Salvini alla conquista del Sud, ma arrivano le uova

Pubblicato il 11 maggio 2015 da redazione

Salvini a Foggia, lancio fumogeni,carica forze ordine

FOGGIA. – Slogan e cori di contestazione non sono bastati: ad accogliere Matteo Salvini a Foggia ci sono stati lanci di uova, così come era avvenuto a Lecce, ma anche pomodori, banane e, soprattutto, candelotti fumogeni, alcuni dei quali indirizzati anche contro le forze dell’ordine che presidiavano l’ingresso dell’hotel Cicolella e che poi hanno messo in atto una breve carica ‘di contenimento’.

Durante i tafferugli una manifestante sarebbe rimasta ferita alla testa: è stata vista sanguinante, è stata chiamata un’autoambulanza, ma di lei si sono poi perse le tracce. Non ci sono state conseguenze per Matteo Salvini che dopo aver tenuto l’incontro elettorale ha lasciato indisturbato la città senza aver alcun contatto con i manifestanti (una cinquantina, con striscioni e cartelli con scritte contro la Lega e il suo leader).

La Lista Noi con Salvini sostiene in Puglia, insieme con Forza Italia, uno dei due candidati del centrodestra alla presidenza della Regione Puglia, Adriana Poli Bortone. L’ex sindaco di Lecce ed ex Ministro è stata voluta da Silvio Berlusconi ma non da Raffaele Fitto, che sostiene invece Francesco Schittulli. “Ma Alfano è in grado di garantire la libertà di espressione e il diritto di svolgere comizi?”, ha chiesto Salvini commentando gli incidenti. “Altrimenti – ha rincarato la dose – è meglio che se ne vada se non è in grado di isolare i violenti”.

Contro i manifestanti dei centri sociali è intervenuto il vice presidente del Senato, Roberto Calderoli: “I sedicenti antagonisti adesso pretendono di dispensare patenti di democrazia lanciando lacrimogeni, oggetti e inneggiando all’antifascismo? Ripaghino i danni e vadano a fare volontariato”, ha detto.

Mentre i manifestanti si davano da fare a lanciare le uova e i pomodori, Salvini all’interno del ‘Cicolella’, nella sala piena di gente, toccava i temi con cui è sicuro di poter conquistare il Sud: il precariato, la lotta alla criminalità e alla mafia (“c’è qualcuno che su questo problema è connivente”), l’immigrazione ( si “fa business sull’accoglienza”), la scuola (“Renzi porta rogna perché vengono giù i soffitti”), e anche quelli più locali come l’emergenza xylella e il gasdotto Tap (“bisogna ascoltare i territori”).

“Puntiamo ad essere – ha più volte ripetuto nel suo tour in Puglia che ieri sera ha toccato anche Bari dove non si sono registrate contestazioni – un punto di riferimento di tutto il centro destra”. “E vogliamo portare – ha detto – un pochino di lavoro in più, con la battaglia contro la Legge Fornero, un pochino di agricoltura in più con le battaglie contro Bruxelles che sta massacrando la Puglia e un po’ di sicurezza in più”.

Alcune decine di manifestanti, nella prima mattinata, avevano accolto Salvini con cori di protesta anche ad Andria e Salvini, indossando la ‘sua’ felpa, si era lamentato stringendo il tablet fra le mani e filmando la sala dell’hotel Cristal piena di gente: “Così se i giornalisti dovessero sbagliarsi, come ieri a Lecce, dove c’erano tante persone per bene e hanno parlato di quei pochi fuori che anziché mangiare le uova le hanno buttate, ci sarà un video”. Poco dopo le robuste contestazioni di Foggia. Ma Salvini appare tranquillo: il voto delle comunali, come sottolinea vittorioso il leader del Carroccio, “è un bell’antipasto per il 31 maggio”.
(di Luisa Amenduni/ANSA)

Ultima ora

13:16Camionista trovato legato e privo di sensi in cabina

(ANSA)- LENTATE SUL SEVESO (MONZA), 12 DIC - Legato e immobilizzato all'interno della cabina del suo mezzo, forse a scopo di rapina: così è stato trovato un camionista di 39 anni dagli operatori del 118, intervenuti su segnalazione di un passante, in una frazione di Lentate Sul Seveso (Monza). Durante il trasporto in ospedale a Desio (Monza), i soccorritori sono riusciti a rianimarlo. Non sarebbe in pericolo di vita. Proveniva da Reggio Calabria il camionista 39enne di origine indiana trovato legato e incosciente nella cabina del suo camion. L'uomo, che si era fermato in un'area di sosta, aveva i polsi legati con del nastro adesivo ma non aveva altri segni di violenza, quindi probabilmente è stato addormentato con del narcotico. Quando si è svegliato ha visto che non c'era più il rimorchio del camion. L'autista non ha saputo dire quale fosse il contenuto del carico.

13:16Incidenti ferroviari: due morti a Cesano Maderno

(ANSA)- CESANO MADERNO (MONZA), 12 DIC - Due persone - un uomo e una donna, entrambi pensionati - sono morte travolte da un treno regionale in transito, proveniente da Seveso (Monza) e diretto a Milano Bovisa, mentre stavano attraversando i binari a Cesano Maderno (Monza), intorno alle 10 di oggi. La dinamica dell'incidente ferroviario è ancora al vaglio della Polfer, che procede ai rilievi.

12:52Tennis: Itf Dubai, Errani al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Sara Errani si è qualificata per il secondo turno del torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento) negli Emirati Arabi Uniti: la romagnola, numero 144 del ranking mondiale, ha superato per 6-2 6-1 la romena Alexandra Cadantu. Prossima avversaria di Sara la bielorussa Vera Lapko, numero 134 del ranking Wta ed ottava testa di serie del torneo.

12:45Trovato senzatetto semi carbonizzato in un appartamento

(ANSA) - GROSSETO, 12 DIC - Un ragazzo di circa 25 anni è stato trovato semi carbonizzato in un appartamento a Grosseto. Il giovane, un senzatetto, stando alla ricostruzione dei carabinieri, avrebbe accusato un malore e sarebbe morto asfissiato e bruciato dal fuoco che aveva acceso per scaldarsi. Gli amici hanno avvertito le forze dell'ordine la notte scorsa intorno all'una quando il 25enne non rispondeva dall'appartamento che aveva occupato abusivamente da qualche giorno. Sul posto anche il nucleo scientifico dei carabinieri.

12:34Maltempo: Enza rompe argini, evacuate mille persone

(ANSA) - BOLOGNA, 12 DIC - E' in corso, nel Reggiano, a Lentigione, nel Comune di Brescello, l'evacuazione di oltre mille persone per la tracimazione del fiume Enza. Il fiume ha rotto gli argini e ha invaso l'abitato e la zona industriale. Per l'evacuazione delle persone si sta usando anche un elicottero. Per la piena dell'Enza è stata interrotta anche la statale 63. Situazione meno preoccupante, invece, dove il fiume ha riempito le golene, ma non si registrano situazioni particolari anche se alcune piccole frazioni sono state evacuate per precauzione. Sotto osservazione, nel Parmense, anche il torrente Parma che è tracimato nella zona di Colorno allagando giardini e spazi esterni. Il maltempo dei giorni scorsi sta provocando disagi anche in Appennino, dove alcune strade provinciali sono state chiuse per frane e dove alcune abitazioni sono senza elettricità e collegamenti telefonici.

12:29Sardo ucciso a Londra, ergastolo all’ex fidanzata bengalese

(ANSA) - NUORO, 12 DIC - E' stata condannata all'ergastolo Hasna Begum, la commessa di 25 anni originaria del Bangladesh, ritenuta responsabile dell'omicidio del nuorese Pietro Sanna, 24 anni, ucciso a coltellate nella sua casa di Londra il 23 giugno scorso. La giovane secondo i giudici londinesi avrebbe ucciso per gelosia dopo la fine della relazione con il 24enne di Nuoro. Una relazione durata un anno, ma poi dopo la separazione la giovane commessa avrebbe iniziato un'azione che i giudici londinesi definiscono di "stalking" nei confronti del giovane, che da alcuni anni lavorava a Londra come commesso e come deejay. Lo controllava attraverso i social, si era convinta che avesse una relazione con un'altra. Ed è a questo punto, secondo i giudici britannici, che sarebbe maturato il proposito di vendetta. Dopo aver indossato una parrucca bionda, lei scura di capelli, è arrivata con un taxi a casa di Pietro nel quartiere di Canning Town e lo avrebbe colpito con un coltellaccio da cucina con cui ha poi infierito con 36 colpi.

12:23Migranti: Amnesty, governi Ue complici torture in Libia

(ANSA) - BRUXELLES, 12 DIC - "I governi europei" ed "in particolare l'Italia" sono "consapevolmente complici delle torture e degli abusi su decine di migliaia di migranti detenuti dalla autorità libiche per l'immigrazione in orribili condizioni in Libia". Lo scrive Amnesty International in un rapporto. "Non solo non sono stati pienamente consapevoli di questi abusi ma, sostenendo le autorità libiche nel fermare le traversate e tenere la gente in Libia, sono stati complici di questi crimini" ha detto il direttore John Dalhuisen.

Archivio Ultima ora