Indagine sulle cave di marmo a Carrara

(ANSA) – MASSA (MASSA CARRARA), 11 MAG – La procura di Massa Carrara ha avviato un’indagine su una serie di cave di Carrara per valutare se siano state violate le norme sullo smaltimento del materiale di riserva, che si ricava dall’estrazione dei blocchi di marmo. L’obiettivo è anche appurare se ci sia stato un inquinamento delle acque e se possa essere stato messo in pericolo l’equilibrio idrogeologico dell’area. Gli accertamenti, svolti dal corpo forestale, finora hanno riguardato il bacino di Miseglia, a Carrara.

Condividi: