L’Europa ha accerchiato e isolato Atene. Il Fmi divide la troika

Pubblicato il 05 maggio 2015 da redazione

Greece's Finance Minister Yanis Varoufakis arrives for a meeting with EU Commissioner for Economic and Financial Affairs, Taxation and Customs Pierre Moscovici at the European Commission headquarters in Brussels on Tuesday, May. 5, 2015. The European Union on Tuesday nudged up its forecast for economic growth across the 19-country eurozone despite a much gloomier outlook for Greece, which is struggling to get its hands on vital bailout cash that it needs to pay off debts. (ANSA/AP Photo/Geert Vanden Wijngaert)
ROMA. – Quando il premier Alexis Tsipras aveva acconsentito a ridimensionare il ruolo del suo ministro delle Finanze, Yanis Varoufakis, i mercati avevano festeggiato aspettandosi una svolta nelle trattative. Pochi giorni dopo, gli investitori mandano a picco borse e titoli di Stato: l’Europa ha accerchiato e isolato Atene, anche la Francia prende le distanze mentre gli altri partner tacciono.

Ma il Fmi, che ha a mente la sostenibilità di lungo termine del salvataggio ed è memore dell’errore del 2011, mette il dito nella piaga di fronte al peggioramento dei conti e della crescita greci certificati dalla Ue: un taglio del debito, avverte, è inevitabile se, come sta di fatto accadendo, i target di risanamento vengono allentati. Washington potrebbe addirittura chiamarsi fuori, facendo saltare la vecchia ‘troika’. Il governo Tsipras coglie la palla al balzo, e fa sapere che di fronte alla divisione Ue-Fmi non firmerà le riforme promesse.

E’ un serpente che si morde la coda, una ferita che s’incancrenisce via via che passano le settimane. Le borse se ne sono accorte. Atene chiude in calo di quasi il 4% trascinando le borse europee, lo spread ellenico torna sopra i 1.000 punti rimettendo pressione sui Btp italiani (129 punti base). I ministri delle Finanze dell’Eurogruppo tornano a riunirsi l’ 11 maggio per l’ennesimo vertice “decisivo” che si preannuncia già come un ennesimo flop. Ma non è questa la principale preoccupazione degli investitori, che puntano sulla permanenza della Grecia nell’euro almeno per quest’anno e guardano con attenzione alle mosse della Bce.

Il nodo vero resta la sostenibilità finanziaria di lungo termine di un accordo. E anche con il più diplomatico vicepremier, Yannis Dragasakis, alla guida dei negoziatori di Atene, la sostanza non cambia. Bruxelles, oggi, ha fotografato il deterioramento dei conti greci. La crescita è esigua. Il debito torna ad aumentare. Lo sforzo di bilancio dell’accordo che reggeva il salvataggio, di cui Atene vorrebbe i 7 miliardi della tranche finale, prevedeva un risanamento fuori portata nell’immediato, e che appare lontano anche più a lungo termine con Tsipras al governo: con o senza l’originale ministro in bicicletta.

Non è un caso che il Fmi si sia deciso a rompere le righe, uscendo (quasi) allo scoperto e irritando in primo luogo Berlino. I numeri della Commissione Ue sollevano il velo un po’ ipocrita che celava l’insostenibilità del piano fatto di concessioni reciproche, ma senza ristrutturazione del debito, cui il Fmi sarebbe chiamato a contribuire. Dunque o Atene accetterà lacrime e sangue, o Berlino (ma i creditori ora sono sparsi da Roma a Parigi a Madrid) dovrebbe ingoiare il boccone, amarissimo politicamente, di un taglio del debito greco.

Vista da Atene, questa precipitazione degli eventi spiega l’accerchiamento ‘anti-Varoufakis’ messo in atto da un’Europa che vorrebbe rimangiarsi l’accordo-ponte del 20 marzo. Vista da Bruxelles, è la prova che Atene va arginata: usa il suo debito enorme, e lo spettro del ‘Grexit’, come un grimaldello e rischia di essere imitata altrove. Di fatto, con il default sempre più vicino, le posizioni tornano ad allontanarsi anziché avvicinarsi.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

21:52Ap: direzione vota documento separazione consensuale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il documento per la separazione consensuale di Ap, che mantiene al momento invariati i gruppi parlamentari, è stato votato all'unanimità dalla Direzione Nazionale.

21:51Migranti: domani vertice a Parigi Macron-Gentiloni-Merkel

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sarà domani, mercoledì 13 dicembre, a Parigi, per il vertice con il presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel e i capi di Stato e di governo del G5 Sahel Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger. L'incontro, presso il castello di La Celle-Saint-Cloud, avrà inizio alle ore 12. Al termine è prevista una conferenza stampa congiunta. E' quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi.

21:48Usa: Roy Moore va a votare a cavallo

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - Il candidato senatore per il partito repubblicano Roy Moore si è recato a votare in Alabama a cavallo. Lo riportano i media americani. Roy Moore è favorito nonostente le accuse di molestie sessuali nei confronti di minorenni. A sostenerlo si è schierato con decisione anche il presidente americano Donald Trump.

21:35Liberia: elezioni, il 26 dicembre ballottaggio Weah-Boakai

(ANSA) - IL CAIRO, 12 DIC - Si terrà il 26 dicembre il ballottaggio delle elezioni presidenziali in Liberia fra George Weah, ex-attaccante del Milan, e il vicepresidente uscente Joseph Boakai. La data è stata annunciata oggi pomeriggio dalla Commissione elettorale dopo che venerdì scorso la Corte Suprema aveva stabilito che nel primo turno delle elezioni svoltesi il 10 ottobre c'erano state irregolarità e brogli, ma non così gravi da giustificare una ripetizione del voto. In origine era previsto che per eleggere il successore della presidente Ellen Johnson Sirleaf, nel primo passaggio dei poteri senza traumi da oltre 70 anni, il ballottaggio si tenesse il 7 novembre. Vi era stato però un ricorso del terzo classificato, Charles Brumskine, poi respinto dalla Corte suprema. Sirleaf, premio Nobel per la pace e prima donna capo di stato in Africa, è stata presidente dal 2006, dopo la cacciata (avvenuta nel 2003) del potente 'signore della guerra' Charles Taylor.

21:07Calcio: Colantuono è il nuovo allenatore della Salernitana

(ANSA) - SALERNO, 12 DIC - Stefano Colantuono è il nuovo allenatore della Salernitana: rileva sulla panchina granata Alberto Bollini esonerato nella giornata di ieri. Ne dà notizia il sito ufficiale della società granata. Colantuono che ha raggiunto Salerno nel pomeriggio ha voluto rivolgere, attraverso il sito ufficiale della società "un doveroso ringraziamento alla proprietà nelle persone di Claudio Lotito e Marco Mezzaroma "per averlo scelto. Non ho esitato un momento ad accettare - ha detto - e sono onorato di poter allenare in una piazza così calda e importante come Salerno. Sono molto felice - ha concluso - per questa nuova avventura e non vedo l'ora di iniziare". La prima seduta d'allenamento che dirigerà il nuovo allenatore granata è prevista per domattina alle ore 10:30 al campo "Volpe".

Archivio Ultima ora