza Lucien Favre boccia senza mezzi termini la prova di Supermario contro il Napoli. "Nel momento del sorteggio - aggiunge l'allenatore dei francesi eliminati dai partenopei -, avrei voluto qualsiasi altra squadra, anche più blasonata, ma non questo Napoli. Perché è davvero molto organizzata, gioca un grande calcio. Lo conoscevo, lo studio da tre anni: ha giocatori estremamente tecnici e anche rapidi. Potevamo fare poco".

23:52Champions: Insigne “Grande prova maturità, mai perso testa”

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Abbiamo fatto una grande gara, giocando da squadra. Non era facile, ma noi siamo sempre rimasti uniti e non abbiamo mai perso la testa. Non sfigurerei nel Barcellona? Grazie, ma io voglio continuare a fare bene con questa maglia. Barcellona è il sogno di tutti, si sa, ma ora mi interessa giocare con questa maglia". Lorenzo Insigne si gode la serata e il gol che ha spinto il Napoli alla fase a gironi della Champions. "Abbiamo dato una grande prova di maturità, ma dobbiamo subito tornare concentrati per la sfida contro l'Atalanta - aggiunge -, che l'anno scorso ci ha messo in difficoltà. Noi non dobbiamo pensare di essere l'anti Juventus, dobbiamo solo pensare a fare il nostro campionato. Lo stesso discorso vale per la Champions: dobbiamo solo pensare a fare bene, poi chi meriterà di passare, passerà".

23:50Champions: gioia Sarri, giusto premio per questo Napoli

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Abbiamo fatto bene, questa è la nostra strada per arrivare a fare risultati. Mentre se ci mettiamo a gestire le partite andiamo in difficoltà. Penso che la Champions sia il giusto premio per un gruppo che l'anno scorso ha fatto 86 punti: non ricordo a memoria di una squadra che arriva a 86 punti e non gioca la Champions l'anno dopo". Maurizio Sarri non nasconde la gioia dopo il 2-0 a Nizza che porta il suo Napoli nella fase a gironi del torneo. "Questo è un gruppo che ha grandi valori morali - dice l'allenatore -, spirito di attaccamento alla maglia, non è stato necessario motivarli tanto: il merito è tutto loro. Stiamo cominciando a prendere coscienza dei limiti che abbiamo e solo così potremo colmarli: a volte rischiamo ancora di diventare leziosi, ma se riusciremo a mettere una pezza a queste piccole situazioni lo sapremo solo in futuro. Qualche difetto ce l'abbiamo ancora e non sarà facile colmare il gap con le grandi. Mercato? Se andrà via qualcuno, magari qualcuno arriverà: ora siamo al completo".

23:31Champions: Siviglia avanza alla fase a gironi

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Maribor, Siviglia e Olympiacos accedono alla fase a gironi della Champions League. Qualificato anche il Celtic. Risultati delle gare di ritorno dei playoff: Siviglia-Istanbul Basaksehir 2-2 (andata 2-1) Rijeka-Olympiacos 0-1 (andata 1-2) Maribor-Hapoel Beer Sheva 1-0 (andata 1-2) Astana-Celtic 4-3 (andata 0-5).

23:16Champions: 2-0 al Nizza, Napoli qualificato

(ANSA) - NIZZA, 22 AGO - Il Napoli batte il Nizza 2-0 (0-0) nella gara di ritorno dei playoff di Champions League e si qualifica alla fase a gironi. La squadra di Sarri ha dominato il match anche in trasferta chiudendo con lo stesso risultato dell'andata al San Paolo. Decidono le reti nella ripresa, al 2' con Callejon e il raddoppio al 43' con Insigne.

Archivio Ultima ora