WikiLeaks: confermata richiesta arresto Assange

(ANSA) – STOCCOLMA, 11 MAG – La Corte Suprema di Stoccolma ha respinto il ricorso di Julian Assange, accusato di crimini sessuali, per la revoca del mandato d’arresto nei suoi confronti. Nel 2010 un tribunale svedese ha emesso un mandato d’arresto contro il fondatore di Wikileaks per le accuse di violenza sessuale nei confronti di due donne svedesi. Assange, ha sempre negato le accuse e da circa tre anni vive all’ambasciata dell’Ecuador a Londra, che gli ha concesso asilo per evitare l’estradizione.

Condividi: