Via libera al piano Ue, l’Italia esentata sui nuovi migranti

Pubblicato il 13 maggio 2015 da redazione

HMS Bulwark Rescues Over 400 Migrants

BRUXELLES. – Sull’immigrazione l’Europa “fa passi da gigante”. L’Alto rappresentante Ue Federica Mogherini è sul podio, accanto al primo vicepresidente Frans Timmermans e al commissario Avramopoulos per segnare una pagina storica della Commissione, scuotendo finalmente dal limbo a cui aveva abituato un decennio di esitante esecutivo Barroso. La Commissione ha messo la barra a dritta e procede spedita, sorprendendo per le misure messe sul tavolo. Ciò che si prevede di fare nell’immediato ha date, scadenze, e mette gli Stati membri davanti alle proprie responsabilità.

Il presidente Juncker ci ha messo la faccia e punta a incassare il risultato, spalleggiato da Germania, Francia e Italia. Intanto sulla possibile missione contro i trafficanti il capo della diplomazia Ue precisa: “Non stiamo programmando operazioni di terra in Libia”, anche se nel piano del progetto resta l’opzione della distruzione dei barconi sulla costa, nell’ambito delle operazioni navali e con il vincolo del via libera Onu. Per il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni è una “svolta politico-culturale”. Il premier Matteo Renzi preferisce restare cauto: sono “passi in avanti”, ma “c’è ancora molto da fare”.

A rappresentare la grande svolta è “la rottura del muro di Dublino”: un sistema automatico per ricollocare in modo permanente i richiedenti protezione internazionale arrivati direttamente sul suolo europeo, distribuendoli tra Stati membri, secondo quote obbligatorie. La proposta legislativa sarà presentata entro fine anno. E nel 2016 si pensa già di “rivedere” il sistema Dublino, annuncia Timmermans. Tuttavia una prima misura di emergenza per quote, che sarà modello e banco di prova per quella che seguirà, sarà presentata già al collegio dei commissari del 27 maggio e, sentito il Parlamento, arriverà sul tavolo del Vertice europeo del 25 e 26 giugno, per essere votata a maggioranza qualificata.

Dopo Germania e Francia, l’Italia – con l’11,84% – ha la terza quota più alta in Ue. Ma come spiegato dal capo della diplomazia Ue, l’Italia in quanto Paese beneficiario “sarà esentato”. Gli Stati che si vedranno allentare la pressione dovrebbero essere Italia, Grecia, e Malta: saranno designati ufficialmente, con la cifra totale da ridistribuire, nel documento di fine maggio. Il vicepresidente dell’esecutivo Timmermans ci ha tenuto ad evidenziare – in conferenza stampa lo ha ripetuto almeno due volte – che il piano è passato nel collegio dei commissari con un voto “all’unanimità”. Una sottolineatura per dimostrare come i membri dell’esecutivo siano rimasti indipendenti di fronte ai pressing delle cancellerie.

La proposta delle quote infatti ha già dei nemici dichiarati, dall’Ungheria alla Polonia, dalla Lituania alla Slovacchia, alla Repubblica Ceca. Un plotone che sarebbe stato sicuramente guidato dal premier britannico David Cameron, se non avesse avuto la possibilità di “opt out” e quindi di sfilarsi dall’operazione, con Irlanda e Danimarca. Su un altro binario si muove invece la partita dei reinsediamenti, ovvero il trasferimento dei richiedenti protezione internazionale che si trovano nei campi profughi di Paesi terzi.

La Commissione stanzia 50 milioni di euro e propone un numero target complessivo di 20mila (persone che vengono individuate dall’Unhcr) da ripartire in tutta Europa, anche in questo caso secondo percentuali determinate. La quota dell’Italia è 9,94% – 1989 persone – e in questo caso non è esentata. E’ la percentuale più alta dopo Germania 15,43%, 3.086; Francia 11,87%, 2375; e Gran Bretagna 11,54%, 2309. Tuttavia la partecipazione del Regno Unito (così come quella della Danimarca e dell’Irlanda) è opzionale e Londra ha già dato segnali di volersi tenere alla larga.

L’esecutivo presenterà una Raccomandazione per l’adozione al summit di fine giugno. Sembrano invece voler partecipare tutti alla missione militare europea contro i trafficanti, per la quale resta però necessaria una risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu. L’Italia ha proposto un capo militare (l’ammiraglio di divisione Enrico Credendino) e messo a disposizione un quartier generale a Roma. Lunedì a Bruxelles i ministri degli Esteri e della Difesa europei in formazione ‘jumbo’ daranno il via libera al piano generale della missione antiscafisti, il cosiddetto Crisis Management Concept finalizzato oggi dai diplomatici del Cops. Tre le fasi previste per contrastare gli scafisti e distruggere i barconi: operazioni in acque internazionali, nelle acque libiche e sulla costa.

(di Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

10:08Russia: sondaggio, 61% russi pronti a votare Putin

(ANSA) - MOSCA, 13 DIC - Vladimir Putin si avvia verso una vittoria a man bassa alle presidenziali russe del prossimo 18 marzo. Secondo un sondaggio del centro demoscopico Levada, il 61% dei russi è pronto a votare per l'attuale leader del Cremlino e la quota sale addirittura al 75% tra coloro che sono sicuri o quasi di recarsi alle urne. Gli altri candidati seguono Putin a notevole distanza: il leader nazionalista del partito liberaldemocratico Vladimir Zhirinovski ha l'8% delle preferenze (10% tra chi intende votare), il comunista Ghennadi Ziuganov il 6% (7% tra chi intende votare), Serghiei Mironov di Russia Giusta il 2%, Grigori Iavlinski l'1% e Ksenia Sobchak un altro 1%. Stando al sondaggio - condotto dall'1 al 5 dicembre su 1.600 persone in 48 regioni della Russia - il 28% dei russi sostiene che andrà sicuramente a votare, il 30% che ci andrà con grande probabilità, il 20% è indeciso e il 19% non intende votare.

09:54Scuola: prof milanese tra 50 finalisti Global Teacher Prize

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - C'è un'insegnante di Milano, Lorella Carimali, prof di matematica al Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto, tra i 50 finalisti del Global Teacher Prize 2018 della Varkey Foundation, che mette in palio un milione di dollari. I suoi metodi innovativi prevedono la combinazione di classi di studenti e discipline diverse, includendo, a volte, le materie più svariate, come il teatro, affinché gli studenti di livello diverso possano interagire e realizzare una crescita collettiva. Uno dei risultati di queste tecniche è il miglioramento dei loro voti. I 50 finalisti prescelti saranno ridotti a 10 dal Prize Commitee, e i risultati di questa ulteriore selezione saranno annunciati nel febbraio 2018. Tra i 10 finalisti, la Global Teacher Prize Academy sceglierà poi il vincitore. Tutti e dieci i finalisti saranno invitati a Dubai dove il 18 marzo del prossimo anno sarà annunciato il vincitore.

06:52Usa: elezioni Alabama, vince democratico Jones

(ANSA) - WASHINGTON, 13 DIC - Doug Jones vince le elezioni in Alabama per un seggio al Senato americano. La vittoria del democratico e' uno schiaffo per il presidente Donald Trump, che aveva appoggiato il candidato Roy Moore nonostante la controversia sollevata dalle accuse di molestie sessuali. Duro colpo anche per il partito repubblicano che perde un prezioso voto al Senato, dove deteneva una maggioranza gia' limitata a 52 seggi su 100. "Il popolo dell'Alabama ha piu' in comune di cio' che lo divide. Abbiamo mostrato non solo all'Alabama ma al Paese che possiamo essere uniti", ha dichiarato Jones dopo la vittoria. Trump reagisce su Twitter all'esito del voto, mostrando fair play e congratulandosi con Jones: "I repubblicani avranno un'altra chance per questo seggio molto presto. Non finisce mai!".

22:58Calcio: Buffon, Juve sta bene nel mucchio selvaggio in testa

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - La Juventus "sta bene nel mucchio selvaggio" in testa al campionato, e "non deve sottovalutare" il Tottenham in Champions League. Gianluigi Buffon analizza la doppia corsa, sottolineando che per i bianconeri "è un bel momento". "Pur non vincendo una gara importante contro l'Inter, i risultati delle altre ci hanno dato una grossa mano a vedere il bicchiere mezzo pieno e a far sì che si sia creato questo mucchio selvaggio in testa alla classifica. È chiaro che diventa un campionato più avvincente e noi secondo me ci sentiamo meglio in una posizione così ravvicinata alla testa della classifica", ha notato il capitano juventino a margine dei Gazzetta Sports Awards. "Il Tottenham è una squadra da prendere con le molle, ha tanta fisicità in quasi tutti i singoli e grande tecnica in cinque o sei elementi. Di solito impone alla gara un ritmo forsennato, di conseguenza sulle due gare è un avversario veramente temibile e da non sottovalutare".

22:44Donna dell’Agrigentino festeggia 106 anni con sorella di 112

(ANSA) - CANICATTI' (AGRIGENTO), 12 DIC - Altro compleanno ultracentenario a Canicattì (Ag) in casa Cammalleri. Attorniata dai familiari, tra cui la sorella Diega "Deddè" di 112 anni e la cognata di 94, ha festeggiato le sue 106 primavere Fifì Cammalleri, nata il 12 dicembre 1911. Le due sorelle vivono nella stessa casa. Nell'ottobre dello scorso anno, per i suoi 111 anni, Diega, che è stata a lungo insegnante, ricevette una medaglia d'oro dall'allora ministro dell'Istruzione Stefania Giannini. In quell'occasione l'interessata disse di non aver mai punito i suoi alunni "ma se necessario li ho solo corretti". Ai festeggiamenti di oggi erano presenti i numerosi nipoti delle due sorelle, anche loro avanti in età. (ANSA).

22:39Tap: Emiliano, Governo incosciente, presenteremo esposto

(ANSA) - BARI, 12 DIC - "I fatti accaduti in Austria hanno dimostrato che le preoccupazioni della Regione Puglia hanno un fondamento evidente che ci obbligherà nei prossimi giorni a sottoporre alla Procura della Repubblica competente un esposto che mira a salvaguardare l'incolumità pubblica dalla incosciente decisione del Governo di ritenere non assoggettabile alle direttive Seveso l'impianto Tap". In una nota, il presidente della Puglia, Michele Emiliano, replica al ministro dello Sviluppo Carlo Calenda, che aveva criticato le rimostranze della regione sul gasdotto Tap. Per Emiliano, "di incoscienza collettiva evidentemente si tratta se è vero che il Ministro Calenda dalle notizie della vittima e dei 21 feriti in Austria trae lo spunto solo per ribadire che il TAP è necessario proprio per sopperire alla temporanea carenza di gas distribuita nel Nord Europa ove dovessero ripetersi incidenti analoghi a quello accaduto oggi". "Si tratta con ogni evidenza - rimarca Emiliano - di un caso di strabismo politico".

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

Archivio Ultima ora