Giappone: macaco baby chiamata ‘Charlotte’, zoo si scusa

Pubblicato il 07 maggio 2015 da ansa

(ANSA) – TOKYO, 7 MAG – Il Takasakiyama Natural Zoological Garden, popolare zoo del Kyushu, ha chiesto scusa e anticipato un ripensamento rispetto alla scelta di dare il nome “Charlotte”, in onore della principessina britannica, alla prima piccola di macaco nata nel 2015 a causa delle forti proteste per una mossa giudicata come “irrispettosa” verso la famiglia reale. In un’iniziativa promozionale consolidata, la struttura invita il pubblico a dare il nome e Charlotte ha raccolto 59 voti su 853.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

15:13Romania: migliaia in piazza contro riforma giustizia

(ANSAmed) - BELGRADO, 18 DIC - In Romania migliaia di persone hanno nuovamente manifestato ieri sera in varie città del Paese contro la riforma del sistema giudiziario varata dal governo del premier socialdemocratico Mihai Tudose, accusata di minare lo stato di diritto e vanificare la lotta alla corruzione dilagante. Nella capitale Bucarest circa 5 mila persone hanno percorso in corteo il centro della città partendo dalla sede del governo e raggiungendo il parlamento, dove oggi è in programma una seduta dedicata all'esame della legge contestata. "Vogliamo giustizia, non corruzione", "Governo covo di ladri", hanno scandito i manifestanti che hanno sfidato il maltempo e il freddo intenso. Proteste popolari si sono registrare in diverse altre città quali Timisoara, Cluj, Brasov.

15:10Germania: parenti vittime Amri da Merkel, assenti Di Lorenzo

(ANSA) - BERLINO, 18 DIC - I parenti delle vittime dell'attentato del mercatino di Natale di Berlino incontrano stamattina la cancelliera Angela Merkel, a un anno dalla tragedia che li ha colpiti. Non ci saranno, però, i parenti di Fabrizia Di Lorenzo, che non verranno nella capitale tedesca neppure domani per la commemorazione ufficiale, nella data del primo anniversario. I Di Lorenzo, come i familiari delle altre 11 vittime di Anis Amri, il tunisino che travolse la folla nella Breitscheidplatz con un camion, hanno firmato una lettera aperta alla Merkel, criticando la gestione complessiva dell'accaduto e rimproverandole, fra l'altro, di non aver porto loro le condoglianze personalmente, in un anno. La settimana scorsa, il delegato per i familiari delle vittime Kurt Beck ha reso pubblico un rapporto in cui con le denunce dei parenti delle vittime sulle tante mancanze del sistema, si faceva autocritica.

15:05Di Maio, se si farà referendum sull’Euro voto per l’uscita

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Se si dovesse arrivare al referendum, che però io considero una 'extrema ratio', è chiaro che io voterei per l'uscita, perché significherebbe che l'Europa non ci ha ascoltato. Ma io vedo oggi una opportunità dall'Europa". Lo ha detto a L'aria che tira, su La7, il candidato premier di M5s Luigi Di Maio, rispondendo alla domanda su come voterebbe in caso di referendum per l'uscita dell'Italia dall'Euro.

14:59Sgombero Labas: chiesto rinvio a giudizio per undici persone

(ANSA) - BOLOGNA, 18 DIC - Rinvio a giudizio per undici persone in seguito agli scontri con le forze dell'ordine per lo sgombero, lo scorso 8 agosto, del centro sociale Labas dall'edificio dell'ex caserma Masini, in via Orfeo: sono queste le richieste della procura della Repubblica di Bologna per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali, getto pericoloso di cose e per il tentativo di non farsi identificare usando caschi, fazzoletti e occhiali da sole per nascondere il volto. Alcuni degli occupanti, dopo aver costruito barricate con cassonetti e balle di fieno, hanno lanciato "petardi, fumogeni, bombe carta e corpi contundenti" contro gli agenti, causando a sette di loro lesioni personali con prognosi tra i sei e i 64 giorni. A detta dei pm Antonello Gustapane e Antonella Scandellari, a dirigere le operazioni di protesta è stato Gianmarco De Pieri, noto attivista e co-presidente della lista 'Coalizione civica'. (ANSA).

14:50Studenti tentano occupare scuola, messi in fuga da vigilante

(ANSA) - BARI, 18 DIC - Un vigilante che si trovava in servizio di sorveglianza all'esterno del liceo artistico De Nittis-Pascali, a Bari, avrebbe puntato la pistola contro alcuni ragazzi per impedire l'occupazione della scuola. Lo riferiscono i rappresentanti degli studenti che la notte scorsa hanno tentato di occupare l'istituto, ma sono stati messi in fuga delle guardie giurate a cui la dirigente aveva commissionato il servizio di tutela contro gli atti vandalici. La dirigente scolastica stamani ha contattato l'istituto di vigilanza chiedendo con urgenza una relazione sull'accaduto. Stando al racconto che il vigilante ha fatto alla dirigente, l'uomo avrebbe solo alzato la voce mettendo in fuga gli studenti che volevano scavalcare il muro di cinta della scuola. Durante la fuga una ragazza sarebbe caduta ferendosi ad una mano. Gli studenti, questa mattina, sono entrati nell'istituto, hanno avuto un confronto con la dirigente scolastica e sono ora in autogestione.

14:45Ex calciatore ucciso: amico e madre restano in carcere

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - Potrebbero uccidere ancora Raffaele Rullo e sua madre Antonietta Biancaniello, accusati dell'omicidio dell'ex calciatore Andrea La Rosa, ritrovato lo scorso 14 dicembre in un fusto per il gasolio nell'auto della 59enne. Lo si legge nell'ordinanza firmata dal gip di Milano Livio Cristofano, che ha convalidato il fermo e disposto la misura cautelare per entrambi. L'istanza di arresti domiciliari, avanzata dal difensore di Rullo, è stata respinta. Nell'interrogatorio di ieri, Rullo aveva negato di aver commesso il delitto. La donna, che in un primo momento si era assunta la responsabilità dell'omicidio, si è chiusa invece nel silenzio. Nella ricostruzione dell'accusa, La Rosa la notte tra il 14 e il 15 novembre era stato attirato a Quarto Oggiaro con l'inganno da Rullo, che gli doveva restituire 38mila euro. Poi sarebbe stato addormentato con del sonnifero, sgozzato e infilato in un bidone.

14:44Savoia: D’Alema, sgradevole rientro con volo Stato

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Vittorio Emanuele III è stato corresponsabile del fascismo e quindi condivido il sentimento di ripulsa delle comunità ebraiche e dell'Anpi". Con queste parole Massimo D'Alema commenta, intervistato da Serena Bortone, questa mattina ad Agorà su Rai3, il rientro in Italia delle spoglie di Vittorio Emanuele III. E conclude: "Trovo che il rientro con volo di Stato sia un episodio sgradevole da chiarire in Parlamento"

Archivio Ultima ora