Il Pd boccia la legalizzazione della prostituzione

Pubblicato il 11 maggio 2015 da redazione

Legalizzare-prostituzione

ROMA. – Più contrasto, no alla legalizzazione: a poco più di un mese dalla proposta bipartisan per la regolamentazione della prostituzione arriva un nuovo ddl, presentato dal Pd al Senato, che va in una direzione totalmente diversa, proponendo più concertazione e più risorse per l’assistenza delle vittime dello sfruttamento e un giro di vite contro gli ‘aguzzini’.

“Nel 95% dei casi la prostituzione è in strada, si tratta di una nuova forma di schiavitù delle donne”, è il messaggio della prima firmataria, Pina Maturani. E la sua proposta è destinata a far discutere, anche nel Pd, visto che i vertici del partito appaiono orientati a puntare proprio sul ddl Maturani. “Quello della prostituzione “è un fenomeno che non deve essere regolamentato, ma contrastato. In Italia, paradossalmente appare più moderno, più di sinistra regolamentarla, per me è inaccettabile”, afferma il presidente del Pd, Matteo Orfini affiancando, assieme al capogruppo al Senato Luigi Zanda, la senatrice Dem alla presentazione della proposta.

E i punti del ddl appaiono molto distanti da quello, trasversale e sostenuto da un’ottantina di parlamentari, presentato lo scorso aprile dal presidente della Commissione Affari Sociali della Camera Pierpaolo Vargiu (Sc) e dalla senatrice Pd Maria Spilabotte. Quest’ultima proposta, che venne illustrata con il chiaro messaggio “il sogno della Merlin è irrealizzabile”, prevede infatti zone ad hoc dedicate alla prostituzione e individuate dai Comuni, possibilità di esercitare in casa, pagando le tasse, controlli sanitari per i ‘sex workers’ e per i clienti obbligo del preservativo.

E non a caso, tra i primi a replicare alle parole di Orfini è proprio Vargiu, che chiede al Pd “disponibilità al dialogo e orientamento alle proposte concrete” e non “un derby contro la regolamentazione che alimenta la demagogia”. Una regolamentazione che chiede a gran voce anche la Lega di Matteo Salvini, impegnata in questi giorni nella raccolta delle 500mila firme necessarie per l’abrogazione della legge Merlin.

Di tutt’altra filosofia è il ddl Maturani che risponde ad una risoluzione del Parlamento Ue e all’art. 3, introduce due nuove ipotesi di reato: quello sulla prostituzione coattiva (con pena di reclusione da 5 a 10 anni) e quello di reclutamento, induzione e sfruttamento della prostituzione (pena da 2 a 6 anni). Il testo introduce tavoli di concertazione comunali per la prevenzione del fenomeno e prevede che gli enti locali promuovano interventi per integrazione sociale, e inserimento nel mondo del lavoro delle vittime, anche grazie a un Fondo ad hoc istituito a Palazzo Chigi (12 mln per il 2015). “Non possiamo restare indifferenti al fenomeno”, rimarca Zanda garantendo l’impegno del gruppo Pd ad intervenire. Ma sulle modalità il dibattito si preannuncia infuocato.

(di Michele Esposito/ANSA)

  • Francostars

    Che male fanno le prostitute maggiorenni e consenzienti ed i loro clienti sulle strade, se non compiono intralcio al traffico e/o atti osceni sotto la vista pubblica? Basta con quest’assurda “Meretriciofobia”!
    Voglio sottolineare che gli avvalenti delle meretrici in Italia sono ben undici milioni dei quali nove milioni affezionati alle stradali che sono le più economiche di tutte. Quindi, cari politici, in considerazione del fatto che nove milioni di votanti non sono pochi e che a fare la differenza sono proprio gli elettori indecisi, OCCHIO AI VOTI ed anche al 2 PER MILLE IRPEF.

  • Peppe Sposti

    Quello che non è riuscito a nessuno finora,riuscirà a capitan Renzi e alla sua armata Brancaleone…asfaltare il PD.
    Che bella sinistra…liberticidio,tasse,vanificazione delle lotte sindacali e,per il resto,dati falsi puntualmente sbugiardati dall’Istat,difesa delle corporazioni e affossamento delle classi svantaggiate.
    Tolgono il pane ai pensionati ed elargiscono soldi alle p…xxx

  • francesco rossi

    Che pagliacci la gente chiede regole per la prostituzione e loro introducono l’ennesima e inutile legge repressiva che non cambierà nulla.
    La maggior parte di questi senatori provengono da quello che fu la Margherita e pertanto non mi meraviglio se hanno partorito una simile legge.
    Scommetto che questa legge sarà approvata in tempi record tanto per far vedere che Renzi ha fatto qualcosa anche in materia di prostituzione mentre il dl Spilabotte non avrà neanche l’onore di essere discusso in commissione.
    Solo quando Salvini arriverà al 30% forse quelli del PD si renderanno conto che la prostituzione va regolamentata e non contrastata con l’ennesima legge inutile che invece di abrogare la legge Merlin la vuole rafforzare in chiave repressiva.

Ultima ora

12:56Incidenti stradali: investe e uccide 65nne poi fugge, preso

(ANSA) - BRESCIA, 15 DIC - È stato identificato e denunciato per omicidio stradale un automobilista bosniaco che la notte scorsa ha travolto e ucciso poco prima di mezzanotte a Esine un uomo di 65anni di Artogne, nel Bresciano, Giovanni Battista Fontana, per poi allontanarsi senza prestare soccorso. La vittima, che era a piedi, era stata trovata a terra agonizzante nei pressi dell'ospedale di Esine. Nessun testimone ha assistito all'incidente. L'automobilista è stato individuato e bloccato grazie ai filmati di alcune telecamere fisse. Deve rispondere di omicidio stradale, omissione di soccorso e fuga dopo incidente.(ANSA).

12:56Tennis: Itf Dubai, Errani sconfitta in semifinale

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Si ferma in semifinale la corsa di Sara Errani nel torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento), negli Emirati Arabi Uniti: la 30enne romagnola, numero 143 del ranking mondiale, è stata sconfitta per 6-1 6-4 dalla svizzera Belinda Bencic, numero 98 Wta e quinta testa di serie. L'altra finalista è la croata Ajla Tomljanovic, numero 130 del ranking mondiale e settima testa di serie, che ha superato per 6-2 6-3 un'altra svizzera, Stefanie Voegele.

12:48Ubi: pm Bergamo, a processo tutti i 31 imputati

(ANSA) - BERGAMO, 15 DIC - Il pm di Bergamo Fabio Pelosi ha insistito nella richiesta di rinvio a giudizio per 31 imputati (30 persone fisiche e la stessa banca) per il caso Ubi. La Procura, nel corso dell'udienza preliminare, ha chiesto il processo, tra gli altri, per il banchiere Giovanni Bazoli e per il consigliere delegato Victor Massiah. Le accuse sono di ostacolo agli organismi di vigilanza e di presunte interferenze illecite in vista della formazione dell'assemblea del 2013. (ANSA).

12:43Nuoto: bene azzurri a Europei, Panziera in finale 200 dorso

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Buona mattinata per gli azzurri ai campionati europei di nuoto in vasca corta, in corso a Copenhagen. Margherita Panziera ha guadagnato la finale dei 200 dorso, con il quarto tempo, giungendo seconda in batteria alle spalle della campionessa ungherese Hosszu. Finale conquistata anche per le ragazze dei 200 farfalla, Alessia Pirozzi e Ilaria Bianchi. Grande risultato anche per le staffettiste della 4X50 sl, che vincono la batteria davanti a Francia e Polonia in 1.37"74 e volano in finale con il quarto tempo. In semifinale Arianna Castiglioni e Martina Carraro nei 100 rana. Semifinale raggiunta anche per Luca Dotto e Marco Orsi nei 50 sl uomini. Nei 100 rana maschili in semifinale Luca Pizzini, che vince la sua batteria e fa il primato personale in 58"93, anche se spaventa il 56"663 con cui l'olandese Kammkinga ha vinto la quarta batteria. In semifinale nei 100 rana anche Fabio Scozzoli in 57"31 e Nicolò Martinenghi, quest'ultimo con il tempo di 57"78 nuovo primato personale. (ANSA).

12:40Terrorismo: algerino arrestato dal Ros in stazione Foggia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Arresto a Foggia per terrorismo internazionale: un cittadino algerino, Yacine Gasry, è stato rintracciato e fermato dai Carabinieri del Ros nella stazione ferroviaria della città in esecuzione di un provvedimento dell'Ufficio esecuzione penale della Procura generale di Napoli. L'uomo è stato condannato in via definitiva a quattro anni, nove mesi e 21 giorni di reclusione per associazione con finalità di terrorismo internazionale. Secondo l'accusa, avrebbe fatto parte di una rete che forniva sostegno logistico a formazioni terroristiche algerine. Gasry venne arrestato nel 2004, insieme ad altri stranieri, in seguito a indagini condotte dal Ros e coordinate dalla procura di Napoli dopo gli attentati dell'11 settembre. L'inchiesta riguardava una rete di supporto logistico del Fronte islamico di salvezza (Fis) algerino attiva in Italia tra le province di Napoli, Caserta, Vicenza e Milano.

12:37M5S: sindaca Dorgali annuncia su Fb, sono indagata

(ANSA) - NUORO, 15 DIC - La sindaca di Dorgali (Nuoro) Maria Itria Fancello, del Movimento 5 stelle, è indagata dalla Procura di Nuoro per turbativa d'asta. Lo ha annunciato lei stessa su Facebook, in nome di quella trasparenza richiesta dal suo partito. "Volevo informare i cittadini di Dorgali che mi è stata notificata una richiesta di proroga delle indagini da parte della procura di Nuoro - spiega - a quanto pare, insieme a mio marito, ex dipendente della cooperativa Ghivine, e all'assessore Fabrizio Corrias sono indagata per turbativa d'asta. Per quanto sono riuscita a ricostruire, non ho ricevuto avvisi di garanzia, né ero a conoscenza dell'attività, si tratterebbe della gara di aggiudicazione della gestione dei siti archeologici. Un bando che è stato pubblicato il giorno successivo all'insediamento del nuovo consiglio comunale. Per cui né io, né altri componenti della giunta abbiamo avuto nulla a che fare con la gara, assegnata da un'apposita commissione". "Ho fiducia nella giustizia - prosegue la prima cittadina di Dorgali - e mi sento confortata dal fatto di aver sempre agito per il bene dei cittadini. Ve lo dovevo per quella trasparenza che contraddistingue il MoVimento 5 Stelle. Vi terrò aggiornati." (ANSA).

12:32Brexit: Gentiloni, seconda fase non più facile della prima

(ANSA) - BRUXELLES, 15 DIC - "La seconda fase (dei negoziati sulla Brexit, ndr) non sarà più facile della prima": lo ha detto il premier Paolo Gentiloni, spiegando che ieri il Consiglio Ue ha "accolto con grande cortesia" la disponibilità espressa dalla premier britannica Theresa May nel suo intervento. Il summit Ue discuterà di Brexit questa mattina, senza la May. Ieri la premier ha "rivendicato la linea con la quale siamo riusciti ad arrivare all'intesa con la Commissione qualche giorno fa", ha spiegato Gentiloni, ribadendo che i leader Ue restano "consapevoli" delle difficoltà della seconda fase.

Archivio Ultima ora