La nuova criminalità e la violenza in Venezuela

Pubblicato il 11 maggio 2015 da redazione

basta-de-balas

Nulla di nuovo, purtroppo. Semmai, la notizia conferma la nostra percezione quotidiana. Il Venezuela è tra i paesi più violenti e pericolosi al mondo. A voler essere pignoli, il terzo paese più violento al mondo. Sul podio d’onore di questo triste primato è accompagnato da Honduras, che detiene la leadership, e dalla Siria. Ma quest’ultima ha comunque un’attenuante: nel suo territorio si combatte una lunga guerra fratricida che rischia di creare nella regione squilibri ancor più severi di quelli già esistenti.

Presentato recentemente a Ginevra, il rapporto realizzato dal Programma dell’Onu per lo Sviluppo (Undp), titolato “GlobusBurden of ArmedViolence”, illustra una realtà inquietante: dal 2007 al 2012 sono morte ogni anno 508mila persone di morte violenta. Sebbene abbiano subito una lieve flessione gli omicidi volontari, sono aumentate le vittime dei conflitti. Ciò ci pone di fronte ad una drammatica realtà: sono sempre piùnumerosi i teatri di guerra.

Ma torniamo a questa parte del mondo. Da un recente studio della “Coalición Latinoamericana para la Prevención de la Violencia Armada” emerge che il 42 per cento degli omicidi con arma da fuoco avviene in America Latina. E Venezuela, dopo Honduras, è il paese più violento del continente americano.

Oggi la criminalità in Venezuela assume caratteristiche inquietanti. E Fermìn Marmol García, avvocato e criminologo, le illustra con chiarezza. Non si parla più di criminalità giovanile. O, almeno, non solo più di quella. Negli ultimi anni si è fatta spazio con prepotenza un’altra categoria. Ci riferiamo alla criminalità adolescente, quella riconducibile a una fascia di età che oscilla tra i 15 e 17 anni e anche inferiore. Per questi, assassinare vuol dire conquistare, nell’ambiente dove operano, uno “status” che si traduce in potere. E quanto più si uccide e quanto più si è temuti, tanto più potere si ottiene e tanto più si è rispettati. Da qui la facilità con cui si preme sul grilletto e l’incremento dei delitti anche per ragioni futili. Non reagire alla rapina o al furto non assicura la propria incolumità. La vita in Venezuela, oggi, è sottoposta ad una permanente “roulette russa”.

I delinquenti adolescenti, poi, agiscono sicuri perché sanno che la legge – com’è giusto che sia – li protegge. E infatti, sono minime le conseguenze per un minorenne arrestato mentre commette un qualunque reato.

Progresso, crescita, maturazione. Altri due fenomeni dimostrano l’evoluzione della criminalità nel paese e le conseguenze che da essa derivano. In primo luogo, l’adolescente che prima agiva in solitario o, al più, con l’aiuto di un complice ha cominciato a organizzarsi in bande ben strutturate che seminano il terrore tra la popolazione del luogo in cui hanno il loro “quartier generale”. Secondo il grado di sofisticazione, queste bande, nei loro forzieri, mantengono una quantità di denaro in moneta contante e suonante sufficiente per pagare avvocati o corrompere, nel caso che un loro membro sia arrestato. E, poi, hanno capito l’importanza d’essere ben armati. Da qui i sempre più frequenti assassini di poliziotti col solo obiettivo di rubare loro l’arma e le munizioni.

“Dulcis in fundo”, l’impunità. Ad alimentare la delinquenza, che ormai impera in ogni angolo del Venezuela, è l’impunità. Si stima che il 96 per cento dei crimini nel Paese resta impunito.

Risolutezza, determinazione e impegno. La percezione che oggi ha il venezuelano è che non solo lo Stato è debole ma soprattutto che nel Governo non vi sia la volontà di arginare e combattere la criminalità che ormai colpisce tutti indistintamente dal più povero al più ricco.

Le “aree di pace”, proposte dal viceministro degli Interni Josè Vicente Rangel Avalos, più che uno strumento di “pacificazione e reinserimento nella società” sono interpretate come un segnale di debolezza dal cittadino indifeso. E d’altronde, come dimostrano i fatti, le “aree di pacificazione”, in cui le forze dell’ordine non hanno alcun potere, si stanno straformando in rifugio di bande armate. Tanti venezuelani che vivono in queste “aree di pacificazione” stanno decidendo di emigrare altrove, come unica arma di difesa contro i soprusi e le angherie alle quali sono soggetti. I delinquenti, come in Italia la mafia, la ‘ndragheta o la camorra, impongono le loro leggi e i loro codici di comportamento.

Sconfiggere la criminalità non è facile. Ma neanche impossibile. Lo dimostrano metropoli come New York, Bogotá e Medellín, fino a ieri considerate città molto pericolose. Ma tutto è riconducibile alla volontà politica di affrontare il tema e di cercare una soluzione. Se manca la volontà politica, ogni sforzo delle forze dell’ordine e della società civile resta lettera morta.

Il tema dell’insicurezza e della criminalità sicuramente animerà, assieme ad altri non meno importanti, la campagna elettorale per il rinnovo del Parlamento. Stando al presidente del Consiglio Nazionale Elettorale, TibisayLucena, le prossime elezioni dovrebbero svolgersi nel quarto trimestre del 2015. D’altronde, la Costituzione stabilisce che il nuovo Parlamento dovrà insediarsi il 5 gennaio del prossimo anno, E’ quindi plausibile pensare che, nonostante i ritardi inconsueti e incomprensibili nel fissare una data, questa potrebbe essere stabilita tra la fine di novembre e la prima settimana di dicembre.

I sondaggi parlano chiaro. E indicano che mai come oggi l’Opposizione abbia la vittoria a portata di mano. Ma i sondaggi, come mostrano esperienze recenti, sono spesso superati da fenomeni psicologici congiunturali che riescono a mutare la percezione dell’elettorato. E, quindi, anche i risultati finali. Un qualunque provvedimento, anche un fenomeno naturale, potrebbero trasformarsi improvvisamente nell’ago della bilancia.

Tanti gli argomenti che l’Opposizione potrebbe fare suoi: criminalità, alto tasso d’inflazione, file davanti ai supermarket, mancanza di medicine, precarietà nell’assistenza ospedaliera, carenza di lavoro formale, tanto per nominare i più importanti. Ma, in cambio, hanno a loro svantaggio l’abilità mostrata dal Governo nel definire la campagna propagandistica e, soprattutto, l’enorme rete di “mass-media” dello Stato o riconducibile comunque al “chavismo”. I “mass-media” indipendenti sono un’infima minoranza. E la loro penetrazione sempre più limitata. Per superare questo scoglio, i candidati dovranno avvalersi delle nuove tecnologie ma anche del tradizionale “porta a porta”. Un sistema di campagna elettorale, quest’ultimo, che alcuni consideravano ormai superato, ma che oggi appare come l’unico attraverso il quale i candidati dell’Opposizione potranno stabilire un contatto diretto con l’elettorato per convincerlo a “cambiare verso”.

(Mauro Bafile/Voce)

Ultima ora

09:54Scuola: prof milanese tra 50 finalisti Global Teacher Prize

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - C'è un'insegnante di Milano, Lorella Carimali, prof di matematica al Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto, tra i 50 finalisti del Global Teacher Prize 2018 della Varkey Foundation, che mette in palio un milione di dollari. I suoi metodi innovativi prevedono la combinazione di classi di studenti e discipline diverse, includendo, a volte, le materie più svariate, come il teatro, affinché gli studenti di livello diverso possano interagire e realizzare una crescita collettiva. Uno dei risultati di queste tecniche è il miglioramento dei loro voti. I 50 finalisti prescelti saranno ridotti a 10 dal Prize Commitee, e i risultati di questa ulteriore selezione saranno annunciati nel febbraio 2018. Tra i 10 finalisti, la Global Teacher Prize Academy sceglierà poi il vincitore. Tutti e dieci i finalisti saranno invitati a Dubai dove il 18 marzo del prossimo anno sarà annunciato il vincitore.

06:52Usa: elezioni Alabama, vince democratico Jones

(ANSA) - WASHINGTON, 13 DIC - Doug Jones vince le elezioni in Alabama per un seggio al Senato americano. La vittoria del democratico e' uno schiaffo per il presidente Donald Trump, che aveva appoggiato il candidato Roy Moore nonostante la controversia sollevata dalle accuse di molestie sessuali. Duro colpo anche per il partito repubblicano che perde un prezioso voto al Senato, dove deteneva una maggioranza gia' limitata a 52 seggi su 100. "Il popolo dell'Alabama ha piu' in comune di cio' che lo divide. Abbiamo mostrato non solo all'Alabama ma al Paese che possiamo essere uniti", ha dichiarato Jones dopo la vittoria. Trump reagisce su Twitter all'esito del voto, mostrando fair play e congratulandosi con Jones: "I repubblicani avranno un'altra chance per questo seggio molto presto. Non finisce mai!".

22:58Calcio: Buffon, Juve sta bene nel mucchio selvaggio in testa

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - La Juventus "sta bene nel mucchio selvaggio" in testa al campionato, e "non deve sottovalutare" il Tottenham in Champions League. Gianluigi Buffon analizza la doppia corsa, sottolineando che per i bianconeri "è un bel momento". "Pur non vincendo una gara importante contro l'Inter, i risultati delle altre ci hanno dato una grossa mano a vedere il bicchiere mezzo pieno e a far sì che si sia creato questo mucchio selvaggio in testa alla classifica. È chiaro che diventa un campionato più avvincente e noi secondo me ci sentiamo meglio in una posizione così ravvicinata alla testa della classifica", ha notato il capitano juventino a margine dei Gazzetta Sports Awards. "Il Tottenham è una squadra da prendere con le molle, ha tanta fisicità in quasi tutti i singoli e grande tecnica in cinque o sei elementi. Di solito impone alla gara un ritmo forsennato, di conseguenza sulle due gare è un avversario veramente temibile e da non sottovalutare".

22:44Donna dell’Agrigentino festeggia 106 anni con sorella di 112

(ANSA) - CANICATTI' (AGRIGENTO), 12 DIC - Altro compleanno ultracentenario a Canicattì (Ag) in casa Cammalleri. Attorniata dai familiari, tra cui la sorella Diega "Deddè" di 112 anni e la cognata di 94, ha festeggiato le sue 106 primavere Fifì Cammalleri, nata il 12 dicembre 1911. Le due sorelle vivono nella stessa casa. Nell'ottobre dello scorso anno, per i suoi 111 anni, Diega, che è stata a lungo insegnante, ricevette una medaglia d'oro dall'allora ministro dell'Istruzione Stefania Giannini. In quell'occasione l'interessata disse di non aver mai punito i suoi alunni "ma se necessario li ho solo corretti". Ai festeggiamenti di oggi erano presenti i numerosi nipoti delle due sorelle, anche loro avanti in età. (ANSA).

22:39Tap: Emiliano, Governo incosciente, presenteremo esposto

(ANSA) - BARI, 12 DIC - "I fatti accaduti in Austria hanno dimostrato che le preoccupazioni della Regione Puglia hanno un fondamento evidente che ci obbligherà nei prossimi giorni a sottoporre alla Procura della Repubblica competente un esposto che mira a salvaguardare l'incolumità pubblica dalla incosciente decisione del Governo di ritenere non assoggettabile alle direttive Seveso l'impianto Tap". In una nota, il presidente della Puglia, Michele Emiliano, replica al ministro dello Sviluppo Carlo Calenda, che aveva criticato le rimostranze della regione sul gasdotto Tap. Per Emiliano, "di incoscienza collettiva evidentemente si tratta se è vero che il Ministro Calenda dalle notizie della vittima e dei 21 feriti in Austria trae lo spunto solo per ribadire che il TAP è necessario proprio per sopperire alla temporanea carenza di gas distribuita nel Nord Europa ove dovessero ripetersi incidenti analoghi a quello accaduto oggi". "Si tratta con ogni evidenza - rimarca Emiliano - di un caso di strabismo politico".

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

Archivio Ultima ora