Expo: nel primo week-end mezzo milione di visitatori

Expo: Comitato sicurezza conferma 'imponente dispositivo'

MILANO. – Sono stati più di mezzo milione i visitatori di Expo nel primo week-end di apertura, addirittura 650 mila secondo le stime della Coldiretti, che all’esposizione universale ha un proprio spazio. Il picco è stato nella giornata di sabato, mentre domenica, complice anche il cielo grigio, gli arrivi si sono leggermente diradati.

Questo non ha evitato file davanti ai padiglioni di alcuni Paesi come la Malesia, con il suo spazio a forma di semi, la Tailandia che accoglie i visitatori con una statua dorata di dragoni, gli Emirati Arabi, il Brasile con la rete su cui arrampicarsi o camminare. E non ha evitato neanche le file per provare cibi esotici o meno.

Il commissario Giuseppe Sala in conferenza stampa ha spiegato che bar e ristoranti hanno avuto “una fatturazione fuori dimensioni anche rispetto alle loro aspettative”. Insomma guadagni più del previsto. Secondo Coldiretti, nei tre giorni sono stati consumati 800 mila pasti fra colazioni, pranzi, cene e merende preparate nei tanti chioschi lungo le strade, nei ristoranti dei diversi padiglioni, negli spazi di Eataly.

Si parla di una tonnellata di cibo e bevande multiculturali: dalle tajin marocchine, alle tapas spagnole, passando per cous cous nel Qatar e gli immancabili hamburger americani. Pienone a Identità Golose per lo chef Massimo Bottura. Decine le persone che hanno assistito agli show-cooking all’esterno del cluster del cacao, con molti che hanno preso appunti con i consigli degli chef sulla preparazione della torta Sacher, mentre nell’area shop della Lindt, intitolata ‘The Chocolate Factory’ spiegano che in tre giorni si sono registrate all’incirca 10 mila presenze.

Per l’apertura completa dei nove cluster (cioè i padiglioni collettivi che ospitano più Paesi legati a un unico tema, dal riso al caffé, dalle zone aride al biomediterraneo) si dovrà ancora aspettare. Al momento su 65 spazi espositivi, che ospitano 84 paesi, sono aperti solo 48.

Il motivo principale, spiegano da Expo, è che alcuni Paesi stanno ancora aspettando l’arrivo degli arredi espositivi. D’altronde ci sono Stati che hanno dato l’adesione ad Expo all’ultimo momento, come la Liberia che ha deciso di partecipare solo tre giorni prima dell’apertura.

(di Bianca Maria Manfredi/ANSA)

Condividi: