Tortura: Pansa, in testo ci sono criticità

(ANSA) – ROMA, 12 MAG – Il capo della Polizia, Alessandro Pansa, in commissione Giustizia del Senato, che esamina l’introduzione del reato di tortura, ha ribadito la necessità di formulare il reato in modo da “minimizzare il rischio di denunce strumentali”. Pansa, ascoltato con il comandante dei Carabinieri De Sette e quello della Gdf Capolupo, ha chiesto di restringere al solo rischio di esposizione a tortura il divieto di espulsione dei migranti per non creare criticità all’attività di allontanamento.

Condividi: